Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
NOCTUA PRONUBA...
Barcollo...
Una tiepida scia di ...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
S.Francesco....
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L' Amore e la Paura

“Sono mesi che giriamo senza sosta in questa tetra caverna”, disse la Paura all’Amore con tono lamentoso.
“Io direi di lasciar perdere!”, soggiunse ancora sempre più stizzito.
L’Amore imperterrito, procedeva in testa, tenendo con la mano sinistra una lanterna in cui era racchiusa la luce della Speranza che in qualche modo illuminava il posto tenebroso in cui si trovavano.
Allo stesso tempo con la mano destra, tastava le pareti di pietra ruvida come alla ricerca di qualcosa.
“Sei pregato di smetterla e lasciami fare il mio lavoro!”, sospirò l’Amore.
“E tu lasciami fare il mio!”, esclamò la Paura.
Cominciò un furioso battibecco poiché entrambi avevano idee opposte ed erano per giunta costretti a procedere insieme.
L’Amore era fortemente convinto di trovare prima o poi il tasto che avrebbe rischiarato il Cuore Nero.



Alessandro se ne stava affacciato al balcone ad osservare il mare e con i pensieri rivolti a lei, soltanto a lei.
Da cinque mesi usciva con Lavinia, una ragazza bellissima, dolcissima e piena di vita che aveva conosciuto all’università.
Non si erano ancora dati il primo bacio, nonostante le molteplici occasioni.
Erano perfetti insieme ma qualcosa li ostacolava affinché la loro amicizia si tramutasse in amore.
Il ragazzo, seppur molto attratto dalla ragazza, non voleva esporsi in quanto temeva il rischio di una nuova delusione.
Un anno prima, dopo essere stato tradito e lasciato da Veronica, la sua ex, decise che non si sarebbe mai più innamorato. La delusione fu talmente cocente che si era chiuso in sé stesso pur mantenendo la sua indole delicata e sensibile.
“Sto rischiando di perderla!”, pensò il ragazzo tra sé e sé con aria triste.
“Ho paura di soffrire!”, pensò ancora e non sapeva come spezzare quel sortilegio che si era creato da solo.
Ad un tratto gli arrivò un messaggio su WhatsApp. Era Lavinia.
“Cucciolo, penso sempre a quel giorno in cui ti ho incontrato per la prima volta all’università e da quel momento la mia vita è cambiata. Immagino che la stessa cosa sia accaduta anche te ma attualmente i tuoi sentimenti sono paralizzati. Hai voglia di abbracciare ma non puoi, hai voglia di amare ma non puoi, vorresti lasciarti andare ma non vuoi. Sono mesi che le lacrime bagnano il mio cuscino, un cuscino che stringo ogni notte. Fai male a me e fai male a te stesso. Ti ricordi l’altro giorno nel cortile dell’università quando ti presi la mano e te l’appoggiai sul mio petto? Ti ricordi di quanto il mio cuore batteva forte? Ti dissi per scherzo che era per via dell’esame di architettura. Non dirmi che ci avevi creduto?”



“L’ho trovato, evviva!”, esultò l’Amore e premette il tanto cercato pulsante.
All’improvviso una luce fortissima ed accecante sostituì il buio, ci fu un fortissimo terremoto e le pareti di roccia si sgretolarono.
La caverna divenne un bellissimo e paradisiaco giardino colorato, dove albergava pace, armonia e felicità con un Cuore al centro di un rosso particolarmente acceso che pulsava di una intensa vitalità.
“Bravo, alla fine ce l’hai fatta! In fondo cos’è la Vita senza Amore?”, ammise la Paura per poi cominciare a dissolversi gradualmente ed infine sparire in una coltre di fumo.
Dalla lanterna uscì la Speranza che insieme all’Amore si avviarono felici verso il Cuore e vi penetrarono dentro.



Alessandro cominciò a sentire il cuore battere all’impazzata. Si sentì come rinascere.
“Piccola, tra poco sarò a Villa Carso in una delle panchine dove tante volte abbiamo ripassato il materiale universitario. Incontriamoci ma stavolta senza libri!”, le scrisse di gran lena per poi ricevere successivamente sul suo display una miriade di emoticon di baci.
Entrambi, neanche a farlo apposta si presentarono all’appuntamento proprio nello stesso preciso istante.
Alessandro regalò a Lavinia un sorriso particolarmente radioso che venne ricambiato e si abbracciarono amorevolmente.
“Dopo quel tuo messaggio, ho capito che dentro il mio cuore vivi soltanto tu! Ora finalmente possiamo vivere la nostra favola!” esordì il ragazzo con la voce rotta dall’emozione.
“Sapessi quanto ho atteso questo momento! Ti giuro sul mio amore che non ti farò mai del male e ti prego di non avere mai paura!”, gli disse Lavinia al suo amato con due lacrime che gli fu proprio impossibile trattenere.
Si baciarono dolcemente, dapprima lentamente, poi con sempre maggiore passione e nel frattempo uno splendido tramonto faceva da cornice al loro amore.




Share |


Racconto scritto il 30/01/2017 - 23:56
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.316 volte.
Voto:
su 6 votanti


Commenti


Grazie Patrizia, ogni tanto gli errorini possono capitare
Sono contento che il racconto ti sia piaciuto. "L'Amore e la Paura" ha qualche elemento autobiografico.
Il romance essendo uno dei miei generi preferiti (curioso che sia proprio un maschio a scrivere queste cose, vero?) è già il mio secondo racconto che sfrutta questo genere e in futuro conto di poterne scrivere altri, tra cui l'ambizioso "La Rosa". Grazie ancora e buona giornata!!!

Giuseppe Scilipoti 10/02/2017 - 11:32

--------------------------------------

Simpatico questo interagire tra realtà e fantasia! L'amore vince sempre e comunque! Mai disperare, come hai fatto capire tu! Qualche piccolo errore di grammatica, ad esempio i pronomi gli o le. Ciao

Patrizia Bortolini 07/02/2017 - 20:13

--------------------------------------

Grazie a tutti per i commenti. Siete come sempre molto squisiti. Black Shadow mai dire mai nella vita. Il pulsante c è ma pensi che non esiste finché...Non viene trovato. Ricordati quello che ti ho sempre scritto nei tuoi componimenti tra cui questo: Non ti dannare prima o poi l'amore ci sarà anche per te. Ogni cosa a suo tempo. Buonanotte a te e a tutti.

Giuseppe Scilipoti 04/02/2017 - 01:27

--------------------------------------

bellissima utopia, fa sperare anche uno come me, nel quale l'Amore cerca insistentemente un pulsante che non esiste.
Complimenti, bellissimo racconto, come sempre del resto

black shadow 03/02/2017 - 20:11

--------------------------------------

Racconto dolcissimo. Una vera favola, con l'amore che trionfa sulla paura. Molto bello, mi è piaciuto tanto!!!! 5* più che meritate!!!

Marirosa Tomaselli 02/02/2017 - 15:13

--------------------------------------

Leggo sempre i tuoi racconti ben esposti e vari.Tutto bene,ma.....fai attenzione all'uso della particella pronominale ce.

Teresa Peluso 31/01/2017 - 11:29

--------------------------------------

Un racconto molto bello che si legge con piacere. L'amore vince sulla paura.

Giulia Bellucci 31/01/2017 - 10:13

--------------------------------------

La paura d'amare ancora e un click,
per esorcizzarla.
Molto bello e particolarmente piaciuto.
Ciao Giuseppe.

Loris Marcato 31/01/2017 - 09:02

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?