Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La somiglianza

Trascorsi sono circa quarant'anni
dacché mio padre allor si dipartì
da me e dagli altri cari.


Fu tanto doloroso
che par sia stato ieri;
ed or, che sento più la sua mancanza,
vado ricomponendo nella mente
la sua fisionomia.


Mi torna chiaro il viso di mio padre,
più chiaro di quand'era ancora vivo.
Come se non l'avessi visto prima,
m'accorgo quanta sia la simiglianza
tra il mio ed il suo sguardo
e che il sorriso suo è uguale al mio.


Nel tempo che viveva
non me ne sono accorto;
ora che non c'è più,
forse rivive in me.


Chi siamo noi se non quelli che furono
e quelli che nell'avvenir saranno?
Siam fatti di materia che, nel tempo,
ritorna sempre ad essere la stessa.



Share |


Poesia scritta il 06/07/2014 - 18:25
Da Giuseppe Vita
Letta n.389 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Bellissimo potersi riconoscere nei tratti del proprio padre,questo a riprova che qualcosa di loro oggi, e domani di noi, vivrà per sempre. Bella!

Claretta Frau 07/07/2014 - 20:31

--------------------------------------

Mio padre è mancato qualche anno fa... con il passare degli anni, mi sono accorta di assomigliargli moltissimo, specie nel carrattere.
Mi hanno colpito questi versi:
Nel tempo che viveva
non me ne sono accorto;
ora che non c'è più,
forse rivive in me...
Molto bella e sentita.

Paola Collura 07/07/2014 - 00:07

--------------------------------------

L'importanza di una presenza si comprende solo con la sua assenza. Ed è un momento di verità e di crescita perché si dà il giusto valore alle persone e al loro agire che, prima avevamo dato per scontato.
Ed è anche un momento che ci mette in relazione col mistero dell'esistenza che riguarda noi stessi, come continuità con l'essere che ci ha preceduto.
Molto bella, buonanotte!

Salvatore Linguanti 06/07/2014 - 23:46

--------------------------------------

possono passare cent'anni la perdita di un padre non trova rassegnazione, condivido questi versi e mi rivedo bambina ,quando a 9 anni ho subito questa grave perdita...lirica molto intensa ben scitta per contenuto e forma...il mio elogio

Carla Composto 06/07/2014 - 21:40

--------------------------------------

Davvero molto molto apprezzata questa tua bella, intensa, condivisa poesia. Anche a me manca moltissimo mio padre e spesso penso a quanto sono simile a lui (specie nel carattere).Molto musicale e scorrevole. Bravo, Giuseppe, un caro saluto, Marina

Marina Assanti 06/07/2014 - 21:16

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?