Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Alla mia anima.

Anima mia,
ingiallita foglia d'autunno,
contorto
albero tra i venti,
che vai portando stasera
dentro la pena del tuo rimpianto?


Per chi batti ali stanche
che del muto Cielo non reggono il peso?
Di profondi e insaziabili lamenti
vai straziando il tuo essere,
come cane randagio
cerchi un giaciglio ove appoggiarti,
e la solitudine che t'avvolge
non ha lacrima
che possa mutare in sorriso.


Anima mia,
che farai stasera
estranea e silente?
La tua tristezza non ti pesa
più che pietra sul cuore?


Questo grigio silenzio
che la vita ci svela
si consuma nell'inutile attesa:
cadono invano i tuoi pensieri
e nessuno raccoglie il tuo sguardo.
Di fronte alla Falce che avanza
sui campi del grano,
ove muore il fiordaliso
e la speronella rinsecca,
come puoi strappare il dolore
che t'avvolge e ti schiaccia?


Che diremo, noi tutti,
alla nera Paura
che le nostre notti visita,
quando brandelli di carne
ci strapperà ad uno ad uno l'Angoscia?


Lo spazio e il respiro
che dentro ci vivono,
gravati da quel peso impalpabile,
invano scruteremo ancora nello specchio,
ove, misera pittura di vertigine,
ciò che pensiamo conoscere
mostra solo labili sembianze,
che la Morte aspetta
ed il Cielo non nutre.



Share |


Poesia scritta il 03/02/2014 - 21:08
Da Giuseppe Vecchi
Letta n.405 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?