Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Il cardellino...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...
I bisbigli del cuore...
SEI NELLE MIE MANCAN...
LA LOTTA DEL SOLE di...
Periferie...
Francisca...
Un dolce per te...
Mizzeca!...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lu picuraru

A llu 'rizzonti sponta già lu soli.
Lassa la massarìa lu picuraru;
penza all'amori e lu cori nci doli,
penza alla bbedda figghia t'lu massaru,
a cuiddi uecchj vierdi comu mari
ca l'hannu fattu propriu 'nnamurari.


Si ssetta sotta 'n arvulu t'aulìa,
'uarda li picureddi pasculari,
nci veni 'n'ogna ti malincunia,
sapi ca no' nci pó ccussì campari;
poi, cu ssi lleva tutti li pinzieri,
pigghia lu flautu e si metti a sunari.


Lu soli già shta pponni a chianu a chianu.
Ti giurni com'a ccuddu n'havi assai;
lu giurnu ti l'amori è assa' luntanu
e ppi iddu no' nci 'rriva quasi mai.
Shtraccu, scuntientu, e , amaru amaru
torna alla massarìa lu picuraru.


Traduzione:
Il pecoraio


All'orizzonte spunta già il sole.
Lascia la masseria il pecoraio;
pensa all'amore e il cuore gli duole,
pensa alla bella figlia del massaio,
a quegli occhi verdi come mare
che l'hanno fatto proprio innamorare.


Si siede sotto un ulivo,
guarda le pecorelle pascolare,
gli viene un po' di malinconia,
sa che non può così campare;
poi, per togliersi tutti i pensieri,
prende il flauto e si mette a suonare.


Il sole già tramonta a poco a poco.
Di giorni come quello ne ha parecchi;
il giorno dell'amore è assai lontano
e per lui non arriva quasi mai.
Stanco, scontento e amareggiato
torna alla masseria il pecoraio.


Nota: Poesia in vernacolo sanvitese con
relativa traduzione. Descrive la malinconica
giornata del pecoraio.



Share |


Poesia scritta il 29/03/2014 - 09:35
Da Giuseppe Vita
Letta n.636 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Stupenda! :)

Ivan Pirani 26/04/2014 - 20:48

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?