Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Istantanee di morte (seconda parte)

Dal rapporto di Johnny Spirito, agente dei servizi segreti italiani, giovedì 17 dicembre ore 11:30


Ho individuato le ragazze. Chiara Rotella, nata a Roma il 14/12/1997 e Vanessa Cecchetto, nata a Vicenza il 5/11/1996. In questo momento sono alloggiate all’Hotel Zapter sito in Lange Gasse a Vienna (Austria). Non hanno mai lasciato la stanza da quando sono arrivate questa mattina alle 09:23 con il treno partito da Roma ieri sera alle 19:51. Tengono le finestre chiuse. Impossibile capire i movimenti all’interno. Attendo nuove disposizioni, intanto procedo con vigile attesa.


P.S. confermo che le ragazze hanno con sè la macchina fotografica.



Intercettazione ambientale da parte del movimento del Quarto Reich, venerdì 18 dicembre ore 02:40


Rumore di una porta che si apre e dei passi nella stanza. Poi la voce di un uomo:


<< Non possiamo restare a lungo qui, è evidente che non ero solo io a seguirvi… >>


Una ragazza piange in modo disperato:


<< Ma chi sei? Perché mi hai salvato la vita? E Vanessa? Mio Dio Vanessa è morta, è morta. Non me lo perdonerò mai, mai, mai… >>


Rumore di una sedia che si sposta e l’uomo che si siede:


<< Sono Johnny Spirito, agente dei servizi segreti italiani. Vi seguo da quando siete salite sul treno ieri sera. In realtà prima seguivo le tracce di tuo zio, Eraldo Rotella. Mi dispiace molto per la sua morte, ti faccio le mie condoglianze. Vedi, purtroppo qualche giorno fa tuo zio ha fatto l’errore più grande della sua vita acquistando quell’oggetto che tieni in mano. E’ un oggetto ricercato da più di quarant’anni. >>


<< Si ma perché? Perché? Fin’ora ha portato solo morte. Ci hanno sparato addosso venti minuti fa ed ora stiamo qui a parlare come se niente fosse? >>


Pianti e singhiozzi.


<< Il mendicante è morto ma non è poi così importante, non avrebbe potuto dirti più di quello che ti sto per dire io. Purtroppo la tua amica è stata raggiunta da un proiettile alla testa, questo non sono riuscito ad impedirlo, non potevo prevedere che ci sparassero addosso in pieno centro…mi dispiace. >>


<< Perché questa dannata macchina fotografica è così importante? Chi è che ha provato ad ucciderci?! >>


<< Non lo sappiamo per certo, ma notizie riferiscono che esiste un gruppo di teste rasate interessato all’oggetto, e il fatto che abbiano provato ad ucciderti vuol dire che non sappiano del tutto la verità… >>


<< Perché mi stai raccontando tutto questo? Anche io devo morire, vero? Alla fine di questa storia verrò eliminata ma per il momento ti servo, perché? Ho il diritto di saperlo! >>


<< Ok, ok, mi sembra giusto. Sei una ragazza sveglia. Quella macchina fotografica ha un potere molto grande, riesce a prevedere la morte di una persona entro 24-48 ore dallo scatto. Ma non è questo che ci interessa, ne ha un altro più grande. Tu credi nella reincarnazione, Chiara? I fogli contenuti all’interno della macchina fotografica sono fatti di microscopici cristalli di iodochinina solfato immersi in un film polimerico trasparente di nitrocellulosa con l’aggiunta di una polvere ricavata da una pietra calcarea derivante da Ellora, in India, dove sorge il tempio di Kailasanatha. La macchina fotografica è unica al mondo. Chi la possiede può reincarnarsi in un animale o in un’altra persona, pure del passato, non ha importanza. Solo che non sappiamo come avviene il prodigio. Nel libro scritto da Eric Leclerc, che tra l’altro è l’inventore della macchina fotografica, c’è scritto che bisogna fotografare l’albero della vita per ricevere le istruzioni. Ce n’è uno rappresentato al Parco della Pace di Ravenna e ci dobbiamo andare insieme. Sono rimaste solo due pellicole. Una è per fotografare il mosaico, la seconda servirà per il piano dei servizi segreti italiani. >>


<< Io che fine farò? >>


<< Non sono un assassino, per il momento sono qui per proteggerti, quando questa storia sarà finita, ti riporterò a casa dai tuoi genitori, non costituisci un pericolo per la nostra organizzazione. Nessuno in Italia sa che esiste la SIRS, neanche il Presidente della Repubblica. E poi chi crederebbe ad una macchina fotografica capace di realizzare prodigi? Potrai fare il mio nome ma io non esisto. Verrai presa per pazza se proverai a raccontare in giro questa storia. E poi c’è un piccolo particolare da non trascurare… La macchina fotografica non funziona con tutti, se io provo a scattare una foto non succede nulla. Siamo stati fortunati a trovare te, sai quanto tempo ci vorrebbe a trovare un’altra persona? Non possiamo permetterci questa perdita di tempo. >>


<< Però esistono pure questi uomini violenti, perché cercano questa macchina fotografica? >>


<< E me lo chiedi? Forse ho sopravvalutato la tua intelligenza. E’ da più di cinquant’anni che i nazisti cercano di riportare in vita il Furher! Tengono il corpo ibernato in un bunker segretissimo. Lo sappiamo per certo. Questa macchina fotografica è l’occasione che aspettano da una vita. Non si faranno scrupoli e non se ne sono mai fatti come hai potuto constatare questa sera. >>


Rumore di sedia, passi nella stanza. Silenzio.



Dal rapporto di Johnny Spirito, agente dei servizi segreti italiani, venerdì 18 dicembre ore 03:50


Siamo stati scoperti. Ho trovato delle cimici nella stanza. Stiamo partendo subito per Ravenna. Assumo io l’iniziativa. Non abbiamo altre alternative, dobbiamo muoverci il più in fretta possibile. Qui non siamo al sicuro. Manderò nuovo rapporto ad obiettivo raggiunto.



Dal TG1, venerdì 18 dicembre ore 20:17


…ed è arrivata oggi in Italia la salma di Vanessa Cecchetto, la ragazza di diciott’anni rimasta uccisa ieri sera a Vienna in un agguato in pieno centro storico. Ancora sconosciute le cause della strage, è probabile che si tratti di un regolamento di conti fra bande della zona, l’altra vittima è stata identificata in Kurt McGuire, un uomo di sessant’anni originario del Connecticut molto conosciuto nell’ambiente del collezionismo e del contrabbando di oggetti sacri. I funerali della giovane ragazza verranno celebrati domani mattina nella chiesa di Santa Maria dei Miracoli a Roma.



Quartier generale del Quarto Reich, venerdì 18 dicembre ore 8:50


“Hans Schreiber a rapporto, ripeto, Hans Schreiber a rapporto…”


“Parla Hans, ti sentiamo forte e chiaro.”


“Sto seguendo l’Alfa Spider nera targata FC-208-TY, sono partiti questa notte in fretta e furia, non hanno fatto neanche una sosta, è probabile che siano diretti a Ravenna, ci sentiamo al prossimo aggiornamento, passo e chiudo”.



Dal TG3 ragione Emilia-Romagna, sabato 19 dicembre ore 14:12


Ma adesso sentiamo l’intervista che la nostra inviata ha realizzato per noi ad uno dei testimoni chiave della faccenda:


“Si, siamo in compagnia di Andrea che ha assistito alla scena. Cos’è successo in quei momenti, ricordi?”


“Ho visto la ragazza che si avvicinava al mosaico e ha scattato una foto con una strana macchina fotografica e…”


“Era sola la ragazza o in compagnia di qualcuno?”


“No, era insieme ad una persona vestita completamente di nero con degli occhiali scuri”


“La ragazza come t’è sembrata, tranquilla?”


“No, si vedeva che era agitata…le tremavano le mani…”


“Perché secondo te chi ha sparato voleva uccidere queste due persone?”


“Non lo so, so solo che s’è scatenato il putiferio subito dopo che la ragazza ha scattato la foto”


“Raccontaci come sono avvenuti i fatti”


“Un uomo con la testa rasata ha cominciato a sparare in mezzo alla folla, credo che abbia ferito l’uomo vestito di scuro, la ragazza s’è data alla fuga. Poi l’ho visto avvicinarsi e prendere la foto da terra, in quel momento l’uomo vestito di scuro che era ancora a terra ha sparato, evidentemente doveva essere armato e l’ha ucciso. Ha preso la foto da terra ed è corso via.”


“Ecco, ricordiamo che la vittima si chiama Hans Schreiber ed era un terrorista molto ricercato in Germania, la ragazza corrisponde alla descrizione di Chiara Rotella, scomparsa da Roma tre giorni fa. Per quanto riguarda l’altro uomo si sono perse le tracce. A voi la linea.”



Dal rapporto di Johnny Spirito, agente dei servizi segreti italiani, domenica 20 dicembre ore 22:50


Sono ferito. Richiedo aiuto, ho tentato di automedicarmi ma non riesco a chiudere bene la ferita con i punti, credo d’avere una pallottola infilata in un gluteo, deve essersi fermata in un osso del bacino. Ho con me la foto uscita dalla macchina fotografica ma non ho più la polaroid né la ragazza. A proposito, la ragazza è riuscita in parte a leggere il messaggio contenuto nella foto. Ha letto la parte anteriore ma non quella posteriore del messaggio. Sono molto preoccupato, potrebbe tentare di usare l’ultima pellicola rimasta per...per…o spero che non lo faccia. Vi trasmetto qui di seguito il messaggio contenuto nella parte anteriore della foto:


“HI, I’M ERIC LECLERC, THE INVENTOR OF THIS EXTRAORDINARY CAMERA. IS EXTREMELY IMPORTANT THAT YOU HAVE READ MY BOOK BEFORE THE PROCESS OF REINCARNATION. IF YOU ARE HERE MEANS THAT YOUR FINGER REACTS WITH CHEMICAL COMPOSITION OF BOTTON CAMERA. WELL, NOW MOVE YOURSELF IN FRONT OF A MIRROR AND CLICK A PHOTO WITH MY CAMERA WHEN YOU TAKING IN YOUR LEFT HAND A PERSON IMAGE OR ANIMAL PICTURE THAT YOU WANT TO BECOME.”


Messaggio contenuto nella parte posteriore:


“ATTENTION TO SELECT THE PHOTO TO TRANSLATION. THE PROCESS IS VERY SIMPLE. REMEMBER, ONLY THE SPIRIT IS TRANSLATED. THE BODIES WILL REMAIN IN THEIR COMPOSITION AND IN THE PLACE WHERE ARE ACTUALLY. IF YOU WANT REINCARNATE YOURSELF IN DEAD PEOPLE IS INDISPENSABLE THAT IT IS IN A GOOD STATE OF PRESERVATION. YOU’VE BEEN WARNED. GOOD LUCK. ERIC LECLERC”



Dal TG1, venerdì 25 dicembre ore 20:10


E’ finita la vicenda della diciassettenne romana Chiara Rotella scomparsa da casa nove giorni fa, dopo l’avvistamento del 19 dicembre scorso nei pressi di Ravenna, il corpo senza vita è stato ritrovato in un vicolo di San Bartolo, un paese in provincia di Ravenna, dove la ragazza è arrivata presumibilmente a piedi. Secondo il medico legale il decesso risale a questa mattina, la vittima stringeva nella mano sinistra la foto della sua migliore amica Vanessa Cecchetto, anch’essa scomparsa prematuramente in un agguato avvenuto a Vienna il 17 dicembre scorso. I genitori informati del ritrovamento si sono recati prontamente sul posto per dare l’ultimo saluto alla loro unica figlia.



Da una confessione mai resa pubblica, Chiesa di San Carlo al Corso in Roma, venerdì 25 dicembre ore 10:30


“Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo…”


“Padre ho peccato…”


“Dimmi figliolo, in cosa hai offeso Nostro Signore…”


“Ho sentito delle voci stanotte…”


“Delle voci?”


“Si, padre. Io faccio il custode di un cimitero qui vicino. Era notte fonda e…ehm…non ce la faccio…”


“Continua figliolo, continua…”


“Vede padre, io sono un uomo molto solo, non ho mai avuto una donna in vita mia, ecco…non so se mi capisce…”


“Dove vuoi arrivare?”


“Padre…mi tocco davanti alle tombe e alle foto delle ragazze…ce ne sono di così belle, ti guardano e sorridono…ma questa notte è accaduto qualcosa di terribile…”


“…continua.”


“Ero davanti alla lapide di una ragazza morta da poco…la osservavo nella foto, sentivo già il piacere montare dentro di me quando all’improvviso ho sentito la ragazza che ha iniziato ad urlare: Aiuto! Aiuto! Salvatemi!
Padre, sono corso via, non mi era mai capitato una cosa del genere…è…è opera del demonio, vero?! Non volevo violentarla, lo giuro, non volevo farle del male! Prometto che se mi assolve non lo rifarò mai più, lo prometto!”


“…oh, Signore…oh, Signore…dammi la forza…concedi il perdono per questi peccati…”


“Padre…la prego, mi assolva…!”


“Ego te absolvo a peccatis tuis in nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen.”


“Grazie, padre…”


“Non farne parola con nessuno di quanto accaduto. Vai in pace.”




Share |


Racconto scritto il 01/02/2016 - 23:38
Da Seby Flavio Gulisano
Letta n.403 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Grazie Nadia!

Seby Flavio Gulisano 04/02/2016 - 15:40

--------------------------------------

Bel racconto, mi è piaciuto. Devo dire che l'ho commentato in ritardo per avere il tempo di leggere insieme la prima e seconda parte. Se si leggono insieme si capisce, altrimenti, no, perché si dimentica la prima parte che è evidente sia il finale. Penso che ampliato potrebbe diventare un romanzo o un film
Complimenti
Nadia
5*

Nadia Sonzini 04/02/2016 - 15:29

--------------------------------------

Grazie Gennarino, sei sempre molto buono e gentile nei commenti. A rileggersi!

Seby Flavio Gulisano 03/02/2016 - 09:36

--------------------------------------

Certo che il finale è all'inizio, l'importante è come ci si arriva e cme i personaggi entrino ed escano dala scena...

Glauco Ballantini 03/02/2016 - 08:43

--------------------------------------

Eccomi in convalescenza a leggere questo bel racconto che a me affascina parecchio anche per un motivo: mai avrei una fantasia tale da riuscire soltanto a pensarla una storia così...confesso che avevo intuito, anche se vagamente, che la parte iniziale staccata dal proseguio della prima parte, rappresentava una sorta i finale. Che poi fosse un racconto horror ormai lo immaginavo dopo che in un tuo commento avevi specificato di amare alcuni scrittori quali Poe se non ricordo male e altri, forse Bloch o Stoker. Confermo il commento di salvo in tutto... anche secondo me i tuoi racconti ben si prestano a sceneggiature di film, e poi sono scritti davvero bene, fa piacere notare come sia stia formando un gruppo di scrittori davvero invidiabile( per gli altri siti)... io mi auguro un allargamento e una coesione fra di noi che permetta una crescita nostra e di oggiscrivo...olè...*****

Gennarino Ammore 03/02/2016 - 08:34

--------------------------------------

Ciao Gabriella, grazie per i complimenti. Tengo a precisare, a scanso di equivoci, che il racconto è un horror e pertando ha una conclusione tragica. I vari puzzle vanno messi insieme e il primo che il lettore legge è in realtà la fine. A presto!

Seby Flavio Gulisano 02/02/2016 - 18:40

--------------------------------------

Sei bravissimo caro collega, riesci a creare atmosfere da brivido con grande maestria. Ho letto con piacere la prima parte avvincente e ben costruita, aspetto il seguito....ciao, a presto!!

Gabriella De Gennaro 02/02/2016 - 17:45

--------------------------------------

Grazie Paolo, anche per le delucidazioni storiche che ci hai dato.

Seby Flavio Gulisano 02/02/2016 - 17:26

--------------------------------------

Interessante racconto, molto ben scritto e che cattura l'attenzione del lettore fin dalle prime battute. Sono affascinato in negativo ad un vero o presunto quarto Reich e alla possibilità di resuscitare Hitler. Già nella seconda guerra mondiale la Germania indagava nell'occulto per affermare il proprio dominio sul mondo, con un arma di distruzione di massa. Fortunatamente gli Americani arrivarono prima alla bomba atomica. Ma pare che in qualche misura la storia continua...
Complimenti vivissimi

Paolo Ciraolo 02/02/2016 - 15:42

--------------------------------------

Grazie Salvo e Glauco. Se cercate il finale si trova proprio all'inizio della prima parte. Purtroppo il racconto l'ho dovuto pubblicare in due spezzoni e, se non letto tutto di seguito, può far perdere il filo logico degli eventi. A presto!

Seby Flavio Gulisano 02/02/2016 - 10:12

--------------------------------------

Montaggio sempre più serrato, entrano personaggi nuovi. Notevoli aspettative per il finale...

Glauco Ballantini 02/02/2016 - 09:54

--------------------------------------

Ciao,
letto anche questo.Scritto con maestria, pur nella non facile architettura il racconto si sviluppa in maniera da offrire al lettore un quadro chiaro degli eventi, con l'aggiunta di personaggi diversamente connotati che bene giocano la propria parte. Forse l'ho già detto: sono scenografie cinematografiche ben costruite. Resto in attesa con curiosità.Saluti affettuosi.

salvo bonafè 02/02/2016 - 07:57

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?