Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Baciami ancora...
L'istante...
L'uomo e il progress...
Riprendo la strada...
Maschio …,Maschio???...
la divina arte di mi...
Sete di pace...
Ti porterò con me...
Ispirata dai salmi...
Ardente...
Sbagliare...
TU CHE NE SAI...
Momenti...
Naufragi...
inverno nel cuore...
Tempesta...
Lucida follia...
POMERIGGIO DI PULIZ...
Ritrovarsi...
COME CURVE DI SERPEN...
Per Leonie...
Impegnarsi ad odiare...
Se un giorno viagger...
Nei tuoi pensieri...
Non giudicarmi...
Riceverai mille vite...
AMARE PER POTER...
Il Supercomputer...
sorella lacrima...
A te!...
PREMORTEM di Enio 2...
Chi ti vuol bene no...
La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
La casa del serpente...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

adamo ed eva

Nell’eden meraviglioso ed incantato
Adamo ed Eva vivevano felici
attenti disse Dio che ho piantato
due alberi di mele per gli amici


guai a voi due se una ne toccate
rimpiangerete certo d’esser nati
basta soltanto appen che le sfiorate
che subito sarete castigati


ma cosa dici Dio ti puoi fidare
di noi puoi starne certo stai tranquillo
non penseremmo mai noi di toccare
le mele neanche fossero uno spillo


ma alcuni giorni dopo nel giardino
udirono una voce sibilante
se fossi in voi ne assaggerei un pochino
è buona assai la mela era il serpente


Adamo guardo Eva poi le disse
no cara non lo stiamo ad ascoltare
che caso mai il Signore lo sapesse
chissà davvero cosa ci può fare


ed Eva un pezzettino un morso soltanto
vedrai che certo non s’accorgerà
disse col volto bagnato di pianto
un tantinello ma che male fa


d’accordo disse Adamo ma in un momento
venne colpito da un grido assordante:
cosa t’avevo detto ed ora attento
vi maledico tutte e due con il serpente


tu uomo lavorerai con sudore
sperando mai sarai un disoccupato
tu donna partorirai con dolore
finchè il parto cesareo non sarà inventato.



Share |


Poesia scritta il 17/10/2017 - 10:23
Da andrea sergi
Letta n.124 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


infatti l'uomo è disoccupato e la donna fa l'epidurale. ma dico: Dio non ci azzecca mai? bella Andrea peccato alcune dissonanze e sballi di metrica ma il contenuro lo voto 5*

enio2 orsuni 18/10/2017 - 14:18

--------------------------------------

Mi è piaciuta molto questa poesia!

Lucia Frore 17/10/2017 - 22:24

--------------------------------------

Un attraente poema di storia cristiana, che si legge con partecipazione e dal finale assai moderno...
Ottima interpretazione , con belle rime!

Alessia Torres 17/10/2017 - 17:33

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?