Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sindrome di Stendhal...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

LUNA DI MIELE SULL'ISOLA FANTASMA

La sera della festa Milly è nella sua stanza e si prepara per andare al ballo con le sue sorelle.Alle nove la grande sala è piena e tutti stanno già ballando.Milly è sola nell'angolo più scuro quando le si avvicina un bel giovane alto e dall'aria gentile che le chiede di ballare.-Si accetto molto volentieri-E ballano per tutta la sera.-Mi chiamo John e sono un avvocato e,ditemi,voi siete la figlia del generale Smith?-
-Si come fa..mi scusi devo andare via,spero di rivederla!-Milly,tornando a casa ripensa al bel ragazzo che ha incontrato.Si sente strana,forse è innamorata.Arrivata a casa,si sdraia sul letto e si addormenta.John,invece,non riesce ad addormentarsi;anche lui ripensa alla bella ragazza incontrata poche ore prima.Passano giorni e giorni e i due ragazzi si vedono spesso finchè arriva anche per loro il giorno delle nozze.Subito dopo la celebrazione del matrimonio si imbarcano per la luna di miele.Ma quella notte c'è una tempesta e la nave affonda.I due sposi riescono a lanciarsi dalla nave e a nuotare per un pò,poi svengono.La mattina seguente si ritrovano su una spiaggia.Sono impauriti e soli e si incamminano verso l'interno della strana isola.John non parla perchè non vuole spaventare Milly dicendole di non sapere dove sono finiti.Milly ha paura e ripete continuamente-Ti prego John,dimmi!Dove siamo?Ho paura,moriremo!-I due naufraghi continuano a camminare finchè arrivano ad un castello pieno di torri,probabilmente abbandonato,come il resto dell'isola.Ormai è sera.Entrano nel castello per riposare.L'interno è scuro,è sporco.Tutto è molto vecchio ma loro sono molto stanchi,non badano a nulla.Durante la notte,mentre siedono addormantati sul pavimento,sono svegliati da paurosi lamenti e da ombre strane.-John,un fantasma,ho paura,svegliati,svegliati!-.-Cosa c'è?Un fantasma?Non aver paura è soltanto la tua immaginazione!-E John continua a dormire,essendo molto stanco.La mattina dopo i due girano per la casa quando scorgono una grande porta.Subito entrano e si trovano in una grande sala con tanti libri e Milly corre per prenderne uno.Appena tocca uno dei tanti libri,la libreria si sposta e si vede una porta.John con alcuni spintoni riesce ad aprirla e subito entrano.Un' altra sala si offre ai loro occhi,ma questa volta è piena di monete,di gioielli,è la sala del tesoro nascosto.Che stupore!Rimangono sbalorditi e si tuffano nell'oro per la felicità.Milly dopo aver toccato ed indossato alcuni gioielli è pronta per andare alla festa.Si guarda intorno,esclama:-Era solo un sogno,fatto ad occhi aperti!-E scende nell'atrio dove già ci sono le sue sorelle che l'aspettano.



Share |


Racconto scritto il 30/04/2015 - 19:40
Da Papavero nel vento ...
Letta n.334 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Ho ritrovato questo breve racconto tra gli scritti dell'adolescenza..allora la fantasia la faceva da padrona..ho bisogno di rimettermi in gioco,riprovando a scrivere ancora..

Papavero nel vento ... 01/05/2015 - 11:35

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?