Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La mia amica Martina...
IL SOGNO...
SU DI GIRI...
ANNO DOPO ANNO...
Intrecci di sogni!...
Nervature sul viso...
CAFE...
Noi innamorati...
Dentro l'erba alta...
Sara...
E’ un privilegio riu...
Gl'ignoranti...
A MIA MADRE...
La speranza è l'anti...
AD UNA FARFALLA...
Crepuscolo...
a te...
SCARNIFICAZIONE...
La bolla di sapone...
Nel mio cuore ci ma...
La speranza di una p...
Pinocchio...
Il fiore del deserto...
Ho bisogno di te...
Margy...
Amicizia...
Risveglio di forme p...
RESPIRO NATURA di En...
Incredulità....
La sposa...
Alla fine di questa ...
Curriculum vitae...
Abbiam perso... il s...
HAIKU NR. 21...
Pedro...
Le Ore...
Sul mare... navigand...
Calce sulle dita...
QUANDO L' AMORE ...
UN’ALTRA CANZONE...
Spillo...
Quando finisce un am...
SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Acqua passata

Perso avea la mamma il suo sorriso
triste, perché partivo all'improvviso
e lacrime asciugava sul suo viso:
ma il destino che ci avea diviso
dietro l'angolo e senza preavviso
ti colse all'arto basso assai preciso
così come sventura avea deciso
e di sangue lasciava il suolo intriso


Mentre penavi di dolore
infermo su quel letto
il fratello maggiore
non aveva il sospetto
che il fratello minore
pur circondato d'affetto
avesse triste il cuore
e a soffrire costretto
nell'età sua migliore
per il sinistro maledetto


Quando soggiunse il cugino
in quella patria bella
mi disse, dell'infame destino
che nel cozzo ti sbalzò di sella:
meglio non sia stato li vicino
mi sarebbe girata la rotella


Col tempo, diradava l'assillo
perché sapevo del miglioramento:
eri di nuovo in gamba e arzillo
e a Dio ringraziavo ogni momento
ma non dormivo tranquillo
privo di nuove e di commento


Ma dopo la tempesta
torna sempre il sereno
e fu una grande festa
vederti, laddove nasce il reno
protetto da una firma onesta
che fiducia ti dette nondimeno


Quanta acqua è passata
sulle arcate dei ponti
la gioventù se ne andata
presentando i suoi conti:
ma la dea bendata
ci ha fatto degli sconti.



Share |


Poesia scritta il 23/04/2018 - 10:20
Da Gabriele Vacca
Letta n.70 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?