Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
Cuore: Edmondo De A...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Gli abeti nella sera...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...
Tu non sorridi più...
Meretrice(C)...
DOMANI...
Due meno uno non fa ...
Sei...
Cum Quibus...
A mie spese...
La Maga nelle spire...
Volatili discriminat...
Peccato...
Apostrofe dell'incom...
Amarti significa......
Hotel Cielo stellato...
PAURA...
PICCOLE COSE...
SCOPRIMI...
Riaffioramenti...
L'anima perduta...
L'uomo l'unico ess...
Goccia dopo goccia...
SUONA CAMPANA...
Non ho...
Fa male...
Un riposo insonne...
L\'amore per la lett...
L'ultima roccia...
Mascolinità...
nella stanza del pad...
Lo Scrittore D'Oro....
Poli difformi...
Immensità...
SAN MARTINO (11 nov....
Ti sarà capitato...
E ANCORA, ANCORA, AN...
AL ROGO...
Come Peter Pan...
The end...
La folle corsa......
Novembre...
COSPIRAZIONE...
PALESTRE di VITA (pr...
L\'attimo...
C'è un cadavere nell...
Gocce...
Come gocciola la neb...
Le pentole quando bo...
L' ORA DELLA POE...
La città sepolta...
Un dono speciale...
Tempesta...
Pensiero...
BOLLA DI SAPONE...
Dove finisce il mare...
C'ERAVAMO PERSI...
che sei luna...
Doloroso ricordo... ...
LA MERAVIGLIA DELL'A...
L’orologio...
Meandri (C)...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



GRAZIE MAMMA

Grazie mamma,
per il tuo "si" che nel divin compiacimento
si è tramutato in linfa di vita
e mi hai accolto nel tepore del tuo materno grembo,
giaciglio d'amore alle viscere del Cielo.
Quanta felicità nel mio primo strillo,
gagliardo inno alla vita!
Quanti primi passi nel palcoscenico della mia vita ,
ma solo quelli fatti per aggrapparmi alle tue ginocchia
han trovato l'applauso.
E quante parole cortigiane del senso comune,
ma una sola autentica sintesi della vita,
la prima fra tutte: "mamma!"


Grazie mamma
per non aver contato i miei "perché?"
quando fanciullo vedevo il mondo a colori
e premurosa ergevi castelli di sabbia e cantavi il mio ritornello.
Complice delle mie fantasie
ti perdevi con tenera leggiadria nel mio mondo
che in fondo sentivi anche un po’ tuo.
Sui banchi di scuola ho scoperto i miei talenti
ma solo tu mi hai insegnato i teoremi della vita.


Grazie mamma
perché la tua perseveranza mi ha ancorato
a un lembo della tua veste
quando ribelle rincorrevo il mio ego
in una folle corsa senza meta.
Col tuo paziente amore
hai sigillato le crepe del mio cuore.


Grazie mamma
perché non hai lesinato in amore
nemmeno nel tuo ultimo sospiro
quando mi hai insegnato che esiste una
sofferenza che strugge ma non distrugge,
e anche se l'incanto di una vita passa,
non tramonta mai la speranza
se alziamo lo sguardo oltre i confini
delle nostre umane fattezze...


Grazie mamma!



Share |


Poesia scritta il 21/10/2017 - 19:47
Da Nunzio Ciccarelli
Letta n.295 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Meravigliosamente bella e condivisa. Anche oltre, il suo amore si fa sentire e non ci sentiremo mai soli.

Teresa Peluso 22/10/2017 - 15:00

--------------------------------------

Meravigliosamente condivisa
Mi unisco al tuo dolcissimo "grazie mamma"

laisa azzurra 22/10/2017 - 12:06

--------------------------------------

E' una dedica meravigliosa!
Un inno all'amore che ci ha forgiato e continua nella trasformazione della nostra vita! Stupenda!

margherita pisano 22/10/2017 - 11:19

--------------------------------------

E? la figura meravigliosa per eccellenza. La donna che diventa madre, educatrice, consolatrice, sempre presente.
Persona ma essere dotato di infinita energia e amore. Unico esempio di amore e vigore, ecco perchè il ricordo è altrettanto forte, intenso e unico.

ALFONSO BORDONARO 22/10/2017 - 09:05

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?