Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

La sposa...
Alla fine di questa ...
Curriculum vitae...
Abbiam perso... il s...
HAIKU NR. 21...
Pedro...
Le Ore...
Sul mare... navigand...
Calce sulle dita...
QUANDO L' AMORE ...
UN’ALTRA CANZONE...
Spillo...
Quando finisce un am...
SEI FUGGITA...
Luce e ombre......
Ode al vino...
Amore limpido....
Forse, sbagliata...
È subito mare...
Lo specchio (2015-20...
C'È SEMPRE IL SOLE...
L'onore...
DOLCE CANTO...
La vita in blu...
Di brama nella notte...
Sono la Primavera...
Valzer delle chimere...
Le ultime scosse...
Nel giorno che piang...
Sulle tue labbra...
La perfezione del fi...
Riflessione...
CI SIAMO PERSI...
Ho domandato ad un v...
Passa tutto...
Già poesia...
SI È MASCOLINIZZATA?...
Treno in corsa...
ed a te, cosa devi?...
POMERIGGIO SPUMEGGI...
adesso basta...
E LO CHIAMENO MAGGIO...
grotte infuocate...
Questo nostro indoma...
Si fosse prolungata...
Mi spingo oltre il m...
Opaca...
Un prete anarchico...
IL NOSTRO CIELO...
Pensieri sparsi su B...
Senryu 3...
Trasparenze...
IL CUORE NEL ...
A mia madre...
LIBERO...
Nebbia...
EMOZIONE D'AMORE...
Cuore....
Corda che unisce...
Mediterraneo...
Nuove Alebe...
Il dubbio...
Piove...
Nuovo giorno...
MAGARI UNA ROSA...
L'infinito...
RIGOR ..frammenti ne...
Cammino...
Io e te...
Le mie grosse vacanz...
Le scarpette rosse...
Con Agonistico Furor...
Fragranze...
Le parole che conosc...
BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...
La notte così lunga...
Bellezze nascoste....
Insonnia...
Non c'é sospeso...
IL FREDDO LA LU...
Gli armistizi si del...
la giustizia e' co...
Aetas sine spe...
il momento giusto...
AMORE INTENSO...
Lo sguardo della Ver...
La porta della felic...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Er monsignore Krysztof Charamsa

Un santo prete polacco,
pe' grazia de Dio diventato papa,
da solo 'n regime infernale ha distrutto.

Satanasso mo' se sta a vendica'
e 'n artro prete polacco sta a utilizzà
pe' creà 'na chiesa tutta sua,
nun casta e santa
come quella fondata dar Nazzareno,
suo nemico giurato, ma 'n gran bordello
dove nun c'è nè più Legge nè Morale,
dove li preti sua nun assolveno da li peccati
ma te li fanno fa' in gran quantità.


E sti preti so' pure "gran teologi "
(sì ma de satanasso)
e se li stai a senti'
te porteno diritti all'inferno
perchè so' ministri der serpente
che ce vole schiavi suoi pe' l'eternità.


Me sorge 'n dubbio:ma 'sti sapientoni
l'hanno letta la Bibbia?
Se l'hanno letta, me spiegassero
perché allora Domine Iddio ,
che cià creati maschi e femmine,
fece piove foco su Sodoma e Gomorra.


Caro monsignore,t'è annata male.
Volevi fa er modernista,ma er piede
in due scarpe nun lo poi tenè:
o sei ministro de Cristo o de quell'altro.
La parola de Dio nessuno la può cambiare.
Chi lo fa dalla Chiesa de Cristo
deve smammà e andà finalmente a lavorà.


Ora,monsignò, portati con te chi t'ha appoggiato
e t'ha permesso d'arrivà dove sei arrivato.
Nun te rimpiangeremo.
Promesso!
Annate a lavorà
e nun sporcate più la Chiesa Santa
fondata dar Fijo de Dio
che in voi ha avuto fiducia.


Noi semo de Cristo che cià pagati a caro prezzo.
Ma come Giuda voi l'avete tradito.
Che ce state a fa' ner gregge santo?
Voi siete lupi,
v'avemo sgamato,
e noi fedeli nun ve volemo.
Co' pastori come voi è mejo pascolarsi da soli!


Io che te so' amica, ma per davvero,
e per te prego,te dico:
"Converti ar Vangelo, quello de Cristo
de cui ciai pure er nome."
Krysztof, Cristoforo, dovresti portà Cristo,
ma tu che porti?
Porti te stesso e er peccato tuo
che è contro natura ed è sacrilegio,
perché sei prete.


Rinuncia ar peccato,
prima che per te sia troppo tardi.
Perché voi diventà per forza
porchetta de lucifero?


Torna ad esse’ de Gesù che puro per te è morto
e che t’aspetta a braccia aperte per donarti la felicità che solo chi ama Dio sa ‘ndo sta!




Share |


Racconto scritto il 04/10/2015 - 20:05
Da Antonella Marinucci
Letta n.315 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?