Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

BIMBA MIA...
Il mondo è fasullo...
di bianco e di rosso...
Non ho voglia di sor...
Domani....
Vezzo di rosa...
Nella società del pr...
Ad Agata...
l’amore per le picc...
PAPAVERO...
Un vento di scirocco...
L'ONOREVOLE di Enio ...
LE QUATTRO STAGIONI...
Oceano...
Maggio di nuvole...
La notte così lunga...
Bellezze nascoste....
Insonnia...
Non c'é sospeso...
IL FREDDO LA LU...
Gli armistizi si del...
la giustizia e' co...
Aetas sine spe...
il momento giusto...
AMORE INTENSO...
Lo sguardo della Ver...
La porta della felic...
Come musica che si p...
MISTERO...
E' PRIMAVERA...
Il bacio che mi lega...
Madre...
Trova il bambino che...
La danza dell'asetti...
Il principe cercava ...
Il canto del sole na...
Pensieri...
Je suis le monde...
Un Sogno!...
Sei...
Errabondo vagare...
Quando in tv cantava...
Impulso...
Frasi d'amore al ven...
Abisso...
Mai più male...
Profumo di tiglio...
Chiedimi......
Pallida Luna...
Dopo una delusione, ...
TU IL MIO AMO...
Stelo e corolla...
E penso al mare...
RISPARMIO D'ENERGIA ...
Mia cara pittrice....
Medusa...
SILENZIO...
I TUOI PENSIERI...
Insensato sogno...
Once more...
IL NOTTURNO...
PARLAMI OH LUNA...
L'anguilla...
Rosso di sera...
L'amore...
Tu aquila dell’unive...
guardando il cielo...
ARMONICHE ASIMMETRIE...
Notte...
Chimera...
Pensieri sparsi su B...
...solo per te...
ULTIMA AURORA...
Castelli evanescenti...
Parole...
Hebron...
La grandezza dell'uo...
Ci sono....
Il Diavolo in conven...
Tu ci amavi...
DOLCE CALORE...
Danny Zuko...
Non so...
Ci ritroveremo...
Sfiga day...
Tepore Haiku...
Rigor...
Sospiro......
la bilancia...
Il profumo della ser...
La libertà è il diam...
Non so se basterà...
L' ISTINTO E LA ...
MA CHE CAVOLO DE MAG...
Senza amore...
Quando la terra era ...
Amore!...
RINUNCIA...
Una volata da qui...
Mentre ti accorgi di...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Tutto ciò che accadde quella notte...

Il tenente Watson passeggiava pensieroso intorno alla sua bella scrivania quando ad un tratto l’agente Mc Barry entrò nella stanza. <<”Tenente!,tenente! C’è una signorina che chiede di voi...”>> <<”Falla passare!”>> disse il tenente. La porta si chiuse,per poi riaprirsi un istante dopo:entrò una graziosa fanciulla,sembrava aver passato da poco la trentina. Non era tanto alta ma i tacchi che indossava non lo lasciavano a vedere. <<”Buonasera tenente!”>> sussurrò la ragazza con voce soave . <<” Mi scusi se la disturbo a quest’ora,ma proprio non potevo dormire e...”>> Watson la bloccò dicendo: <<”Signorina stia calma....si segga e mi racconti l’accaduto.”>> La ragazza cominciò il suo racconto.
<<”Alcuni giorni fa mio marito,che lavora presso un magazzino,portò a casa un vecchio orologio a pendolo che il suo capo aveva rimosso da una vecchia proprietà. Posizionammo il pendolo nella sala d’ingresso,proprio davanti la finestra che da sulla via principale della città;deve sapere che abito al numero 24 di King’s Avenue. Purtroppo questa sera a mio marito è toccato il turno notturno ed io mi ritrovai da sola a passare la serata. Decisi di andare al pub sotto casa mia. Ordinai prima una birra,poi un’altra e poi un’altra ancora... Quando l’alcol cominciò a farsi sentire,decisi di rincasare. Entrai nell’androne ,salii le scale e mi ritrovai sul pianerottolo. Vidi subito che la porta di casa mia era socchiusa; mi affrettai a vedere. Entrai nell’appartamento e,tutto sommato,sembrava non mancasse nulla. Chiusi la porta,posai il cappotto e...”>>
<<”E....?”>> sopraggiunse il tenente che si stava appassionando alla vicenda
<<” E non vidi più l’orologio a pendolo! Era sparito....nel nulla; Puf! Pensai che fossero entrati i ladri...decisi allora di perlustrare l’appartamento. Era notte,io ero un po’....ehm...un po’ brilla e non riuscivo a distinguere perfettamente ciò che vedevo. Decisi allora di venire qui.”>> <<”Ha fatto bene signora! Se qualcuno fosse entrato nella sua abitazione....sarà adeguatamente punito! Parola d’onore di Timothy Watson.
Detto ciò Watson,Mc Barry e la signorina salirono su di una volante e raggiunsero velocemente l’abitazione. Ripercossero per filo e per segno il percorso fatto dalla signora:androne,scale,pianerottolo,casa...già...casa.... La signorina estrasse dalla borsetta la chiave,la inserì nella serratura e...e la chiave non entrava! Watson ordinò a Mc Barry di sfondare la porta. La porta cadde. L’appartamento era vuoto. Ad un certo punto si vide una piccola e fioca luce avvicinarsi. Watson ed il suo sottoposto estrassero la pistola dal fodero: <<”Tieniti pronto ad agire Mc Barry...potrebbero essere i ladri!”>> All’improvviso si parò davanti al trio un signore di mezza età,calvo ed in camicia da notte con la cuffietta che pendeva sull’orecchio sinistro.
<<”Desidera?”>> disse il signore,ancora frastornato dal tonfo della porta.
<<”Cosa ci fa qui? Non sa che questa è una proprietà privata? “>> <<”Si signore! Infatti l’ho chiamata proprio per questo....”>> Watson era disorientato:<<”Sta forse dicendo che è stato lei a chiamarci?”>> <<”Signorsì....la chiamai poiché ,verso mezzanotte,io e mia moglie fummo svegliati da alcuni passi provenienti dal salone del nostro appartamento. Credemmo che fossero i ladri e ci nascondemmo...non appena i passi cessarono vi chiamai!”>> <<”Scusi signore...mi potrebbe dire che indirizzo è questo?”>> <<”Certamente! È King Avenue..25!”>> disse il vecchietto.
Watson non sapeva come reagire...scosse la testa,si tolse il cappotto,lo pose sulle spalle della signora e disse: <<”Non si preoccupi...la porto io a casa....”>>



Share |


Racconto scritto il 11/03/2012 - 13:44
Da Federico Giunta
Letta n.625 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?