Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
Sindrome di Stendhal...
Beatrice...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Delirio nella teca

In discoteca c'è troppo rumore, in biblioteca troppo poco.
Dunque " teca " dovrebbe far supporre un estremo ma vedremo
che non è così.
In realtà teca significa scrigno o contenitore adibito ad essere riempito,
che poi debba essere affollato è un concetto che mi sfugge.
In discoteca ci sono molti dischi ed in biblioteca molti libri, in pinacoteca
molti quadri ed in ipoteca pochissimi soldi.
Nella manteca quanti formaggi ci possono stare?
Nell' emeroteca c'è l' antincendio?
Nella gipsoteca c'è la lavagna?
Nell' apoteca il vino invecchia ancora?
Nella litoteca si può venir presi a sassate pur stando muti?
Nell' autoemoteca viene versato molto sangue in caso di incidente?
Nella ranfoteca i vermi si sentono a disagio?
Nella stauroteca ci si può pungere con una scheggia e sentirsi come Gesù?
Nella ludoteca ci si può fumare una canna in santa pace?
Nella glittoteca si può sfregiare in volto la bigliettaia che sembra di sasso?
Nell' ooteca perché non si riesce mai ad entrare?
Nella chiroteca cosa fanno da maggio a settembre?
Nella cineteca proiettano al buio le produzioni dell' Istituto Luce?
Domande che richiedono un po' di cultura ma se cercate la scultura
il luogo adatto per voi è la protomoteca.
Se invece andate in paninoteca chiedetevi se ne vale la pena e basta.
Se si entra in posti come questi è consigliabile mantenere un
comportamento consono alle convenzioni prestabilite.
Per esempio, in discoteca non si dovrebbe fissare per più di
quattro decimi di secondo il buttafuori, s' innervosirebbe prontamente.
In discoteca non si dovrebbero neppure fissare le luci stroboscopiche,
ci si rincoglionirebbe ancora prima della reazione del buttafuori.
Fra l' altro le luci stroboscopiche son già fissate. o almeno lo spero
per chi ci balla sotto.
In biblioteca è d' obbligo il rispetto per la concentrazione mentale
degli altri topi, se fate casino le pantegane con gli occhiali
vi ricroprirebbero di ingiurie con il loro squittio e vi lancerebbero
di tutto, matite con la punta avvelenata ed i pericolosissimi mattoni di
Hegel.
La stessa attenzione è da prestare entrando in un una karateca...
E' necessario il permesso e le karateche difficilmente son gratis;
Pena lividi, sangue, e la voglia di non entrarci più.
Nell' estateca occhio ai colpi di sole, son costruite tutte all' aperto.
Particolare attenzione nell' addentrarsi nell' ipoteca, solitamente
ci si fotte la casa e si cerca riparo nell' enoteca, il tetto di chi non
sa più cosa altro fare ormai.
Infine c'è la spermoteca, fondamentalmente è un luogo frequentato
da auto erotisti consci di non volere sporcare lenzuola e pavimenti.
Inoltre è molto gratificante uscire in pace con sé stessi senza
aver commesso atti impuri e considerandosi donatori di vita.



Share |


Racconto scritto il 23/07/2011 - 18:38
Da Andrea Castellini
Letta n.473 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?