Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Polvere......
Nitente (Alinea I)...
Orizzonti...
STRUTTURA DI OCCHI C...
LA MAGIA DELLA LUCE...
I VERSI...
ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Notti magiche !

M’hai invitato a venì a vedè
er calcio alla tv, su da te.
Io nun volevo famme giudicare
quanno ‘n pallone vedo rotolare,
perché so ‘nartro omo quanno tifo,
so l’ombra de ‘n umano, faccio schifo!
M’accoji sur divano e attorno a me
piazzi li stuzzichini e ‘n po’ de the,
me pare quasi d’essere in tribuna
de cui nun ho dimestichezza arcuna.
Accendi la tv a schermo nero.
granne come…’n cimitero intero.
Me fai sentì come ‘n gran pascià
me trovo a dì : ma che ce so venuto a fa !
Abituato ar mio mobilio,
me sento come er papa ar gran consijio !
Te siedi cor tu’ garbo accanto a me,
indossi er tricolore come ‘n collier.
E mo che la partita è iniziata
te strigni a me, sei quasi impaurita.
Io lo sono forse più de te,
t’abbraccio e nun domandà perché.
‘Na vita ce sta sempre quarcosa
che pe scacciarne n’artra è più ‘mperiosa.
Comincio a strignette ed arrivamo ar dunque,
a partita può aspettà e poi comunque….
“Amò, me dici, stanotte cosa famo ?”
“ ‘A rivincita amò, chi ce trovamo !”


Share |


Poesia scritta il 15/02/2018 - 18:28
Da Nino Curatola
Letta n.142 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Bella, divertente e verseggiata in vernacolo in modo sapiente.
I miei complimenti Nino.
Mi è molto piaciuta.

Anton Reiken 16/02/2018 - 00:02

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?