Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

E poi tu...
Condannata...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
E' Tempo...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Troppe-P-3

Palleggiando con una palla da "pelota" nei pressi di un parcheggio partenopeo tra paracarri di
pietra e passaggi pedonali in prossimità della
prefettura, mi si presentò una peripatetica
pakistana che praticava la professione in
un povero postribolo di Posillipo pieno
di pidocchi e pappataci perniciosi, prospettandomi
un piacevole passatempo.
Declinai la proposta improponibile e,
attraversando un prato di papaveri in prossimità
del porto, incontrai un prozio di Pablo Picasso
con un cappotto di pelo di panda a pois che
pescava peoci e polipi con una canna da pesca
in puro palissandro della Patagonia e, per questo
puzzava come un procione di Provenza affetto
da prostatite progressiva!
Probabilmente era un periodo poco propizio
così mi presi un periodo di pausa dedicandomi
ai piaceri del palato andando nella nota
pizzeria"O piscatore" dove mi feci una spanciata
di paccheri alle "poveracce", delle pinne di
pesce palla al pepe e paprica, del palombo al
profumo di prezzemolo e, in ultimo, delle
polpose pesche al Porto con petali di peonia
ripassate in padella. Pagai il conto, un po'
pesante, col Pago bancomat e, per finire
mi piombai a pesce in un morbido letto di
piume di passero di palude poco preoccupato
per la prole!
Prosit



Share |


Racconto scritto il 05/07/2017 - 09:14
Da Ferruccio Frontini
Letta n.92 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


ti do ***** stelle perchè la tua bravura nel comporre così le meritano

GIANCARLO "LUPO" POETA DELL 05/07/2017 - 23:25

--------------------------------------

Prosit anche a te. Una poesia martellante ma molto abilmente costruita con parole che iniziano per p. L'ho apprezzata. Giulio Soro

Giulio Soro 05/07/2017 - 15:59

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?