Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

APOLOGIA DI ME STESSO

Sono giunto senza meta da una terra di briganti,
dove il Sole è caldo e amaro, dove imperano quei Santi,
che dalla popolazione son portati in processione
tra le angosce e le speranze, le memorie e le giacenze.


Son partito all'improvviso dalla landa di nessuno
un po' poeta, un po' barbone, squattrinato, birbaccione,
con il mito secolare dell'eterna emigrazione
che da questo Sud cocente, si attua inevitabilmente.


E ora lasciatemi cantare,
a che vi serve giudicare
questa mia presa di coscienza
di cui non posso fare senza?
Senza mete né comete né traguardi imperituri,
vivo sulla stessa strada, ce ne saranno di futuri.


Ho lottato con la vita, con il sangue e con l'onore,
ed ho salutato amici, nascondendone il dolore,
ma la vita è sacrificio, mica un attimo di tregua,
è una curva dietro al mare, un'eterna improvvisata.


Ho cambiato quell'amore che era già troppo in salita,
poco appena cominciato, un'avventura già finita,
forse qualche cosa ancora volentieri l'avrei scritta
ma mi ha preso un tale ardore, e non è mica una sconfitta.


Io volevo fare della carta e penna il mio mestiere,
e chissà che non mi accada, in fondo è tutto da scoprire.


Io potevo, avrei potuto, io potrei, se io potessi
quanto c'è da analizzare, quanto ancora da inventare,
ma la terra gira intorno a sé troppo velocemente
non hai tempo di pensare che no, non funziona niente,
sì, avrei potuto essere con te un po' più ligio
ma non posso perder tempo, non è mica un cielo grigio
questa musica che suona dentro al cuore e nella mente,
la ramanzina non mi serve: son deciso, o tutto o niente!


E così alla riscossa cerco quel mio mondo nuovo
che sicuramente esiste, che in quell'angolo persiste,
dove posso ritrovare ancora il bello della vita
correre tra mare e terra, scriver la storia infinita.



Share |


Poesia scritta il 23/07/2013 - 00:57
Da Manuel Miranda
Letta n.552 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?