Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Polvere......
Nitente (Alinea I)...
Orizzonti...
STRUTTURA DI OCCHI C...
LA MAGIA DELLA LUCE...
I VERSI...
ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Bellezza e miopia

Fu durante la visita a un castello
sulla bella collina fiorentina
che io mi sentii dir: “Quanto sei bello!”
da una ragazza proprio assai carina.


Era la prima volta in vita mia
che un tale “bello” dato mi veniva,
sentiti nel cuore scender l'allegria
e urlai fra me: “Brutto non sono, evviva!”


Visitammo il maniero per l'intero
e lei continuava a dir sicura:
“Ma lo sai che sei bello per davvero,
mai vidi una bellezza così pura!”


“Vedi tu un poco” io fra me pensavo,
“lei dice il vero, sono una bellezza,
e dire che io sempre mi fissavo
a dispiacermi per la mia bruttezza.


Come fa a vedermi così bello,
eppur lo dice in tanta convinzione,
evviva questa visita al castello
che m'ha prodotto gran così emozione.”


Andammo poi insieme alla fermata
del tranvai che ci avrebbe riportato
in basso alla città sotto adagiata,
ed io di grande gioia ero ammantato.


Siccome sono miope leggermente,
quando vidi un tranvai che lì s'immette
chiesi a quella bambina dolcemente:
“Forse è il numero nostro, il ventisette?”


Lei con sorpresa allora mi ha guardato
e m'ha detto: “Non vedo alcun tranvai,
l'occhiale a casa l'ho dimenticato...
ho gran nebbia negli occhi, sono guai!”



Share |


Poesia scritta il 14/11/2013 - 18:56
Da Lorenzo Crocetti
Letta n.341 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?