Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Morte

Che cosa sei?
Silenziosa ed infame,
hai aspettato solo che mi voltassi
per poi colpirmi alle spalle.
Che cosa sei?
Portatrice di lacrime e dolore,
non dai nessuna spiegazione,
segui il tuo scritto e vai avanti.
Che cosa sei?
Crudele ed egoista,
non guardi in faccia nessuno,
prendi chi vuoi senza avere pietà.
Che cosa sei?
Lasci qui chi soffre,
lasci qui chi resta,
in questa continua spirale di dolore,
per la ingiusta perdita di chi ti sei portata via.
Che cosa sei?
Morte, inaspettata e perfida morte.


Share |


Poesia scritta il 15/09/2013 - 21:18
Da Sabrina Testai
Letta n.506 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


in effetti hai ragione, mi spiace .

f c 16/09/2013 - 12:23

--------------------------------------

Certo non voglio che vengano fatti falsi apprezzamenti sulle mie opere, semplicemente nel tuo primo commento ho constatato una forse troppo diretta opinione che come primo impatto è apparsa poco carina. Tutto qui.

Sabrina Testai 16/09/2013 - 11:49

--------------------------------------

Ho scritto 2 commenti , ho cercato di darti suggerimenti e l'ho fatto solo perché penso che tu non scriva male, mi spiace per quello che ti è successo ma nel momento in cui lo scrivi lo stai rendendo pubblico e non importa di cosa parli ma di come lo fai. Sono sincero, è inutile star qui a dire sempre bravo , bella poesia e poi magari era meglio farsi pestare un piede da un elefante.

f c 16/09/2013 - 09:43

--------------------------------------

Il modo di esprimere la tua opinione mi sembra non troppo elegante perché lo vedo quasi come un disprezzo. A te questa poesia non darà niente ma a me ti garantisco ke purtroppo qualcosa trasmette sia x le parole sia x il fatto di averlo provato sulla mia pelle. Accetto e rispetto le critiche ma devono comunque essere fatte con rispetto.

Sabrina Testai 16/09/2013 - 09:39

--------------------------------------

Scusa ma se sai perfettamente che cos'è perché continui a domandarlo? Poi lo ripeti per 5 volte in meno di 20 versi. In più lo sveli subito nel titolo che è la morte. Chi legge non sa cosa senti, non e giusto che si ritrovo infilato in un'interminabile serie di cliché. Prova a leggere Tolstoj.

f c 15/09/2013 - 23:07

--------------------------------------

Prova a immaginare che nessuno sappia o provi quello che tu provi, ricorri a immagini semplici che tutte insieme evochino una situazione in cui il lettore sia in grado di ritrovarsi, non puoi aspettarti che chi ti legge faccia lo sforzo di conoscerti, sei tu scrittrice che devi farti scoprire con delle tracce che guidino a quello che vuoi trasmettere un passi alla volta. Se sbatti tutto in faccia a chi legge sembra che spazzi una stanza invece di arredarla. Scusa se sono un pò diretto ma credo che tu non sia male affatto e mi fa rabbia non leggere qualcosa degno delle tue capacità.

f c 15/09/2013 - 23:00

--------------------------------------

Prova a immaginare che nessuno sappia o provi quello che tu provi, ricorri a immagini semplici che tutte insieme evochino una situazione in cui il lettore sia in grado di ritrovarsi, non puoi aspettarti che chi ti legge faccia lo sforzo di conoscerti, sei tu scrittrice che devi farti scoprire con delle tracce che guidino a quello che vuoi trasmettere un passi alla volta. Se sbatti tutto in faccia a chi legge sembra che spazzi una stanza invece di arredarla. Scusa se sono un pò diretto ma credo che tu non sia male affatto e mi fa rabbia non leggere qualcosa degno delle tue capacità.

f c 15/09/2013 - 22:49

--------------------------------------

Scusa ma se sai perfettamente che cos'è perché continui a domandarlo? Poi lo ripeti per 5 volte in meno di 20 versi. In più lo sveli subito nel titolo che è la morte. Chi legge non sa cosa senti, non e giusto che si ritrovo infilato in un'interminabile serie di cliché. Prova a leggere Tolstoj.

f c 15/09/2013 - 22:22

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?