Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella cittÓ...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di lÓ della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchý scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Delirio delle sette sataniche

Questa Ŕ la storia dei setter nani e delle sette sataniche vergini.
I setter nani erano bruttini, bassotti ( ? ) ed abbaiavano a Sproposito,
il loro padrone.
Le sette sataniche vergini erano bruttissime e ninfomani ma vergini
a causa della loro inguardabilitÓ.
I setter furono battezzati da Sproposito in base alle loro caratteristiche.
Il pi¨ aggressivo era M˛rdilo,il pi¨ pacato PÚtalo, il cane malato era
Ëncolo mentre il pi¨ atletico fu chiamato M¨scolo.
Il setter pi¨ stronzo era S¨bdolo ed il cane matematico era CÓlcolo.
Infine il cane ciccione, Bˇmbolo.
Le sette sataniche vergini si chiamavano; Agrýppa, la vergine che strippa,
Amýnta, che non resta mai incinta, Sofonýsba, che proprio nisba nisba,
SalomŔ, che di voglia ne ha per tre, ErmengÓrda, che se la tocca
e se la guarda, la vergine Elvýra, la vergine che se la tira ed infine
Carl˛tta, la vergine mignotta.
Sproposito un giorno port˛ ad una battuta di caccia i suoi setter, lasciando
a riposo Bˇmbolo perchÚ era troppo impacciato e S¨bdolo perchÚ era
veramente stronzo.
Le sette vergini vivevano assieme dal momento che nessuno le voleva,
abitavano lungo il sentiero che porta al territorio venatorio per setter nani
e notarono quella mattina che i setter eran cinquer ed intuirono che
i due setter mancanti fossero a cuccia.
Rapirono in un batter d' occhio il setter ciccione ed il cane stronzo
e lasciarono un messaggio a Sproposito, c' era scritto : " Se vuoi
indietro Bˇmbolo e S¨bdolo devi soddisfare tutte noi sette in una settimana.
Sproposito ci pens˛ su parecchio e se ne and˛ a dormire mentre
i cinque cani, evidentemente preoccupati per i loro due simili sequestrati
decisero di rapire due delle sette sataniche vergini per pareggiare il conto.
La mattina successiva Carl˛tta ed ErmengÓrda giacevano sfatte e soddisfatte
nel canile di Sproposito che quando le vide le riport˛, ormai non pi¨ vergini,
tra le ex orrende compagne.
Probabilmente le cinque vergini pensarono che fosse stato Sproposito
a ridurle cosý e lo premiarono restituendogli Bˇmbolo, scelsero in fretta
in quanto Bˇmbolo ce l' aveva pi¨ piccolo di S¨bdolo, e comunque
eran sataniche...dunque via il ciccione dormiglione.
La notte successiva la canina sodomizzazione tocc˛ ad ErmengÓrda,
SalomŔ ed Agrýppa...Partecip˛ anche Bˇmbolo ma ce l' aveva troppo
piccolo ed era troppo grasso anche per una vergine non sverginabile.
La mattina successiva Sproposito vede la scena e rimbrotta i suoi sei
setter e riporta le 3 ex sataniche tra le mura della casa dove si trovano
ormai solo 2 sataniche vergini.
Manca poco per riavere anche S¨bdolo e cosý si rimbocca le mutande
e con molto sforzo riesce a concludere i residui due settimi mancanti
del lavoro portato avanti dai suoi cinquer setter.
Cosý soddisfa Elvýra ed Amýnta, che all' istante rimane incinta.
La favola finisce qua ma S¨bdolo in seguito confesserÓ che Amýnta
era la migliore, che fece smettere di strippare Agrýppa, che Sofonýsba
ne ebbe a pacchi, che con SalomŔ per una notte fece le tre,
e che ErmengÓrda e Carl˛tta non erano vergini.
E che non Ŕ vero che Elvira se la tira.



Share |


Racconto scritto il 25/07/2011 - 19:05
Da Andrea Castellini
Letta n.540 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


davvero brillante!

La Mosca 28/07/2011 - 14:52

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?