Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

GIADA- Seconda Parte...
Se fossi chi non son...
AVATAR...
Caro me...
33 versi...
Tabù...
Eterei amanti di pen...
L'Ultimo Anno...
SUSSULTO...
Nella notte che non ...
Confidenze...
Polvere...
SAPPIMI DIRE...
Il filo rosso...
Puoi....
Una cenetta a due...
Una preghiera...
Quo vadis...
LA MACCHINA DEL TEMP...
Le melodie dell\'arp...
ali....
Stile Libero...
L’uomo del faro....
Serenamente...
....tu, annusa...
Lei...
HAIKU N2...
Se una canzone fossi...
BUONE COSE...
Nero grafene...
DIFFICILE ETA'...
Non siamo niente di ...
LA MUSA ISPIRATRICE ...
Brezza primaverile...
Sepoltura...
DOVE SEI...
L'anno nuovo...
100% cuore...
Comprensione...
LACRIME NASCOSTE...
LA MIA VITA CON LE D...
I Draghi...
PAURA...
ROSA D\\'INVERNO...
Il test...
Mare di pioggia...
Il vento mi scompigl...
Sulle rive...
Ninetta...
Il mio niente...
L'uomo fatto di stra...
Bambola di perle...
Bieca introspezione...
La società si muove ...
POETI QUESTI SC...
Rame invecchiato...
OGGI HO PIANTO...
Confessioni di un gi...
Raggi d'amore...
Ai monti...
La città d'inverno...
Tempo e dolore...
Muri immensi......
illuso...
Purtroppo o per fort...
Vento....
L'amore breve...
Stato di coraggio....
PRE ISOLA DI MARY...
Amarti...
FUOCO...
Lucio IL GRANDE...
Rabbrividisco...
per fortuna che ho l...
Attitudine naturale...
Poesia d'Amore...
Angeli distratti...
HO AMATO...
DEMOCRAZIA di Enio 2...
...e tutto muove...
Esecuzione Capitale...
Di più...
Pianeta...
DOLCI OCCHI TUOI...
requiem...
Prima che sia giorno...
IL PENSIERO...
Onde d\'amore...
L'ultima salita...
Rime allucinate...
Domani verrà...
Te stessa......
Resilenza...
Femme fatale...
FELINO...
Labbra Rosse...
AMICA POESIA...
Discriminazione e di...
Senza risposte...
Per mio padre...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



superbia

Dilaga la nebbiosa coltre:
è notte;
il mare ci abbandona sfrigolando;
echeggia per le nude
strade e piazze,
il tuono
di una voce mai udita:
voce incorporea,
cosmico urlo:
l'uomo soccombe
su sé stesso.


Scaturì
dall'abisso la memoria,
attesero le stelle
quel ritorno;
Si frugò tra le tenebre
e le braci
scoprendo l'uomo,
e si lanciò la freccia
fulminante altri
scheletri viventi:
ne'manco'
la vendetta.


Non ci fu grande amore,
né più pene:
solo per sé si volle
la pienezza;
e la noia riprese
la sua superbia,
fu lesta nel bersaglio:
non pensarci,
uomo nuovo,
tu cedi al traino grave
del soccombente amore.


Nell'immenso dolore
mi impersono
e ne vengo distrutto
in dubbi e pene,
scoppiando per atroci notti insonni.



Perché
l'emendazione del peccati
Si sconta con dolori
più pesanti?
Oh, vieni,indifferenza...



Share |


Poesia scritta il 12/12/2017 - 01:38
Da Dave Giacobs
Letta n.97 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Grazie.. gentilissimo..

Dave Giacobs 13/12/2017 - 00:27

--------------------------------------

si commenta da sè nella sua pienezza
dico solo bella! Dave 5*

enio2 orsuni 12/12/2017 - 11:03

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?