Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Maschio …,Maschio???...
la divina arte di mi...
Sete di pace...
Ti porterò con me...
Ispirata dai salmi...
Ardente...
Sbagliare...
TU CHE NE SAI...
Momenti...
Naufragi...
inverno nel cuore...
Tempesta...
Lucida follia...
POMERIGGIO DI PULIZ...
Ritrovarsi...
COME CURVE DI SERPEN...
Per Leonie...
Impegnarsi ad odiare...
Se un giorno viagger...
Nei tuoi pensieri...
Non giudicarmi...
Riceverai mille vite...
AMARE PER POTER...
Il Supercomputer...
sorella lacrima...
A te!...
PREMORTEM di Enio 2...
Chi ti vuol bene no...
La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



NE UCCIDE PIU LA LINGUA CHE… (proverbi) di Enio2

So’ rientrato a casa ‘na matina
reduce da ‘na gara de fioretto
co’ ‘na gran voja de annammene a letto
ciavevo sete. Ho operto la cucina
che era invasa da li bacarozzi.
Mortacci vostri… mo ve faccio a tozzi…


Tanto che lì er fioretto ho sfoderato
e ho provato a infirzalli tutti quanti.
Più ne infirzavo e più ereno tanti
che schizzaveno fòra da ‘gni lato.
Così che io, pe’ tojeme d’impaccio
dissi drento de me: Lo sai che faccio?


Mo comincio a acciaccalli co’ le sòle
pe’ sorti’ fòra presto da le pene.
E pare me riuscisse proprio bene
perché ho capito che così se pole
cambia’ er proverbio tanto saggio e antico.
State a senti’ quello che mo ve dico


Io so’ sicuro che, comunque vada
-nun se tratta de un verbo o de ‘n avverbio-
perché a ‘sto punto cambierò er proverbio:
“Ne ammazza più la sòla che la spada!”


Mo richiedete ando’ le vado a pia’
dite che questa qua nun è poesia?



Share |


Poesia scritta il 13/10/2017 - 12:18
Da enio2 orsuni
Letta n.141 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


La faccina non c’entra. È comparsa per errore. Ciao Aurelia

Aurelia Strada 15/10/2017 - 23:17

--------------------------------------

Bravissimo Enio, con i tuoi versi ho chiuso in bellezza la giornata. 5* Aurelia

Aurelia Strada 15/10/2017 - 23:16

--------------------------------------

grazie a tutti amici la satira continua...
Mirella, non serve che mi sporco le suole ha già istallato delle bombole al cianuro devo solo schiacciare un bottone

enio2 orsuni 15/10/2017 - 12:45

--------------------------------------

Fantastico Enio!!!!!!!!!!!

Grazia Giuliani 13/10/2017 - 22:34

--------------------------------------

si si
è poesia
ma i bacarozzi Enio, no
sono terrorizzata

laisa azzurra 13/10/2017 - 20:22

--------------------------------------

Non si può fare a meno di leggere una delle tue poesie e farsi una sonora risata. Dissacrante come al solito. Giulio Soro

Giulio Soro 13/10/2017 - 18:13

--------------------------------------

ENIO...lo sai che te dico....che se le sole tue funzionano cosi bene, perche non t'apposti a Montecitorio e appena vedi quei bacarozzi che entrano e che escono Daieeee giù con le sole e ammazzane più che poi!!!!! (nota che ho cercato di scrivere in romanesco, ma non riesco a superare il maestro). Bravo ciao un bacio

mirella narducci 13/10/2017 - 18:00

--------------------------------------

Perché no? Tu sei mitico!!!!!!!!

Teresa Peluso 13/10/2017 - 15:48

--------------------------------------

"..e allora dai de sola a sti baccarozzi
che a furia di botte li ridurrai a pezzi"..ahahahah, sempre esilarante e divertente, ciao

Francesco Scolaro 13/10/2017 - 14:58

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?