Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il profumo del proibito

Siamo soli.
Il buio attorno a noi rispecchia totalmente il mio stato d’animo sporco e coperto di vergogna.
Muovo una mano nell’oscurità cercando il contatto con il suo corpo, voglio sentire il suo calore, voglio sentire la morbidezza della sua pelle giovane e levigata.
“Chi sei giovane creatura?” mi domando tra me e me assalito da un senso di estranea voglia di lasciarmi andare ad errati attimi di gioia. Ti guardo con occhi non miei, ti parlo con parole espresse da qualcun altro. Ti cerco con sguardi sfuggenti.
Lei non lo sa, ma io sono qui. Lei non lo sa, ed io mi rafforzo sempre di più , prendendo coraggio , perdendo la ragione.
Ora la sua gamba si accavalla alla mia con semplicità, come se un contatto tra due sconosciuti fosse un gesto normale, come quando si cerca l’attenzione di qualcuno che vuole la stessa cosa. Non sento imbarazzo, solo un pizzico di timore nei miei confronti. Mi faccio paura. Non so cosa sta succedendo dentro di me ma giuro di poter sentire il mio stesso sangue viaggiare veloce lungo le vene. Giuro di poter sentire una voce nella mia testa che urla a squarciagola per scacciare il pensiero di lei, che ignara non sa nulla.
Ora la sua mano si appoggia tranquilla sulla mia gamba, il suo sorriso sereno mi conforta, mi trasporta in un leggero soffio di aria fresca in cui voglio sempre più farmi trasportare.
Lei a quest’ora starà asciugando i capelli con la spazzola in legno , davanti ad uno specchio ancora appannato dai vapori dell’acqua calda. Non so più come frenare la mia voglia di buttarmi tra le sue braccia, continuo a giocare con un lembo della maglia , per non trovare il contatto con il suo corpo caldo. Cerco di resistere. Le sue parole sono sempre più sussurrate, il suo respiro sempre più regolare. Abbasso lo sguardo sorridendo imbarazzato, ma più guardo i suoi occhi blu come il mare e più sento il desiderio di buttarmici dentro.
Il mio piede incondizionatamente si avvicina al suo, le mie dita sfiorano le sue braccia, siamo seduti così vicini che riesco quasi a percepire il battito del suo cuore. Mi perdo in quell’attimo di follia e mi lascio andare. Le sue labbra sono dolci come il miele, non posso fermarmi al sapore dei suoi baci, non posso resistere al profumo del suo collo.
Lei starà dormendo, solo le stelle possono giudicarmi ora che sono nudo di fronte a loro, ora che la notte ha spazzato via ogni mia certezza . Ogni piccolo frammento della mia persona che pensavo di conoscere è diventato un miraggio nel deserto. Non siamo abbastanza forti , non siamo abbastanza sicuri di sapere per certo cosa scatta dentro di noi, quando il profumo del proibito ci viene a bussare alla porta, in una notte d’estate.



Share |


Racconto scritto il 15/07/2015 - 11:05
Da Axel Super Tramp
Letta n.332 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Mi è piaciuto, lascia una libertà al lettore molto interessante. Anche io lo vedrei inserito in un'opera più ampia. Complimenti!

Costanza Tassoni 15/07/2015 - 22:14

--------------------------------------

Gran bella storia con molti scenari aperti e prorpiro per questo adattabile , come il professore Novellino diceva ,ad un racconto molto più ampio.
Bello.

luciano rosario capaldo 15/07/2015 - 16:47

--------------------------------------

E' il racconto di una situazione, da cui partono considerazioni di carattere psicologico legate a un incontro d'amore. Direi che è scritto bene, con espressioni efficaci. Più che una storia a sé, lo vedrei come il passo di una narrazione di più ampio respiro.

Giuseppe Novellino 15/07/2015 - 12:28

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?