Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella cittą...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lą della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchģ scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissą se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Almanacco estivo

Gią su cafarnao
di albini bruni e ambrati
rovente picchia il sole:
chi cerca fuoco, chi ombre.
Oh i giochi edili dei fanciulli
intenti a mimetizzare buche
o a fortificare torri e mura
all'assalto del fiotto lieve!
Pił traffico nel canale siculo:
barcacce o gommoni stipati
di afrofuggitivi speranzosi
approdano o sventurati affondano!
Lą dove non c'č borboglio d'acqua
tra mandorli ulivi e querce
un iniziatico frinire di cicale
turba l'aria che tace;
fruscii ratti di serpi
tra sterpi e roggi rovi
in campestri silenzi
risuonano e mettono paura;
filari di vitigni ramati
infoltiti da trame di tralicci
fruttificano su colli e pendii;
da bica a bica un via vai
di frenetiche formiche
tra sottopassaggi e ponti si consuma;
gronda sudore nei campi l'uomo
in opra attardato tra secchi solchi.
Barbagliano vetri di case desolate
come gibigiane al dardeggio
di fasci di raggi di luce;
da asfalto di catrame e pece
alza i suoi fumi fatamorgana.
Sulla ripa, vicino al rio
quando pił alto sarą il sole
all'ombra di pioppi e platini
si andrą a cercare vento
frescura e silvani effluvi.
S'imbrunirą prima della luna
sul mare azzurro e calmo
l'argenteo placido tramonto
nell'apoteosi del dģ passato.
Chissą se morte,vacanziera,
soffrendo eccessi di caldo
a sorpresa non decida
di andarsene in ferie
o se avvistando spaventapasseri
atterrita non si dia alla fuga.
Nell'arrovento d'aria dei meriggi
madre forse ancor pił fresca
starai accanto al tuo sposo
nell'ipogeo sotto i cipressi..


Share |


Poesia scritta il 18/07/2014 - 09:43
Da Angelo Michele Cozza
Letta n.317 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?