Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Guardarsi

Sempre il solito bar. Tutte le sere. Non passava neanche da casa. Si era stufato di sentire tutte le maledette volte le stesse parole:”Hai una famiglia, dove sei stato, con chi te la fai , vergognati”
Ci rientrava tardi, molto tardi. E al bar mica beveva alcolici. Rimaneva seduto per 2 o 3 ore a non far nulla. Certo, anime perse come lui ne aveva incontrate parecchie. La maggior parte tutti alcolizzati o quasi. Erano appena in grado di abbozzare una specie di discorso ma poi, sfasciati dall’alcol, i partner occasionali si afflosciavano e cominciavano a delirare. Non aveva nessuno. Ne per parlare ne per tradire la moglie. Si era costruito questa seconda non vita priva di significato e,quindi, vuota. Ma perché? Se lo domandava tutte le sere. Era successo tutto così lentamente, che neanche riesce ad individuare quale possa essere stato il fatto, la parola, lo sbaglio. Nulla di preciso che possa ricondurlo a ricostruire la deriva nel nulla in cui si sta avviando. Ed in cui sta facendo scivolare anche la sua famiglia. I suoi due figli che lo vedono solo al mattino perché li accompagna a scuola. E lui a raccontare frottole sul fatto che fa tardi. E chissà cos’altro si dovrà inventare. Perché mica ci crederanno sempre alle stronzate che gli racconta. E poi sua moglie. Ancora una gran bella donna. Si amavano un tempo. Non potevano fare a meno l’uno dell’altra. Dieci anni di matrimonio sono bastati per arrivare a non guardarsi più. Ma in fondo è inutile cercare lo sbaglio, pensa. Non esiste un vero e proprio sbaglio. Ti adegui. Cominci a pensare che le cose tutto sommato non vanno poi così male. Non ci fai caso se prima facevi l’amore 2 o 3 volte a settimana; poi una e poi la volta successiva non ti ricordi neanche più quando è stata l’ultima volta. All’inizio uscivi di casa e non ti dimenticavi mai di baciarla. Lei anche. Dopo un po’ ti ricordi solo quando sei in macchina che dovevi fare qualcosa. Ma non sai neanche cosa. Da li a non parlarsi più, il passo è breve. E allora si comincia ai insinuare il sospetto che tu hai un'altra. Domande allusive. Scenate. I bambini che si spaventano. Ma in realtà non è niente di tutto questo. Solo che si è smesso di vivere insieme anche se si dorme e abita sotto lo stesso tetto. Andiamo al cinema? Come vuoi tu. Che è come dire “Anche se stiamo a casa va bene uguale”. Anzi meglio, forse. Insomma, giorno dopo giorno aumentava quel cattivo sapore di fallimento che se anche c’era il sole era sempre una giornata di pioggia. Acqua acida che ti bruciava la pelle e il cervello. E i pensieri diventavano brutti pensieri!
E’ arrivata l’ora di andare a casa. Dopo l’ennesimo ubriaco che ha tentato di abbozzare un discorso, si alza e si avvia verso il suo appartamento. Sembra l’andatura del condannato a morte. Il buio lo aiuta. Si è abituato al buio. Se non fosse per i suoi figli, di luce nella sua vita è parecchio che non ce ne. Sale le scale, arriva davanti alla porta e suona. Si prepara per la sfuriata. La moglie apre e lo guarda. Gli occhi sembrano riposati. Strano. Poi lo abbraccia e lo bacia. Fa per ritrarsi, ma una forza che sfugge al suo controllo lo trattiene. Il suo cuore comincia a battere all’impazzata. All’unisono con quello di sua moglie. Il bacio sembra non finire mai. Poi termina. Ora si guardano. Hanno smesso solo di vedersi. Le loro anime piangono di gioia ed il loro viso è pulito, fresco, come se un unguento miracoloso abbia levato tutte le impurità formatesi negli ultimi anni di convivenza forzata. Non si dicono nulla. A braccetto come due fidanzatini si avviano verso la cameretta dei bambini. Un bacio a ciascuno e poi vanno a letto. Questa notte non dormiranno. Penseranno a come ricominciare a vivere e sognare. E faranno l’amore.



Share |


Racconto scritto il 08/07/2015 - 13:10
Da gabriele marcon
Letta n.261 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Ti ringrazio di cuore, Rosa.
Ciao
Gabri

gabriele marcon 10/07/2015 - 21:32

--------------------------------------

Complimenti....Bellissimo racconto...

rosa martella 10/07/2015 - 20:51

--------------------------------------

Un racconto all'inizio molto duro ma poi finisce come in un sogno...mi è piaciuto molto,hai descritto un rapporto di coppia come ce ne sono tanti purtroppo.Ciao

Anna Rossi 09/07/2015 - 06:13

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?