Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Sirio e Selene

C’era una volta una stella
Che se ne stava lontana in un angolo di cielo
Sola con la sua malinconia, in cerca dell’amore che mai aveva avuto
Una sera la luna la vide, le si avvicinò e le disse “ perché sei triste?”
La stella la guardò e le rispose ” in me c’è solo malinconia, sono sola senza amore"
La luna le sorrise e le offri la sua amicizia
da quel momento la stella cominciò a brillare di luce propria
Era felice aveva trovato l’amore
Tutte le sere la luna stava in cielo vicino alla sua stella
Il loro amore era immenso, la stella era la più brillante
E nel firmamento tutti ammiravano e gioivano di quest’amore
Tra l’oro era nato un amore così forte che riempiva di splendore il creato
La stella disse alla luna “ non dubitare mai del mio amore”
“Per ogni passo che farai io, sarò la tua orma
per ogni cosa toccherai sarò la tua mano
guarderò attraverso i tuoi occhi
e quando avrai bisogno di me
saprai che ci sono
perché tu ed io siamo una sola Cosa.
ti amo tienimi custodita nello scrigno della tua anima”.
La luna le rispose
“Io per te sarò la pietra dove potrai sederti per riposarti
Sarò il fiume dove potrai dissetarti
sarò aria vento e sole che ti aiutano a vivere
sarò il tuo bastone che ti accompagna nella vecchiaia
sarò il sorriso che ti manca
sarò fuoco che riscalda i tuoi giorni freddi
sarò cuscino dove potrai appoggiare il tuo capo per riposare
sarò voce che ti sussurra all'orecchio ti amo”.
Poi una sera la luna si accorse che la sua stella, lentamente si allontanava da lei
Finché una notte non la vide più
La cercò in ogni angolo di cielo, senza mai trovarla
Lei si disperò e perse la sua luce
si lasciò lentamente morire
E nella sua immensa solitudine, si mise a piangere
Una lacrima colpì la terra, e nacquero i fiori e si riempì di colori e profumi
Un’altra lacrima arrivò al sole, e sentì in quella lacrima tutta la disperazione
e provo tenerezza per la luna
le si avvicino e le diede la sua luce
così tutte le notti il sole dona un suo raggio alla luna
per farla splendere cosi ché la sua amata stella possa vederla
e tornare da lei
tutte le sere la luna e triste e pallida e spera che un giorno Sirio
possa tornare da lei e farla splendere di luce propria.


Jahweh59 - 20 Agosto 2011




Share |


Racconto scritto il 25/03/2012 - 18:57
Da Calogero Leonardi
Letta n.599 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?