Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
Autunno...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
NIPOTI...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Mi hai detto... ( Po...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...
rimembranze...
PASSEGGIATA SOLITARI...
volo d'autunno...
Infinita voglia di v...
Seppe poi sola andar...
Una richiesta vana...
Pensieri invadenti...
L'Astronomia del Fut...
Potrei darti...
Quel vino rosso ross...
Possa la preghiera s...
Le cose fatte con pa...
Mia nonna diceva che...
Bluff...
Mentre guardo la Lun...
L'UOMO COL CANNOCCHI...
Possedere le chiavi ...
SIAMO PICCOLE D...
Freddo apparente...
La prima volta...
Un ossimoro è la met...
E tu, vigliacca ment...
Salvarsi...
Foglie aperte...
FAMMI RICORDARE...
Ho visto avide bocch...
RICORDARE E' VIVERE...
Riflesso d\'Argento...
In Questo Confuso An...
Il MIO NOME È LiBERT...
Canzone per un'amica...
Tutti siamo stati ba...
La stagione dell'amo...
Canto del vento sull...
Mio Padre...
Senza tempo...
Il silenzio della ne...
Un altro whiskey...
NE UCCIDE PIU LA LIN...
La montagna...
SERA D'OTTOBRE...
Roma...
Il nonno...
Can'e gatto...
Tutto passa...
Game over...
Scrittura come cura...
DOLCI CAREZZE...
Occhi...
LEGGEREZZA...
TRA LUCE // E // OS...
Forse i codici della...
Il richiamo del vent...
Le sirene di Ulisse...
Quel giorno...
CARO PAPÀ E CARA MAM...
Dieci minuti al gior...
La Coccinella sfortu...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Piccolo saggio.. sullo stato dell\\\'arte

Quando penso alla definizione generica dell’arte (attività umana volta a creare opere a cui si riconosce un valore estetico, per mezzo di forme, colori, parole o suoni) e m'interrogo su quale sia la mia migliore forma espressiva, mi ritrovo, sempre più spesso, a ripercorrere le tracce lasciate dai dai sogni… e dalle passioni che li muovevano.


E se l’arte si muove sui sogni e le passioni, è tutto più chiaro. Significa che vivere è arte, ma non si vive… per l’arte, bensì per la vita stessa.
E' l’arte di vivere... che si fonde con i colori, e conduce al valore estetico, segno distintivo della cosidetta arte.


Ma quali sono le passioni che muovono i sogni?


Potrebbero essere, semplicemente, le cose che fanno stare bene, anche se magari condizionate dall’egoismo innato dell'uomo... purché non disdegnino la condivisione, nella misura permessa dalle circostanze.


Non posso ignorare, nel mio caso, l’attrazione delle radici… così profondamente ancorate alla terra, e a quel senso di libertà che riesco a percepire solo quando sono immerso nell’ambiente naturale.


Tutto assume un senso, per me, scavando una buca nel terreno roccioso, quando la schiena e le braccia fanno male, per spostare un masso sul bordo scosceso… creando quel piccolo terrazzamento sufficiente per ospitare una nuova pianta… con la quale stringere un patto di alleanza, per il futuro e la comune speranza.


E quando faccio il mio lavoro, quello per il quale mi pagano, secondo le regole della società, cerco di dirottarne una parte, che non sia necessaria al sostentamento della mia famiglia, verso le passioni… che non saranno mai un investimento redditizio, dal punto di vista economico, ma che non hanno prezzo rispetto alla mia percezione dell’arte.


Dedicherò molto tempo quindi a bonificare il pendio della collina…


Non dico che non sia bello contemplare, ad esempio, un bel dipinto, ma questo può valere per il tempo di un’emozione… che agisce in una sola direzione e non permette di interagire con esso.
La contemplazione dell’arte è certamente utile, rigenerante, ma deve suggerire necessariamente una riflessione e ancor più… uno stimolo per la propria espressività.


Costruirò la mia arte, quindi, sulla tela mutevole della terra, cercando di vivere i colori, i suoni e le parole che mi suggeriranno quei luoghi. Penso sia un grande privilegio quello di poter vivere dentro un grande quadro, e interagire con i suoi elementi in maniera equilibrata e complementare.


Cercherò d’approfondire questi concetti con altre riflessioni, magari sul concetto di "valore estetico", ma per ora mi limito a questo... augurandovi una splendida giornata e un buon pranzo... oltre la buona prosecuzione del vostro stato dell’arte.




Share |


Racconto scritto il 10/09/2016 - 12:06
Da Francesco Gentile
Letta n.232 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Condivido la tua riflessione, l'arte naturale delle cose è nella bellezza della terra, nel continuo mutamento dei colori e dei sapori ci regala emozioni uniche...e unisce il piccolo al grande cosmo che infondo siamo noi!
La vera ricchezza dell'anima!
Buona domenica Francesco

margherita pisano 11/09/2016 - 12:37

--------------------------------------

Buongiorno e buona Domenica, care amiche e cari amici. Grazie a te Rocco e a Luciano. Cara Anna... spero un giorno di potermi cimentare anche con i pennelli, magari da una postazione privilegiata del mio giardino... Intanto grazie per il graditissimo commento..

Francesco Gentile 11/09/2016 - 07:52

--------------------------------------

Infatti il giardinaggio è un'arte, e antica e nobile. Si tratta delle correzione della "natura naturale" per dire, che è aspra, non che non sia bella in sè, ma l'umano tende a modificarla, affinchè sia vivibile e più dolce ai suoi occhi. Complimenti per l'ottima riflessione. Un saluto

Luciano B. 11/09/2016 - 02:00

--------------------------------------

Caro Francesco, appena ho letto il titolo mi ero preparata ad un certo concetto tutto basato su un mio personale pensiero, io che adoro il periodo rinascimentale dove l'arte si respirava anche nell'aria... poi mi sono catapultata nella tua arte lavorativa dove certamente la visione di un lavoro finito ti ripaga la fatica e devo confessarti che nel mio piccolo sia quando termino un dipinto o riesco a sistemare una parte del giardino come dico io... ne ammiro entusiasta la riuscita. Complimenti per questo saggio sull'Arte *****

ANNA BAGLIONI 10/09/2016 - 18:05

--------------------------------------

Una lezione professionalmente ricca di concetti che in tanti son estranei.
Il mio saluto amico Francesco.
*****

Rocco Michele LETTINI 10/09/2016 - 15:34

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?