Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lā della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchė scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissā se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore č come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lu puddicashtru

Quannu 'rrivava Pasca si faceva
'na cosa toci cu si fishtisciava;
la mamma lu vantili si mitteva
e poi li manichi si nfurdicava.


Pigghiava tuttu cuddu ca serveva
pi ffa' lu puddicashtru e shtrimpulava
fign'a quannu la pashta no' nc'asseva
lųciata e toshta e doppu la tagghiava.


Li shtuezzi li 'llungava cu li mani,
li mitteva sobbr'allu tavulieri
e puru ovi llissati sani sani.


Pi ognunu usava li shtessi maneri
ca usava quannu faceva lu pani.
Allu centru mitteva l'ovi 'nteri.


Et črunu ovi veri!
Lu puddicashtru č ccosa ormā' passata,
cá muni l'ovi so' ti cicculata!


Traduzione:
Il puddicastro(dolce pasquale)


Quando arrivava Pasqua si faceva
una cosa dolce per festeggiare;
la mamma il grembiule si metteva
e poi le maniche si rimboccava.


Prendeva tutto quello che serviva
per far il puddicastro ed impastava
fino a quando la pasta non usciva
lucida e dura e dopo la tagliava.


I pezzi li allungava con le mani,
li metteva sopra la spianatoia
e pure uova lessate integralmente.


Per ognuno usava le stesse maniere
che usava quando faceva il pane.
Al centro metteva le uova intere.


Ed erano uova vere!
Il puddicastro č cosa ormai passata,
ché ora le uova son di cioccolato!


Nota: Sonetto caudato in vernacolo sanvitese.
Il puddicastro č il dolce pasquale tipico sanvitese di antica tradizione e si faceva
in casa. Era fatto di pasta frolla con al
centro uova sode intere. Cosa passata!



Share |


Poesia scritta il 14/04/2014 - 09:35
Da Giuseppe Vita
Letta n.406 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?