Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Oceano...
Maggio di nuvole...
La notte così lunga...
Bellezze nascoste....
Insonnia...
Non c'é sospeso...
IL FREDDO LA LU...
Gli armistizi si del...
la giustizia e' co...
Aetas sine spe...
il momento giusto...
AMORE INTENSO...
Lo sguardo della Ver...
La porta della felic...
Come musica che si p...
MISTERO...
E' PRIMAVERA...
Il bacio che mi lega...
Madre...
Trova il bambino che...
La danza dell'asetti...
Il principe cercava ...
Il canto del sole na...
Pensieri...
Je suis le monde...
Un Sogno!...
Sei...
Errabondo vagare...
Quando in tv cantava...
Impulso...
Frasi d'amore al ven...
Abisso...
Mai più male...
Profumo di tiglio...
Chiedimi......
Pallida Luna...
Dopo una delusione, ...
TU IL MIO AMO...
Stelo e corolla...
E penso al mare...
RISPARMIO D'ENERGIA ...
Mia cara pittrice....
Medusa...
SILENZIO...
I TUOI PENSIERI...
Insensato sogno...
Once more...
IL NOTTURNO...
PARLAMI OH LUNA...
L'anguilla...
Rosso di sera...
L'amore...
Tu aquila dell’unive...
guardando il cielo...
ARMONICHE ASIMMETRIE...
Notte...
Chimera...
Pensieri sparsi su B...
...solo per te...
ULTIMA AURORA...
Castelli evanescenti...
Parole...
Hebron...
La grandezza dell'uo...
Ci sono....
Il Diavolo in conven...
Tu ci amavi...
DOLCE CALORE...
Danny Zuko...
Non so...
Ci ritroveremo...
Sfiga day...
Tepore Haiku...
Rigor...
Sospiro......
la bilancia...
Il profumo della ser...
La libertà è il diam...
Non so se basterà...
L' ISTINTO E LA ...
MA CHE CAVOLO DE MAG...
Senza amore...
Quando la terra era ...
Amore!...
RINUNCIA...
Una volata da qui...
Mentre ti accorgi di...
Lieta aspettativa al...
Frammenti di vita...
Raggiungere la meta,...
LA SERA...
Un fiore spinato...
Nel mondo ci sono du...
Cielo Liquido...
La ragazza sconosciu...
La Seta...
Quando saprò...
VESTIRSI DI NUOVO...
La fretta o la neces...
Credere che sia per ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Si allontanava rapidamente

Era bello quel giorno, il vento stava spazzando le nuvole e il suo umore cattivo che voleva pensare a lei, non riusciva, suo figlio un bimbo piccolo si trovava in ospedale, sua moglie lo aveva dato alla luce con tanta gioia, andando via, dopo poche ore dal parto. Il cuore non era riuscito a sopportare quel lungo travaglio che poteva evitare, se il personale di turno si fosse precipitato tempestivamente nella sua stanza, dove il sole filtrava, illuminandole il viso, sconvolto dal dolore, che appesantiva la sua schiena, sorretta da lui, mentre il sudore gli gocciolava. In quel periodo il reparto si trovava a fronteggiare una situazione di emergenza molto estenuante, erano arrivate tante straniere, sbarcate con mezzi di fortuna, che avevano rischiato di affondare, lontano dalla riva, presa d’assalto, costringendo abitanti di un’isola americana a fare un passo indietro, accettando estreme condizioni per tutti, davvero disastrose. Marina era stata una donna sempre forte, amava la vita e quando conobbe Mauro ancora di più, tanto che si faceva portare in locali lussuosi, dove si baciavano, alla vista di molti, sotto riflettori, testimoni di un amore sentito e conosciuto, quando tutto ormai per entrambi sembrava finito Erano cresciuti troppo in fretta, il tempo per essi non era stato proprio buono, i loro genitori avevano deciso di separarsi, lasciandoli soli, all’età di quattordici, sedici anni, in una piccola casa, scampata alla guerra, che non dimenticò facilmente, nei lunghi anni vissuti. Quegli anziani si amavano, prendendosi cura calorosamente dei nipoti, i quali li ricambiarono teneramente. La giornata di Mauro cambiò, egli tornando indietro con la mente rivolta al passato giurò a se stesso di non legarsi mai a un’altra, anche se Gloria in alcuni momenti lo faceva sentire bene come rinato, non appena si poteva sfogare in ufficio, parlando a lei, dei suoi problemi, di essersi innamorato, di una donna malata, consapevole della sua malattia, che presto l’avrebbe uccisa. All’improvviso i suoi pensieri spostarono l’attenzione, al campanello, fuori sul pianerottolo di casa c’era Gloria, desiderosa di vedere lui, che potè guardarlo soltanto dalla finestra, mentre si allontanava, rapidamente



Share |


Racconto scritto il 27/09/2015 - 15:13
Da MARIA ANGELA CAROSIA
Letta n.318 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?