Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Natale

C’è ‘na casetta a Nazareth dove ‘na regazzina, buona, bella e brava de nome Maria, prega.E’ la promessa sposa de Giuseppe, omo onesto e falegname fino, che nun vede l’ora de sposarla.
Maria porta rispetto a la legge der Signore, a tutti vole bene. Conduce ‘na vita casta e pia.
Questo è ‘r segreto santo de’ Maria, che piena è di umiltà che piace tanto ar Dio Trinità.
Dentro la cappelletta der suo core prega tanto quer Dio che è solo Amore. Lo prega de sarvà l’umanità. Debbotto ‘n gran bajore, ‘na luciona, illumina la stanza. Come d’incanto ’n angelo che de’ sole pare vestito ai piedi de’ Maria inginocchiato, le dice co’na carma che nun c’è l’eguale.
Gabriele:“Ave Maria, di grazia piena. Il Signore è con te. Io so’ Gabriele, Arcangelo celeste e pezzo grosso der Paradiso.De Dio so’ messaggero e Te vengo a da’ ‘na notizia bella.Tra tutte le donne sei la benedetta e benedetto è er frutto der tuo seno Gesù!”
Maria: “Angelo santo, che ma che me dici? Io nun conosco uomo! Co’ Giuseppe, mio sposo, me so’ accordata pe’ vive come frate e sora. Ner mio core c’è posto solo per Dio-Amore! “
De corpo tutto è Luce ne la stanza. L’arcangelo se alza ritto ‘n piedi! Quant’è bello! C’ha ‘n paio d’ali belle assai ,fatte de piume lucenti come perle. Il vestito di zaffiri e diamanti è intessuto,intarsiato di oro damascato, senza ‘na grinza.
Gabriele:“Mo te dico ‘n segreto: der Padre tu sei figlia diletta, dello Spirito Santo sei la sposa. L’Altissimo ti coprirà con la sua ombra e tu Madre der Salvatore, Fijo de Dio, diventerai!”
Maria:”Sia fatta la volontà der Signore che tra le donne m’ha prescelta. Nun se resiste ar richiamo de l’Amore !”.
Così rispose Maria benedetta all’arcangelo da Dio mannato, senza preoccuparsi de dove’ spiega’ a Giuseppe che er fijo che il suo grembo verginale aveva concepito era er Fijo unigenito de Dio. Isaia aveva profetizzato che da una Vergine il Messia sarebbe nato. Miracolo più grande nun ce n’è. Quanno Giuseppe s’accorse che Maria aspettava ‘n fijo , er core je se spezzò.
Giuseppe:“E mo’ che faccio ? Se lo dico all’altri,er core mio è perduto. La rimanno dar padre e dalla madre .Certo pe’ li genitori è ‘n dispiacere! Sempre mejo de lo strazio de’ vedella morta!”
Dall’imbarazzo lo levò Dio che ner core je leggeva e nun je sfuggiva niente.Giuseppe fece ‘n sogno, ma di quelli belli che solo a pensacce te vié la commozione. ‘N angelo der Signore je diceva: “ Giuse’, Giuse’ non ave’ paura de’ pia’ pe’ sposa Maria .Il fijo che ha concepito in seno è Fijo de’ Dio che puro te ha scelto. Alleverai er pupo con amore perché è er Fijo de Domine Iddio er Zignore!”
Così Giuseppe sposò Maria, Vergine Immacolata. Je pareva de’ sta’ ‘n Paradiso.
Maria co’ tanta tenerezza tesseva vestitini per Fijo de l’Abbà. Fasce e coperte intrecciava co’l’amore in core.
Giuseppe con sega e pialla una culla preparò p’ accoje er Fijo de quer Dio che l’Universo intero non contiene. Ecco, er momento era arrivato in cui il Salvatore sarebbe nato.
Ma Ottaviano imperatore voleva sapè quanta ggente c’era nel suo impero. Per censimento Giuseppe e Maria s’incamminarono a Betlemme, perché Giuseppe er falegname, aveva sangue regale nelle vene. A Betlemme nessuno due poracci ospitò .La ggente de Betlemme perse l’occasione d’accoglier ne le loro case er Creatore dell’universo intero.
Giuseppe : “Ce semo,Maria.vedo le case de Betlemme. Vedrai qualcuno ce ospiterà.nun te preoccupà:Dio è grande e ci aiuterà!”
OSTERIA DI SALOMONE
Toc Toc
Salomone: “Chi è?”
Giuseppe:”So’ Giuseppe de Nazareth”.
Salomone: “E che voi?”
Giuseppe:”Cerco un posto per dormire per me e per mi moje”.
Giuseppe:”Ma tu moje è incinta.Nun se ne parla per niente”.
OSTERIA DI GIOSUE’
Toc Toc
Giosue’ ”Chi siete? Che volete?”
Giuseppe:”So’ Giuseppe de Nazareth. Cerco ‘n posto pe’ questa notte. Mi moje ‘sta pe fa’ ‘n fijo!”
Giosuè:”Ciavemo l’arbergo pieno.Nun ve potemo ospita’!”
OSTERIA DEI TRE MERLI
Toc toc
Noemi :”Chi è?”
Maria: “Ostessa dei tre merli, datece da dormi’, solo pe’ questa notte.Abbiate pietà!
Noemi :” E dove ve mettemo?”
Maria:” Nun ciavemo pretese. Ce va bbene puro ‘na stalla!”
Noemi :”Allora annate laggiù ,c’è ‘na capanna.Almeno sarete al riparo!”
‘Na povera capanna, un bue, ‘asinello diedero conforto a ‘na mamma regazzina che stava pe’ da’ ar monno (subito ingrato) Colui che dai peccati l’avrebbe sarvato a prezzo de gran dolore.L’amore de la mamma (e che mamma) nun te mancò, caro Gesù. La dolce mamma tua te strinse ar core e te cantò una dorce ninna nanna.
Un par de mille belli anni fa nacque il figlio unigenito de l’Abbà.Era ‘na fredda sera de’ dicembre e i pastori intorno alla capanna dov’era nato er Salvatore se rescallavamo davanti ar foco. Debbotto ‘n gran bajore,’na luciona inonda come stelle la sterpaia.Ghiaccio, paletti, sassi neri, tutto è sparito: adesso è ‘n Paradiso!”
‘N angioletto bello tanto cor ditino chiama li pastori: ”Andate è nato er Salvatore:lo troverete adagiato in una mangiatoia”.
A lui s’uniscono mill’ angeli in volo che cantano gloria al Signore e pace agli uomini de buona volontà.
E li pastori dar monno disprezzati nun se chiesero er come e er perché. Nun pensarono d’essersi ‘mbriacati cor vino.
Mici mici se misero ‘n cammino verso ‘na grotta piena de tanta luce e trovarono ‘n pupo ch’era ‘no splendore ‘n braccio a ‘na mamma regazzina che lo ninnava co’ tanto amore.
Er Padre,tra le cose che ha creato, puro ‘na cometina avea previsto, lucente e co’n codazzo, pe’ portà la ggente a Gesù Cristo. Seguendo quella luce tre sapienti magi s’incamminarono verso Betlemme. La stella se fermò sopra la grotta dove er Salvatore era nato.I magi portarono a Gesù li loro doni, oro, incenso e mirra.
Gaspare:”Te offro l’oro,bel Bambinello, perché Tu sei er Re der monno ‘intero. Ma tua corona sarà de spine,er trono ‘na croce perché l’omo nun capirà tant’amore e solo pochi t’apriranno er core!”
Melchiorre :”Te offro l’incenso perché Tu sei Dio,Creatore dell’Universo. A te Gloria e onore nei secoli de’ secoli.Amen!”
Baldassarre:”Te offro la mirra, unguento profumato ma amaro.Te servirà per la tua sepoltura!”
Ma li guai per regazzino nun erano finiti.Erode, re ‘nfame, voleva ammazzà er pupo bello ch’era venuto solo a parlà d’amore. Pe’ nun sbajasse’ fece ‘na strage de’ innocenti. Fece ammazzà li fiji de l’abitanti de Betlemme che nun vollero ospità li forestieri venuti da Nazareth.
E tu che stai leggendo, che voi fa’? Voi aprì er core ar Dio Amore che ama l’omo a più non posso e tutti i peccati je perdona, o voi vagà nelle tenebre della tristezza e della paura qui sulla tera e nell’eternità?
Dio te lascia libero de sceje.Pensace bbene e fa’ la scelta giusta.Dio esiste, te ama e t’aspetta ‘n Paradiso dove puro pette ce sta ‘n posto,comprato a prezzo de gran dolore da Gesù che oggi vole’ nasce ‘n ogni core pe’ da’ a tutti li omini la felicità!



Share |


Racconto scritto il 01/01/2012 - 17:38
Da Antonella Marinucci
Letta n.725 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?