Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

C'era una volta la m...
Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Ricordi nelle fotografie

Mi capita spesso di vedere ancora le nostre fotografie.
Sai, è bello. È bello vedere quanto eravamo felici. Perché noi lo eravamo davvero.
È bello pensare che prima la vita ci sembrava così semplice: ci bastava stare insieme. È bello guardare quelle dannate foto e tornare indietro nel tempo e rivivere ogni istante, ogni sguardo, ogni respiro, ogni parola, ogni gesto. Perché ci sono delle cose che restano impresse per sempre dentro di te, e tu sei, indubbiamente, una di queste. Ammetto che fa male. Fa male quando i ricordi riaffiorano, ma nulla è più come prima. E ti vien da piangere, forse senza neanche un vero motivo. Sarà la nostalgia, la malinconia, la distanza. Una distanza che ci siamo imposti noi, perché non è fisica, ma sentimentale. Abbiamo un muro ormai che ci divide, ma io non posso smettere di pensare che, in fondo, noi ci ameremo per sempre. E fa ancora più male vedere che ora le nostre foto sono cambiate. Le compagnie sono cambiate, gli atteggiamenti, il modo di parlare, persino quello di mangiare. Ma una cosa non cambia: il tuo modo di guardarmi. Avrai sempre quello sguardo perso e po’ premuroso verso di me, quello sguardo di chi non ha smesso di crederci. Di credere in un amore impossibile, di credere che riusciremo ad essere forti abbastanza, di credere che un giorno, ci rincontreremo e magari, guardandoci, riusciremo ad amarci come non siamo riusciti a fare mai.



Share |


Racconto scritto il 19/06/2015 - 12:44
Da Green Eyes
Letta n.306 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?