Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Volare nel cielo del...
POMERIGGIO A VILLA B...
E' amore...
FINALMENTE DONNA...
VIBRANO I RICORDI...
Il cerchio della vit...
SFUMATURE...
Amici miei...
Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA e i...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

S'io odo e vedo il vero

S'io odo e vedo il vero
e raro incontro allegria
non posso poi tacere
e contuso l'animo
cadere non sentire.
Il corpo più s'inarca
è un ansito se salgo
ruzzolo se cado
a più nulla aderisce
il pensiero che divaga.
Svanito è l'ieri
come il passante frettoloso
all'angolo scomparso,
certezze più perdono
gli occhi all'alba
roventi scottano inganni;
immobilizzato, murato
nel domani futuro
anneriscono speranze
e non picchiano illusioni
in un angolo, sciagurato
si apparta il cuore
da tristezze assopito,
fosse buie riempie
con lento languire
fatuo e vulnerabile
tutto ben presto è colpito.


Aspetteremo, secchi
come foglie vizze,
le folate della bufera,
sotto il domo amico
forse più mai vedremo
passeri o gazze frullare
lo sfavillio dell'onda alta
che si abbatte sulla riva;
siamo oggi il moccolo fumoso
del cero dopo la fiamma.
Chi mi vende cosi' impoverito
un giorno di gioie e di follie!
Mi darò ragione
dolente o volente
dell'avvicinarsi a sorpresa
o improvviso della sorella morte:
oltre non mi stanchi l'attesa
e ancor aspro fermenti.


Non ho alzato il gomito
non ho febbre di malinconie
né assunto oppiacei:
ci siamo solo infilati e persi
nel dedalo del non essere
per obliare una vita
che non ci bacia e più niente dice.



Share |


Poesia scritta il 05/10/2014 - 11:50
Da Angelo Michele Cozza
Letta n.317 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?