Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

VUOTO...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...
tempo...
Rosso...
DOPO UN ANNO...
I colori della vita,...
La ginestra...
FEBBRAIO OGGI E’ DI ...
La rinascitadel dest...
Tutto...
Grigia mattina...
PADRE MADRE...
Con o senza di me...
Il Calice Rosso...
La luna e il mare...
Ognuno ha diritto ad...
Il giardino di famig...
...vedi tesoro mio, ...
La madre di tutti...
AMORE AMORE... AMORE...
Tre Hayku per Sun La...
Il disegno di coppia...
Lei era vento!...
Par di vederti...
Intorno ai girasoli...
Aurelia...
In flessuosa danza...
Judo...
In quei giorni...
Notte d'estate...
Emozione pura...
Momenti...
A ricordo di un amic...
SILENZIO TOMBALE...
Piu del cielo Più d...
destino...
Il mio primo passo d...
C'è un limite...
Baldanza....
La bella rosa...
UNA NUOVA STORIA...
la domenica...
TU...
Tra vermiglio cammin...
PURA PASSIONE...
Il mago di Froc...
Rosa in russo...
Abissi...
DISASTRI 20\\ 04\...
Regalami un sorruso...
Chissà pirchì...
L'Arte ci permette,d...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

L'ultimo richiamo

Insofferenza,qualche goccia di caffè bollente mi attraversa la gola e d'improvviso ribolle in me quel magma che s'era detto esser divenuto lava e invece brucia
brucia ancora.
Sentirsi figli del mondo,pensai , comporta l'assenso nel trovarsi ad avere una madre un po'distratta verso i suoi figli,che mai s'azzarda a chiamar " propri".
E'Sera.
Tu,terra mia
terra di madri,terra di padri
terra di uomini senza una patria
terra di morti viventi
e di vivi,dormienti.
Dove sei
ora che ti cerco
il mio spirito ti brama
e tu
sfuggente
accresci in me la solitudine
ed io ti vedo vivere nei fiori che timidamente,sbocciano
ti vedo morire nelle foglie che cadono
nell'ultimo sole che trafigge,spavaldo,le mie carni
nell'urlo del cielo che si fa onnipotente
e poi la calma
e sboccia un fiore.
Terra mia,ti chiamo tale
e tu
Tu perdonami se davanti a te
io mi disgrego piano,lentamente
e io ti perdono da quando
di queste mie ceneri ne hai fatto il tuo nutrimento.
e m'inchino,docile
alle tue carni
piano mi lascio andare
e toccando il suolo io mi sento..
vivo.



Share |


Racconto scritto il 16/05/2017 - 15:19
Da Ludovica Gabbiani
Letta n.309 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Ma che bella Ludovica, veramente notevole.Notte

Anna Rossi 17/05/2017 - 01:05

--------------------------------------

molto bella, anche io inneggio la mia terra di cui sono stato lontano oltre trenta anni, meravigliosa 5*

GIANCARLO "LUPO" POETA DELL 16/05/2017 - 17:48

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?