Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Sunettu allu sunettu

"Ha' shtatu sempri lu cumpagnu mia
quann'iu sceva alla scola e ti shtutiava;
puru lu provessori ti vantava,
percé tu si' lu megghiu t'la puisìa!


Li rèculi tua so' 'na caranzìa;
a cuddu ca piacev'nu s'li 'mparava,
truvava li paroli cu rrimava
e poi scriveva cu la fantasia.


Mu' t'hannu ruvinatu, caru amicu!
Nisciunu cchiù ti scrivi comu prima;
no' s'usa cchiuni lu sishtema anticu!


Mu' no' nci shta né versu e mancu rima!
Mi raccumannu, no' ti fa' nimicu
ti ci ti voli scorcia cu la lima!


Tu si' sempri la cima!
No' ti 'rrabbià', l'ha' ffari pi ffavori,
cá no' surtantu tua è lu dulori!".


Traduzione:
Sonetto al sonetto


"Sei stato sempre il compagno mio
quand'io andavo a scuola e ti studiavo;
pure il professore ti vantava,
perché tu sei il meglio della poesia!


Le regole tue son una garanzia;
quello cui piacevano le imparava,
trovava le parole per rimare
e poi scriveva con la fantasia.


Or t'hanno rovinato, caro amico!
Nessuno più ti scrive come prima:
non s'usa più il sistema antico!


Ora non c'è né verso e neanche rima!
Mi raccomando, non farti nemico
di chi ti vuol scorticar con la lima!


Tu sei sempre la cima!
Non arrabbiarti, fallo per favore,
ché non soltanto tuo è il dolore!".


Nota: Con questo sonetto caudato in vernacolo
sanvitese mi rivolgo a quella che, oggigiorno,
rappresenta l'immagine del sonetto.
Schema rimico: ABBA/ABBA, CDC/DCD, dEE.



Share |


Poesia scritta il 23/03/2014 - 12:21
Da Giuseppe Vita
Letta n.412 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?