Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Brrrr... che freddo!...
Un presepe speciale...
L'uomo più Felice...
Abissi...
TORNA...
Ci sono ore...
Gesù di quercia...
L\\'ALBA DEL RISVEGL...
Ce ne siamo fregati...
Tra 100 o 1000 anni,...
Buono e Cattivo...
Un piccolo grande ba...
A volte per essere f...
Vera...
- Haiku - Tocco luna...
Immagine Marina...
Per te...
Verrò....
POESIA DI NEVE...
DOLCE TORMENTO...
L’innocenza del carn...
Le burla di Cappucce...
In paradiso...
un guizzo…....
IL CAPRO ESPIATORIO ...
Io e il blu...
Troppi anni dopo......
Nevica...
Le lune di Dalla...
RIFLESSIONE - ORME F...
DONARE SE STESSI...
oasi...
Il destino del però...
Dove sei ora...
SARO' PER TE ...
SENTIMENTO...
Il torto del padre...
ho vagabondato in ce...
Pensieri d'Amore...
Piccola chiave...
Anche le bugie posso...
Così amo...
PRIMAVERA DENTRO ME...
La via di casa....
Riflessi...
L'inizio di una gran...
La nebbia negli occh...
L unione degli eleme...
Un ultimo gesto....
Se...
Niente fretta, Auré!...
La promessa...
Daiee!...
Il Carisma...
Ninna Nanna...
CORALLINA...
ANGELI...
Giochi di fantasia...
ECO INFINITO.......
CLOWN...
Questo strano. Senti...
Gocce d’acqua...
Solo un sorriso...
Fiori Liberi...
La vita mi schiocca ...
Girotondo tra le ste...
LA LUNA NON SI SPEGN...
Milano vanesia...
Guarderò la luna mor...
Dolce follia...
Attraverso lo specch...
LA MUSICA DEL CUORE...
guardandoti...
Kaori la rossa...
Ruderi ricordi...
Quando tu......
Buon Natale a tutti,...
LA MIA CANZONE...
Avrai......
A Natale si assapora...
Ancora......
Emozioni...
I RICORDI RESTANO...
Nun so romano...
Mentre le mani...
LUCCIOLE IN TERRA ...
Ancora domani...
superbia...
tempesta dentro...
TEMPESTA DI FINE AUT...
ASPETTANDO IL T...
La farfalla...
...te ne vai, con la...
Io devo proseguire...
FRIZZI E LAZZI...
Invincibile...
Sola cosa importante...
Nevica...
La notte mi prende p...
Odissea d'amore...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Lu puddicashtru

Quannu 'rrivava Pasca si faceva
'na cosa toci cu si fishtisciava;
la mamma lu vantili si mitteva
e poi li manichi si nfurdicava.


Pigghiava tuttu cuddu ca serveva
pi ffa' lu puddicashtru e shtrimpulava
fign'a quannu la pashta no' nc'asseva
lùciata e toshta e doppu la tagghiava.


Li shtuezzi li 'llungava cu li mani,
li mitteva sobbr'allu tavulieri
e puru ovi llissati sani sani.


Pi ognunu usava li shtessi maneri
ca usava quannu faceva lu pani.
Allu centru mitteva l'ovi 'nteri.


Et èrunu ovi veri!
Lu puddicashtru è ccosa ormà' passata,
cá muni l'ovi so' ti cicculata!


Traduzione:
Il puddicastro(dolce pasquale)


Quando arrivava Pasqua si faceva
una cosa dolce per festeggiare;
la mamma il grembiule si metteva
e poi le maniche si rimboccava.


Prendeva tutto quello che serviva
per far il puddicastro ed impastava
fino a quando la pasta non usciva
lucida e dura e dopo la tagliava.


I pezzi li allungava con le mani,
li metteva sopra la spianatoia
e pure uova lessate integralmente.


Per ognuno usava le stesse maniere
che usava quando faceva il pane.
Al centro metteva le uova intere.


Ed erano uova vere!
Il puddicastro è cosa ormai passata,
ché ora le uova son di cioccolato!


Nota: Sonetto caudato in vernacolo sanvitese.
Il puddicastro è il dolce pasquale tipico sanvitese di antica tradizione e si faceva
in casa. Era fatto di pasta frolla con al
centro uova sode intere. Cosa passata!



Share |


Poesia scritta il 14/04/2014 - 09:35
Da Giuseppe Vita
Letta n.416 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?