Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Di notte...
Vorrei essere......
Io...
Brezza...
Svegliati è tardi......
Qualcosa che non va...
19 AGOSTO ER COMPLEA...
Non ti chiedere se ...
L’uomo dovrebbe fare...
Dolcezza...
il suo nome...
Falò di pensieri...
Italia mia...
RESILIENZA...
Gli alberi intorno...
Specchio spiatore...
Illusione o realtà?...
Le mie parole sono l...
Quando arriverà il m...
La Pecora nera...
Dove nel cosmo è bui...
Tristezza per la gen...
Ne ho baciate tante ...
Nei nostri sorrisi...
SAHEL...
Contro il destino...
Sandrone...
EVOLUZIONE DELL\'AN...
Non li merito gli oc...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
LA NOSTRA PROMESSA...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lu puddicashtru

Quannu 'rrivava Pasca si faceva
'na cosa toci cu si fishtisciava;
la mamma lu vantili si mitteva
e poi li manichi si nfurdicava.


Pigghiava tuttu cuddu ca serveva
pi ffa' lu puddicashtru e shtrimpulava
fign'a quannu la pashta no' nc'asseva
lùciata e toshta e doppu la tagghiava.


Li shtuezzi li 'llungava cu li mani,
li mitteva sobbr'allu tavulieri
e puru ovi llissati sani sani.


Pi ognunu usava li shtessi maneri
ca usava quannu faceva lu pani.
Allu centru mitteva l'ovi 'nteri.


Et èrunu ovi veri!
Lu puddicashtru è ccosa ormà' passata,
cá muni l'ovi so' ti cicculata!


Traduzione:
Il puddicastro(dolce pasquale)


Quando arrivava Pasqua si faceva
una cosa dolce per festeggiare;
la mamma il grembiule si metteva
e poi le maniche si rimboccava.


Prendeva tutto quello che serviva
per far il puddicastro ed impastava
fino a quando la pasta non usciva
lucida e dura e dopo la tagliava.


I pezzi li allungava con le mani,
li metteva sopra la spianatoia
e pure uova lessate integralmente.


Per ognuno usava le stesse maniere
che usava quando faceva il pane.
Al centro metteva le uova intere.


Ed erano uova vere!
Il puddicastro è cosa ormai passata,
ché ora le uova son di cioccolato!


Nota: Sonetto caudato in vernacolo sanvitese.
Il puddicastro è il dolce pasquale tipico sanvitese di antica tradizione e si faceva
in casa. Era fatto di pasta frolla con al
centro uova sode intere. Cosa passata!



Share |


Poesia scritta il 14/04/2014 - 09:35
Da Giuseppe Vita
Letta n.395 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?