Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...
Riflessioni...
Sadness....
Mostro implacabile...
L'armonia delle brac...
La magia delle mani...
IL PARADISO...
Echi lontani...
vortice...
Solo....
Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Scorie di vita

E' un giorno di settembre dove l'aria è terza, poco il vento e il mare calmo.
Dall'ombrellone, sopra il lettino giallo, vedo il profilo intero dell'isola Capraia. Si distinguono quasi quasi gli alberi e tra l'isola e noi una bella barca a vela staziona a largo, quasi in bonaccia. Più a sinistra il promontorio , forse di Populonia , da quale si distende una lingua di terraferma che si spinge nel mare, che mi sembra quella di Piombino. Le file degli ombrelloni di colore giallo sporco e blu interrompono l'orizzonte con le loro tendine svolazzanti. Ogni tanto tra il fusto di un ombrellone e l'altro si vede passare un bagnante, più donne che uomini. Dietro di noi sulla spiaggia libera, due bimbi giocano a pallone e si sentono solo le loro voci.
Al di là della strada una filata di pini silvestri lunghi e storti stanno per cadere: persa per sempre la battaglia con le forti libecciate .O forse è solo un'impressione e quella resterà la loro eterna condizione di combattenti marini..
Ci alziamo per andare nell'acqua. Sarà fredda di certo, mentre vado guardo l'unico ombrellone aperto, piantato sulla battigia : è rosso. Poi, dopo il bagno un bel piatto di spaghetti con le cozze sgusciate ,il pecorino di Pienza e il pepe nero. Vai!
Nuoto prima un pochino a rana. Poi, a dorso ,tornando a riva intravedo a raso d'acqua la Capraia per intero e dietro “il dito” della Corsica, azzurrognola, violacea. Un gommone a filo d'onda sfreccia via. Sparisce poi dalla mia vista.
Tornati in spiaggia, sul lettino, Silvia mi dice di essere stata morsa da un “pesce.”
Un ragazzetto che corre si ferma e ci domanda: “Avete mi' a visto passà un bimbo con un costume rosso?” -” NO!,”rispondo- e lui-”Madonna m'ha fregato!”



Share |


Racconto scritto il 26/02/2017 - 17:33
Da paolo fidanzi
Letta n.224 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?