Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ti amo e soffro...
...ISTANTE DI PURA F...
CON TE NELL/INFINITO...
Tra vortici di stell...
Un metro di neve bia...
Quell'alone cupo e f...
Poco a poco...
ER LIMONE PAZZO...
Portatore di pietre...
afferra quella nuvol...
D'azzurro e sale...
Rimorso...
il gigante nano. ...
la rosa...
In certi momenti la ...
È bello vivere da il...
la luna dall'alto.....
Non voglio sognare p...
le cose semprici...
DESTINI INCROCIATI (...
E la Luna parló al ...
Ho visto una stella...
Mi piace tutto di te...
Il nulla...
La tua assenza mi ha...
Il Pavone vanitoso...
Maria grazie di esis...
amo la pioggia...
Al cimitero dei carr...
Settembre...
MAROTTA: Family Beac...
Spesso ogni piccola ...
UCCELLI di MALO AUGU...
IL MISTERO DELL\\'EM...
Notturno n.4...
NOI LA VITA...
Agrigento e la Festa...
Piccola cosa...
Il Nero...
Gioventù...
IL MIO AVATAR...
E tacque attorno a n...
FIORI D'ARANCIO...
A ME STESSO...
LA PENDOLA...
Di notte...
Vorrei essere......
Io...
Brezza...
Svegliati è tardi......
Qualcosa che non va...
19 AGOSTO ER COMPLEA...
Non ti chiedere se ...
L’uomo dovrebbe fare...
Dolcezza...
il suo nome...
Falò di pensieri...
Italia mia...
RESILIENZA...
Gli alberi intorno...
Specchio spiatore...
Illusione o realtà?...
Le mie parole sono l...
Quando arriverà il m...
La Pecora nera...
Dove nel cosmo è bui...
Tristezza per la gen...
Ne ho baciate tante ...
Nei nostri sorrisi...
SAHEL...
Contro il destino...
Sandrone...
EVOLUZIONE DELL\'AN...
Non li merito gli oc...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
LA NOSTRA PROMESSA...
Dentro la scatola di...
CONQUISTA...
La fretta dei giorni...
Fila, filastrocca...
ANCHE PER UN SOLO IS...
Voglio solo la mia l...
...UN AMORE CHE È CO...
Ancora una volta...
Non è ancora quel te...
PER AMMAZZARE IL... ...
il gommone...
Fantapoesia...
Canto della cuna del...
Questa è la vita ? ...
Preghiera alla divin...
NESSUNO...
È perché non sai chi...
Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Er monsignore Krysztof Charamsa

Un santo prete polacco,
pe' grazia de Dio diventato papa,
da solo 'n regime infernale ha distrutto.

Satanasso mo' se sta a vendica'
e 'n artro prete polacco sta a utilizzà
pe' creà 'na chiesa tutta sua,
nun casta e santa
come quella fondata dar Nazzareno,
suo nemico giurato, ma 'n gran bordello
dove nun c'è nè più Legge nè Morale,
dove li preti sua nun assolveno da li peccati
ma te li fanno fa' in gran quantità.


E sti preti so' pure "gran teologi "
(sì ma de satanasso)
e se li stai a senti'
te porteno diritti all'inferno
perchè so' ministri der serpente
che ce vole schiavi suoi pe' l'eternità.


Me sorge 'n dubbio:ma 'sti sapientoni
l'hanno letta la Bibbia?
Se l'hanno letta, me spiegassero
perché allora Domine Iddio ,
che cià creati maschi e femmine,
fece piove foco su Sodoma e Gomorra.


Caro monsignore,t'è annata male.
Volevi fa er modernista,ma er piede
in due scarpe nun lo poi tenè:
o sei ministro de Cristo o de quell'altro.
La parola de Dio nessuno la può cambiare.
Chi lo fa dalla Chiesa de Cristo
deve smammà e andà finalmente a lavorà.


Ora,monsignò, portati con te chi t'ha appoggiato
e t'ha permesso d'arrivà dove sei arrivato.
Nun te rimpiangeremo.
Promesso!
Annate a lavorà
e nun sporcate più la Chiesa Santa
fondata dar Fijo de Dio
che in voi ha avuto fiducia.


Noi semo de Cristo che cià pagati a caro prezzo.
Ma come Giuda voi l'avete tradito.
Che ce state a fa' ner gregge santo?
Voi siete lupi,
v'avemo sgamato,
e noi fedeli nun ve volemo.
Co' pastori come voi è mejo pascolarsi da soli!


Io che te so' amica, ma per davvero,
e per te prego,te dico:
"Converti ar Vangelo, quello de Cristo
de cui ciai pure er nome."
Krysztof, Cristoforo, dovresti portà Cristo,
ma tu che porti?
Porti te stesso e er peccato tuo
che è contro natura ed è sacrilegio,
perché sei prete.


Rinuncia ar peccato,
prima che per te sia troppo tardi.
Perché voi diventà per forza
porchetta de lucifero?


Torna ad esse’ de Gesù che puro per te è morto
e che t’aspetta a braccia aperte per donarti la felicità che solo chi ama Dio sa ‘ndo sta!




Share |


Racconto scritto il 04/10/2015 - 20:05
Da Antonella Marinucci
Letta n.256 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?