Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Raul...
Ai posteri...
...ma le gambe ?...
Come quando piove...
AD ALDO MINIUSSI (+2...
Per la felicità?...
Confini e certezze...
A te. A me....
Cocci... d'Eternità....
Paralisi....
UN CORIANDOLO DI CAR...
LO SFRATTO...
Addio Divano...
Un solo pedone...
GLI OCCHI DEL F...
A piedi nudi...
A piedi nudi...
Un Sole stanco, un C...
AMICA PER SEMPRE...
Volare nel cielo del...
POMERIGGIO A VILLA B...
E' amore...
FINALMENTE DONNA...
VIBRANO I RICORDI...
Il cerchio della vit...
SFUMATURE...
Amici miei...
Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Tempo al tempo...
L'amore vince...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Auguri Senatore Razzi.

Erano le 02:04 di notte quando con gli occhi rossi e pesanti ero disteso sul divano. La tv era accesa e preso da un istinto maledetto di saltare da un canale all'altro decisi di fermare su LA7, discutevano delle unioni civili due sconosciuti che rappresentavano le parti opposte, il pro elencava dati statistici, a detta sua, che affermavano il 6% di "felicità" in più rispetto ai figli nati da rapporti etero, naturalmente il rappresentante dei "no" era contario ma ciò che mi colpì fu l'accanimento del pro rispetto al pacato contrario, quasi mi sembrò strafatto di coca. Poco dopo la presentatrice presentò ironicamente il complenno del Senatore Antonio Razzi. Cazzo.
"Unioni civili? Meglio due mamme che due papà." Affermazione posta come titolo del servizio del sesantottesimo compleanno della terza commissione permanente (Affari esteri, emigrazione) e membro della Commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza ex commissione cultura. Era lì, contento che soffiava le candeline abbracciato a trans e gay, nulla contro di loro però hanno perso un pò di dignità. Alla domanda dell'intervistatrice cosa fossero le step child adoption, iniziò a blaterare dicendo cose come:"Mah. Io penso che se un bambino deve cresciere e vedere due persone dello stesso sesso...è meglio che vede due femmine, capisce la figura della mamma ma se vede due due maschi si domanda dov'è la mamma?". Che gran Senatore che si paga. Una Senatore che per Berlusconi farebbe qualunque cosa, anche buttarsi sotto un treno, pronto anche a votare Totò Riina se glielo avesse chiesto, tanto per citarvi le sue parole.
Lui, uomo d'un pezzo molto prima delle sue parole denunciò pubblicamente una compravendita di voti *Si, sto citando wikipedia*, gli fu proposto governo, rielezione, pagamento del mutuo e lui denuncia, ha le palle! Poco dopo all'avvicinarsi della votazione alla mozione di sfiducia fece il voltagabbana e votò contro, cioé a favore del Premier. Poi si venne a sapere che si salvò per pochi voti ed il Senatore per un milione ha salvato Berlusconi altrimenti per colpa di dieci giorni non avrebbe preso la pensione. Senso di nausea ecco cosa provai. Potrei continuarti a parlare di lui ma non lo voglio più fare, il senso di disgusto mi è rimasto in gola. Io non sono un cazzo di nessuno, lo so, ma non posso credere che i motivi di rivoluzione come questi ci prendino i soldi dai conti in banca, le tasche, i portafogli e anche sotto la mattonella da sotto il naso. Non posso crederci.
Io potrei continuare ma se realmente vuoi vai su internet ed informati, cazzo fallo e indignati poi fallo leggere, ma non questo scritto, le informazioni, le verità che ora conosci, Razzi è solo una sorta di capro espiatore per far scattare una scintilla nel tuo fegato che ti faccia rigurgitare odio nei confronti della schiavitù mentale a cui siamo educati.
"Quando la tirannia è legge la rivoluzione è un ordine" solo per citare Residente dei Calle 13.



Share |


Racconto scritto il 24/02/2016 - 03:04
Da Patrick Zanto
Letta n.87 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?