Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Autunno...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
NIPOTI...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Mi hai detto... ( Po...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...
La montagna...
SERA D'OTTOBRE...
Roma...
Il nonno...
Can'e gatto...
Tutto passa...
Game over...
Scrittura come cura...
DOLCI CAREZZE...
Occhi...
LEGGEREZZA...
TRA LUCE // E // OS...
Forse i codici della...
Il richiamo del vent...
Le sirene di Ulisse...
Quel giorno...
CARO PAPÀ E CARA MAM...
Dieci minuti al gior...
La Coccinella sfortu...
Non so come......
Ti parlo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Per te, figlia mia.

Possano i tuoi occhi non vedere mai l'uomo nero, figlia mia.
Possano le tue labbra parlare solo d'amore.
Possano le tue mani stringere sempre altre mani
E le tue narici respirare il profumo della felicità.
Possano le tue gambe portarti lontano,
Anche via da me, se questo ti dirà il cuore.
Possa la tua anima essere così grande e tenace
Da continuare ad andare avanti quando sarai stanca.
Possano le tue spalle essere tanto robuste
Da sopportare il peso delle emozioni
E il tuo corpo tanto fragile
Da abbandonarti ad esse senza rimpianti.
Possa la tua memoria non soffermarsi mai
Su ciò che poteva essere
E non è stato
O su quello che doveva essere detto
Ed è stato taciuto.
Possa il tuo destino annientarsi
Di fronte a due occhi che si aprono al mondo,
Come accadde al mio, quando ti vidi,
Possa la tua mente capire
Che non vivrai mai felicità più grande.
Possa tu sentire sempre il bisogno di un mio abbraccio,
Anche quando il mio corpo sarà vecchio e stanco
E dovrai essere tu a sostenermi .
Non lo farai per me,
Ma per te, figlia mia :
Un giorno nell'abbraccio di tuo figlio
Scoprirai che prima di lui
Non avevi cuore, occhi, labbra e mani.
Ti accorgerai che prima non avevi altro
Se non l'attesa feroce
Che il tuo destino si annientasse in lui.
Lo amerai per questo con tutto il tuo cuore.
Lo amerai
Quanto io amo te.


Share |


Poesia scritta il 12/06/2014 - 14:58
Da Ivano Ciminari
Letta n.440 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?