Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Scorie di città....
L'Airone sul filo...
Listen to you...
Aylan...
Ovunque vi sia un os...
A PROPOSITO DI BACI...
Idolatria d'amore...
LA Piaggia tra le ro...
Sorrisi che illumina...
Non hanno nome i pen...
Il baratro del silen...
Ricomincio da me...
Pensa a me...
Mi manchi tu...
La volpe in vetrina...
Notte di insonnia...
Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...
tempo...
Rosso...
DOPO UN ANNO...
I colori della vita,...
La ginestra...
FEBBRAIO OGGI E’ DI ...
La rinascitadel dest...
Tutto...
Grigia mattina...
PADRE MADRE...
Con o senza di me...
Il Calice Rosso...
La luna e il mare...
Ognuno ha diritto ad...
Il giardino di famig...
...vedi tesoro mio, ...
La madre di tutti...
AMORE AMORE... AMORE...
Tre Hayku per Sun La...
Il disegno di coppia...
Lei era vento!...
Par di vederti...
Intorno ai girasoli...
Aurelia...
In flessuosa danza...
Judo...
In quei giorni...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Delirio nella teca

In discoteca c'è troppo rumore, in biblioteca troppo poco.
Dunque " teca " dovrebbe far supporre un estremo ma vedremo
che non è così.
In realtà teca significa scrigno o contenitore adibito ad essere riempito,
che poi debba essere affollato è un concetto che mi sfugge.
In discoteca ci sono molti dischi ed in biblioteca molti libri, in pinacoteca
molti quadri ed in ipoteca pochissimi soldi.
Nella manteca quanti formaggi ci possono stare?
Nell' emeroteca c'è l' antincendio?
Nella gipsoteca c'è la lavagna?
Nell' apoteca il vino invecchia ancora?
Nella litoteca si può venir presi a sassate pur stando muti?
Nell' autoemoteca viene versato molto sangue in caso di incidente?
Nella ranfoteca i vermi si sentono a disagio?
Nella stauroteca ci si può pungere con una scheggia e sentirsi come Gesù?
Nella ludoteca ci si può fumare una canna in santa pace?
Nella glittoteca si può sfregiare in volto la bigliettaia che sembra di sasso?
Nell' ooteca perché non si riesce mai ad entrare?
Nella chiroteca cosa fanno da maggio a settembre?
Nella cineteca proiettano al buio le produzioni dell' Istituto Luce?
Domande che richiedono un po' di cultura ma se cercate la scultura
il luogo adatto per voi è la protomoteca.
Se invece andate in paninoteca chiedetevi se ne vale la pena e basta.
Se si entra in posti come questi è consigliabile mantenere un
comportamento consono alle convenzioni prestabilite.
Per esempio, in discoteca non si dovrebbe fissare per più di
quattro decimi di secondo il buttafuori, s' innervosirebbe prontamente.
In discoteca non si dovrebbero neppure fissare le luci stroboscopiche,
ci si rincoglionirebbe ancora prima della reazione del buttafuori.
Fra l' altro le luci stroboscopiche son già fissate. o almeno lo spero
per chi ci balla sotto.
In biblioteca è d' obbligo il rispetto per la concentrazione mentale
degli altri topi, se fate casino le pantegane con gli occhiali
vi ricroprirebbero di ingiurie con il loro squittio e vi lancerebbero
di tutto, matite con la punta avvelenata ed i pericolosissimi mattoni di
Hegel.
La stessa attenzione è da prestare entrando in un una karateca...
E' necessario il permesso e le karateche difficilmente son gratis;
Pena lividi, sangue, e la voglia di non entrarci più.
Nell' estateca occhio ai colpi di sole, son costruite tutte all' aperto.
Particolare attenzione nell' addentrarsi nell' ipoteca, solitamente
ci si fotte la casa e si cerca riparo nell' enoteca, il tetto di chi non
sa più cosa altro fare ormai.
Infine c'è la spermoteca, fondamentalmente è un luogo frequentato
da auto erotisti consci di non volere sporcare lenzuola e pavimenti.
Inoltre è molto gratificante uscire in pace con sé stessi senza
aver commesso atti impuri e considerandosi donatori di vita.



Share |


Racconto scritto il 23/07/2011 - 18:38
Da Andrea Castellini
Letta n.526 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?