Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
Sindrome di Stendhal...
Beatrice...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Tu che preghi

Tu che preghi coi ginocchi piagati nell’abisso
lasciami toccare il tuo dolore,
lascia che entri nei tuoi pianti;
solo le parole potranno asciugarti
almeno una lacrima.
Ma tu taci,
non mi guardi,
mi sento cera uccisa dalla pioggia
e mare che non tocca riva.
Come tremano le mani,
timide si stringono al petto;
sembrano nascondersi da tutta la luce
che adesso ti sfiora.
Non guardi il sole che ti siede accanto
ma biascichi parole scordate al vento
che adesso si fa più freddo.
I lividi sono come dardi incastonati nell’anima,
rimangono sempre accanto al cuore,
sono frasi sillabate nell’eco di notte.
Vorrei prenderti per mano,
attraversare i prati come quando eri bambina;
come quando avevi i segni dell’amore
pennellati sulle guance.
Ma tutto è cenere
ed io sono nulla davanti a questa tua croce.



Attraverso gli occhi tuoi muoio
spezzato nel respiro
come albero disfatto nella tempesta.



Share |


Poesia scritta il 17/07/2014 - 04:28
Da LUCA SANTO
Letta n.302 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


grazie Intreccio

LUCA SANTO 22/07/2014 - 04:43

--------------------------------------

Molto intensa e sentita,arriva al cuore,Bravo!

Intreccio 2 18/07/2014 - 07:21

--------------------------------------

grazie di cuore

LUCA SANTO 18/07/2014 - 05:46

--------------------------------------

Non si può farsi carico del dolore di un altro. Ognuno ha la sua croce... Molto sentita.

Selena T. 17/07/2014 - 15:28

--------------------------------------

bellissima.. complimenti.

Ayesha Catalano 17/07/2014 - 13:40

--------------------------------------

Poesia struggente... mi ha toccato il cuore.
Bellissima.

Paola Collura 17/07/2014 - 08:10

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?