Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Dolce follia...
Attraverso lo specch...
LA MUSICA DEL CUORE...
guardandoti...
Kaori la rossa...
Ruderi ricordi...
Quando tu......
Buon Natale a tutti,...
LA MIA CANZONE...
Avrai......
A Natale si assapora...
Carne da poesia...
Ancora......
Emozioni...
I RICORDI RESTANO...
Nun so romano...
Mentre le mani...
LUCCIOLE IN TERRA ...
Ancora domani...
superbia...
tempesta dentro...
TEMPESTA DI FINE AUT...
ASPETTANDO IL T...
La farfalla...
...te ne vai, con la...
Io devo proseguire...
FRIZZI E LAZZI...
Sazio d'Amore...
Invincibile...
Sola cosa importante...
Nevica...
La notte mi prende p...
Odissea d'amore...
Verità Incompiuta...
Eppur mi sono scorda...
Istantanee...
Ultima goccia di cer...
CHE FATICA AMARTI...
Tu che più di chiunq...
VENTUNO A RISPETTO D...
BASTA...
il ruolo del poeta...
QUESTO È IL MIO NATA...
Disperso in una nott...
È Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come è grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrerò l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'involucro

Sin dalle nostre origini
abbiamo avuto un corpo ed anche un'anima.
Due cose, in un solo essere,
che ci contraddistinguono dagli altri.


Non siamo bestie né alberi,
ma siamo umani, come Dio ci fece,
per ritornare a Lui
dopo la nostra vita sulla Terra.


Siam fatti di materia
ch'è ciò che avvolge quello ch'è lo spirito
e lo contiene dentro,
perché si possa immortalar per esso.


Ed ogni umano sa
quel che si deve fare, oppure no,
per ritornare a Dio
usando le due cose nella vita.


Per render pura l'anima,
il nostro corpo, ch'è soltanto involucro,
dovrà sacrificarsi,
acché sia degno d'essa e pur di Dio.


Ciò che più conta è che
l'involucro dovrà brillare poco
rispetto al contenuto,
poiché meno prezioso dello stesso.


Sarebbe ipocrisia
se l'apparenza avesse più valore
di quello che noi siamo
e non avremmo merito di niente.


L'involucro che copre
il sacrosanto dono ch'è divino
è solamente un mezzo
da usare per percorrere il cammino.



Share |


Poesia scritta il 27/09/2014 - 11:49
Da Giuseppe Vita
Letta n.626 volte.
Voto:
su 9 votanti


Commenti


Eccenti sono sempre i tuoi versi di chiusa che incoronano degnamente quanto poetato con saggezza... IL MIO ELOGIO E MIA SERENA SETTIMANA GIUSEPPE

Rocco Michele LETTINI 29/09/2014 - 09:11

--------------------------------------

Mi piace molto la chiusa!!!
Intensa, credo di vita vissuta.
Sofferta, nella stesura.
Comunque piena di significato.
Complimenti.
Romualdo

Romualdo Guida 28/09/2014 - 19:31

--------------------------------------

Sono d'accordissimo, Vera, perché ognuno di noi è in se stesso. Un altro può solo dare uno sguardo verso di noi, ma il suo pensiero non può cambiarci né giudicarci, in quanto l'essenza che vive in noi rimane sempre la stessa. Ed è quella che dobbiamo seguire migliorandoci sempre più. Certo, quanto ci è stato inculcato sin dalla nascita emerge sempre e noi finché viviamo dobbiamo sperimentarlo e migliorarlo attraverso esperienze di vita. La Bibbia ci rimane come piedistallo e fondamento da cui prendere consigli rapportandoci con Essa. Non mi dilungo, perché ci sarebbe da dire ancora molto. Pensiamo a mettere in atto quello che sentiamo di assere di fronte a noi stessi e di fronte a Dio. Grazie del tuo intervento benefico attraverso i commenti fatti. Un saluto!

Giuseppe Vita 28/09/2014 - 16:08

--------------------------------------

(in continuazione dal precedente commento). Sono d'accordo con Te sul ritenere lo Spirito superiore, per valore, al Corpo, che resta, però, quando sia adoperato come esso stesso esige, meraviglioso collaboratore dello Spirito stesso: colui che allo Spirito offre la materia per costruire, raffinandola e armonizzandola, i suoi propri capolavori. Non per niente, del resto, chi crede in Dio creatore di tutto il bene esistente, di materia e spirito lo ritiene creatore: capolavori entrambi, fino a quando la sola impronta divina conservino. Ma...non dimentichiamo mai che il capolavoro massimo resta sempre l'Amore...VIVIAMOLO, se vogliamo onorare davvero Dio, anche e soprattutto quando parliamo di Fede con chi creda in modo diverso da noi. E ne ha diritto, grazie alla LIBERTA' che, ancora una volta, opera di Dio nei nostri confronti è. Ciao, Amico caro. GRAZIE, anche a Te, oltre che a tutti gli altri, per tutte le importanti riflessioni che continuamente i vari scritti ci portano a fare.

Vera Lezzi 28/09/2014 - 15:18

--------------------------------------

Va bene, Maria Valentina, sono anch'io d'accordo con te, altrimenti non potrei confermare la mia cristianità. Io in realtà non sono per niente portato ad aggrovigliare la matassa, bensì a scioglierla. Restiamo pacificamente d'accordo! Un saluto!

Giuseppe Vita 28/09/2014 - 15:06

--------------------------------------

Caro GIUSEPPE, sono un'innamorata della "FEDE-SENSO PROFONDO della VITA"...perciò voglio cogliere questa occasione per manifestare qualche mio pensiero in proposito. Io riesco a credere convintamente e gioiosamente SOLO PERCHE' il mio cammino di fede ò stato ed è continuamente basato sulla libertà di coscienza ed il libero confronto. Conosco abbastanza approfonditamente la Bibbia, ma mi è sempre sembrato addirittura offensivo per Dio definirla TUTTA sua PAROLA...dato che di parole splendide ce ne sono davvero tante, ma NON POCHE a me hanno fatto addirittura orrore e parole di UOMINI -e uomini appartenenti a determinati periodi storici- le ho considerate assolutamente. E non parlo solo di Vecchio Testamento: sia pure in minima parte, anche il Vangelo mi ha negativamente sorpresa, qualche volta, per la profonda, incredibile per me, contraddizione rilevata tra le tante, meravigliose parole d'Amore e qualcuna che con quelle, per me, strideva in modo plateale...(continua nel prossimo comm.)

Vera Lezzi 28/09/2014 - 15:05

--------------------------------------

Vede,Giuseppe?
Scrivendo scrivendo infin si pervien a condividere un senso!
Credo che io stiamo,insieme,facendo dei significativi passi avanti
Tutto il rispetto per la sua sfera del sacro...mi persuado che l'Altissimo nei suoi divini intendimenti...non ha relegato la corporeità "nell'angolino del castigo",donandoci il benedetto corpo per punirci...tutt'altro! Per il tramite di esso,si può nel mondo esperienziare e amare!
Scambio con lei,un segno di pace!

Maria Valentina Mancosu 28/09/2014 - 14:57

--------------------------------------

Quello che ho scritto ritengo sia da fervido credente come risulta dalle verità bibliche. L'anima ha più valore del corpo. Gesù Cristo , da uomo si è sacrificato, morendo sulla croce per poi unirsi al Padre Suo attraverso lo spirito, per cui ha voluto castigare il proprio corpo per redimerci e farci capire che solo l'anima si riunisce a Dio. Tu puoi pensarla benissimo come vuoi, ma io resto della mia opinione cristiana. Non vorrei iterare molto su questo concetto, in quanto è bastevole erudirsi dalla Bibbia. Non ho voluto neanche pensare di offenderti, perché ho chiarito di non esserti di rimprovero. Un saluto!

Giuseppe Vita 28/09/2014 - 14:22

--------------------------------------

Perdoni,Giuseppe...
che lei sentenzi sulla mia presunta "immaturità esistenziale" solo perché ho espresso la mia sincera opinione sull'opera,proprio non ci sta! (a proposito,da quali elementi,l'avrebbe desunta?)
Mi dica:
poeta non è forse colui per il quale è sacra la sincerità?
Chiaro che quando parlavo di "involucro",richiamavo il titolo del suo scritto...
A proposito del rispetto del quale l'utente Vera,ha scritto sopra: concordo pienamente,"guardiamoci l'un l'altro con rispetto!
Non mi sembra che semplicemente per aver espresso la mia opinione...certo in maniera diretta ma sempre con rispetto,io ne abbia ricevuto in cambio tantissimo.
L'autore,ha solo saputo sventolarmi sotto il nasino le esperienze di vita da lui compiute! Mah!
E si che i poeti...dovrebbero scaldarsi al sole della verità ed essere pronti ad accettare che un componimento può piacere come non essere apprezzato! Perché,si sente ferito,Giuseppe? Proprio non riesco a capire...il mio era candore!

Maria Valentina Mancosu 28/09/2014 - 13:15

--------------------------------------

Gli STRUMENTI mai avranno la stessa mente ed anima di chi l'inventa, e tuttavia di esse parlano e, quando poi strumenti umani invece siano, non inventati, ma SCELTI, chiamati a collaborare con sé stessi, allora quegli strumenti anche l'anima in qualche modo condividono di chi anche attraverso di essi viva. Esempio classico: i famosi occhi specchio dell'anima!
leggiamoci sempre con rispetto, gli uni degli altri. Cerchiamo di farlo soprattutto quando più i pareri siano discordi... Vera

Vera Lezzi 28/09/2014 - 11:23

--------------------------------------

Commento per rispondere a Maria Valentina Mancosu. Quale autore dello scritto ho il dovere di intervenire per far presente che questa poesia non è compatibile per chi non ha una certa maturità esistenziale. Io ho scritto questa poesia ora che ho settantatre anni. Alla tua età non sarei stato in grado di farlo, perché privo d'esperienza. Ancora una precisazione: hai chiesto a qualcuno di liberarti da quest'involucro cadendo così in contraddizione con te stessa, perché, così dicendo hai voluto far capire che la tua anima vuol liberarsi del corpo, per cui è lei a prevalere su di esso. Non ti sia di rimprovero, ma ti dico soltanto di vivere ancora, poiché non sei matura interiormente. Un saluto!

Giuseppe Vita 28/09/2014 - 10:46

--------------------------------------

C'è chi pensa che le riflessioni-tipo meditazione non si debbano fare attraverso la forma poetica...Ma, se insieme scaturiscano -pensieri profondi e versi armonici- un motivo dovrà pur esserci!...Forse succede quando la meditazione è anche contemplazione, spontanea, di una profonda aspirazione dell'anima...Buona domenica Vera

Vera Lezzi 28/09/2014 - 10:18

--------------------------------------

Son felicissima che esistan lettori,che abbian beneficiato del componimento,quantunque in tutta onesta devo dire che per me,quest'opera è stata un'esperienza di "spiacevolissima implosione"... mi spiace!

Maria Valentina Mancosu 28/09/2014 - 10:04

--------------------------------------

Bhè brutta da far spavento non direi proprio...Magari non è la migliore poesia scritta da Giuseppe, soprattutto per la forma non totalmente poetica...Ma è una poesia di contenuto che fa riflettere intensamente.

Auro Lezzi 28/09/2014 - 09:22

--------------------------------------

Chi spiega al poeta che anche alberi e animali d'altre specie,hanno un anima? Che il pianeta
pur esso
un'anima la ha?
Che l'anima,non costringe il corpo a forzose privazioni contro natura? Che l'involucro,non è men prezioso dell'anima racchiusa?
Per favore,qualcuno mi aiuti a liberarmi da quest'involucro!
Poesia brutta da far spavento!

Maria Valentina Mancosu 28/09/2014 - 09:05

--------------------------------------

Bellissima Giuseppe e intensamente condivisa...ciao!

Anna Eustacchi 27/09/2014 - 23:37

--------------------------------------

Opera intensa,con profondo contenuto , i miei complimenti Giuseppe

genoveffa 2 frau 27/09/2014 - 23:18

--------------------------------------

Una considerazione poetica di gran pregio che invita ad una seria riflessione.
Ciao
Aurelio

Aurelio Zucchi 27/09/2014 - 22:48

--------------------------------------

E' sempre un piacere leggere le poesie di Giuseppe, insegnano... fanno riflettere.
Bravo. Poesia bella e condivisa!

Paola Collura 27/09/2014 - 21:36

--------------------------------------

Bisogna prenderne cura, senza eccedere troppo, perchè un giorno il corpo si disferà...
per poter percorrere un cammino dignitoso ...Complimenti!!

Lory C. 27/09/2014 - 20:57

--------------------------------------

Io condivido, e ancor più di questi tempi.
Bella poesia, Giuseppe, particolarmente apprezzata per contenuto e forma.
A rileggerti, un caro saluto,
Marina!

Marina Assanti 27/09/2014 - 20:43

--------------------------------------

un po' dura , ma celestiale , ciao Peppe

salvatore alvaro 27/09/2014 - 19:34

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?