Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

ER PAJACCIO di Enio ...
Uno...
Il veliero...
Prigioniera...
Gli amanti...
Taburno...
L'ESTATE DEL FALCO...
La breve estate dell...
Ad occhi chiusi...
L'indifferenza...
L'insegnante degli i...
Quella calda estate ...
SILENZI...
Enigmatico...
Anima inquieta, mio ...
Non si spiega tutto ...
PIOVE...
No Selfie...
Chiesa di Sant'Elia ...
Codice...
Se conosci la triste...
Scegli sempre quello...
Il Caso....
All'amico...
Genova...
Arriva da lontano...
Stelle cadenti...
AMARCORD...
LA SCERTA di Enio 2...
Giocare con le parol...
Tramonto ad oriente...
Chiudendo bene gli o...
Ascolta il vento....
presso un castello...
Lasciare...
I due volti della no...
SENSAZIONI...
QUANTI PERCHE'...
Evanescenza...
Le piccole anime...
Ti cercherò...
Senza via d'uscita...
TROPPE NOEMI...
Rondini...
Solstizio d'estate...
inquietudini le mie ...
Dolcemente ti dirò...
INFERNO ROSSO...
Quando guardi il cie...
Campidano...
lei temeva il buio...
Un esempio da... non...
Domani è un altro gi...
C'è chi dipinge la ...
Non hanno età...
PIOVE SUR BAGNATO (...
Dolce Carezza...
Spensieratezza...
Come un subacqueo...
HAIKU...
E' oggi il giorno mi...
Sconosciuto...
Dietro i tuoi occhi...
Aquila...
Curriculum Vitae...
Il treno...
Vestiti...
SARO' DI TE...
Risveglio...
VIAGGI DIVERSI...
Cavalco le onde dell...
Alba marina...
L'ira di Lorenza...
La lettera...
Padre Vostro...
A Nòtt...
Quel sussurro...
Quel sorriso...
Nuovi aquiloni...
Le magiche lucciole ...
Quel taxi...
Si può dire grazie s...
L'amante...
Il morso della taran...
L' INFELICITA' SI...
Buon compleanno...
E' nella supponenza,...
La prima estate al m...
Faccia da Cereali...
LIBERTA'...
Falsi d'autore...
Arrivi tu...
Nostalgia amara...
Chiamatemi Aquila...
I bisbigli del cuore...
SEI NELLE MIE MANCAN...
LA LOTTA DEL SOLE di...
Periferie...
Francisca...
Un dolce per te...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

E la baciai…

Mi parlava, mi guardava,
ma c’era il silenzio
che bussava alle
mie orecchie.
Mi avvicinai e la baciai,
dopo un istante amante
dell’eterno, la guardai …
“Alzati e spogliati”.
“Perché?”.
“Tu fallo”.
“Ma perché”.
“Fallo e basta, ti prego”.
Non volevo assaggiare
quel corpo con i
morsi del mio desiderio.
Volevo soltanto dissetare
la passione pulsante
dei miei occhi,
forte come una tempesta
che si abbatte sulla chiglia
di una nave solitaria.
Avevo soltanto voglia
di assaporare quella
pelle tremante di timidezza.
Si tolse i vestiti e
mi guardava quasi
con timore figlio
di un ignoto
danzante tra me e lei.
Il mio sguardo strisciava
sulla sua pelle come
un rettile che lambisce
con il ventre la terra.
Fotografai nelle
mie viscere battenti
quel momento di bramosia.
Osservavo le sue curve
come gli occhi
del vento guardano
il profilo di una nuvola
Mentre la sfiora.
Sentivo i battiti
del mio cuore come
le urla di un tamburo.
“Allora che ne pensi?”.
In quel momento,
la mia anima
sognante si destò.
La guardai come
non avevo mai fatto,
i miei occhi divennero
lucidi, riflettendo la
luce della sua anima.
“Penso, che ti amo”.
E la baciai …


Share |


Poesia scritta il 05/09/2014 - 12:46
Da Giuseppe Greco
Letta n.359 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Letta con piacere.
Certo che tu ne hai di autocontrollo!
Un complimento ed un saluto.

Mario Bruno Ciancia 06/09/2014 - 12:01

--------------------------------------

DOLCE L'AMORE con tutte le sue sfumature,un sentimento nobile suggellato dal bacio,piaciuta,complimenti per la dovizia dei particolari bravo GIUSEPPE

genoveffa 2 frau 06/09/2014 - 08:25

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?