Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Maschio …,Maschio???...
la divina arte di mi...
Sete di pace...
Ti porterò con me...
Ispirata dai salmi...
Ardente...
Sbagliare...
TU CHE NE SAI...
Momenti...
Naufragi...
inverno nel cuore...
Tempesta...
Lucida follia...
POMERIGGIO DI PULIZ...
Ritrovarsi...
COME CURVE DI SERPEN...
Per Leonie...
Impegnarsi ad odiare...
Se un giorno viagger...
Nei tuoi pensieri...
Non giudicarmi...
Riceverai mille vite...
AMARE PER POTER...
Il Supercomputer...
sorella lacrima...
A te!...
PREMORTEM di Enio 2...
Chi ti vuol bene no...
La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'insonnia

Nell'insonnia di una notte,
affacciato alla finestra del mio casolare,
guardavo la aperta campagna,
il mio campo di grano.
Silente muto,
le spighe ondeggiavano come placido mare.
Quasi assopito sognavo l'estremo orizzonte,
con un chiarore di una cortigiana luna,
che affascinava il mio stato d'animo,
al punto che vedevo l'alba
lievemente imporporarsi di mille colori,
una splendida vista per poeti e pittori,
e poi
tanto dal sonno preso,
che ogni fantasia abbandonai.


Share |


Poesia scritta il 21/10/2017 - 11:51
Da Salvatore Rastelli
Letta n.352 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Di notte si dovrebbe dormire almeno... ma quando il sonno non arriva osservare paesaggi così suggestivi e appena sfiorati dalla luna illuminante è davvero una bellissima sensazione!
Una descrizione molto bella...

P.S.P.S. Mi chiedo però come hai fatto a veder così bene le spighe ondeggiare nel pieno della notte.....


Alessia Torres 21/10/2017 - 17:05

--------------------------------------

l'insonnia
come la possibilità di inebriarsi di bellezze che ad altri, sono celate
molto bella

laisa azzurra 21/10/2017 - 15:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?