Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...
OGGI...
La carità non la con...
La croce...
Anatomia di un bacio...
Orme...
Fare breccia in un m...
Società:...
Canto di un appassio...
Lembo di blu...
Che sapore ha il mal...
Questo amore è come ...
PRATO D’ATTESA...
Sensi...
Scende la sera...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il veliero

Scorre il veliero mio lungo il tracciato
che il destino immutabile ha segnato
ed io resto al timone a decretare
una rotta che mai potrò cambiare.


Ruoto le vele, cambio direzione,
e credo d'esser dell'andar padrone,
ma assecondarmi proprio non lo sento,
obbedisce alle onde, ai flutti, al vento.


Lascia una striscia lungo la sua via
ed è uno squarcio di malinconia,
il ponte è carezzato dalla brezza
ch'è solo un soffio antico di tristezza.


I fianchi son battuti dalle onde
quasi ad aprir ferite già profonde,
ed una d'esse d'altre più possente
sembra un grido d'angoscia prepotente.


Il mio veliero segue la sua via
verso un'isola lunge, la Follia,
e passa in mezzo al mare in confusione
sfiorando il golfo di Disperazione.


Vai, mio veliero, dunque dove vuoi,
tu sei padrone, schiavi siamo noi,
credevo comandarti e poi m'accorsi
ch'eran di già decisi i tuoi percorsi.


E dunque nulla d'altro ormai mi resta
che vagare con te nella tempesta
fino a poterci insieme noi acquietare
nella calma auspicata, in fondo al mare.



Share |


Poesia scritta il 08/11/2013 - 09:28
Da Lorenzo Crocetti
Letta n.561 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Bella metafora e bella poesia in rima, complimenti mi è piaciuta molto.

Paolo Cangialeoni 24/11/2013 - 08:42

--------------------------------------

Bello lo spunto del vagar alla ricerca di se stessi nel mondo. Trovo le rime in certi versi un pò ''costrette'' quasi cercate, ma nel complesso buono l'intento.

FRANCESCA GUECI 09/11/2013 - 19:22

--------------------------------------

Bel ritmo! per descrivere il percorso non proprio facile della vita.Piaciuta!

Claretta Frau 09/11/2013 - 14:46

--------------------------------------

Bella poesia, m piace molto, forse perchè mi ricorda un po' il mio stile, lo hai simile al mio...comunque veramente bella, complimenti!

Gaio Cincinnato 08/11/2013 - 23:26

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?