Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...
Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Pensiero di te rubato a un treno

Non saprei dove iniziare a scrivere. Sono su un treno come da solo, un libro ha deciso di smettere di cullarmi proprio adesso. Il vento si fa strada nello scomparto e fa rumore, il treno ondeggia per la sfortunata linea ceca.
Penso che come mi manchi ora è successo poche volte. Sapere che almeno per ora sei di nuovo mia, non riesco a credere a quello che sento. Mi esplode il cuore, ho un chiodo in gola e non riesco a dare espressione ai miei pensieri. Tutto quello che ho è solo voglia di piangere tra le tue braccia nude mentre sussurri ti amo. E piangendo chiederti di ripeterlo, e ripeterlo, e ripeterlo. Mi spingerò dentro il tuo ventre caldo mentre mi sazierò delle tue labbra e le tue parole di cuore. Non provero alcun dolore come se il mondo intero potesse scivolarci addosso, tu proverai solo desiderio che cresce come l'appagamento, e finisce solo quando io finisco, stremato sul tuo seno timido. Ti stringo piangendo perché tutta mia non basterebbe una vita intera per rifarlo ancora.



Share |


Racconto scritto il 06/08/2017 - 02:37
Da Luca Agosto
Letta n.110 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


sensuale.

Esmeralda Diesse 06/08/2017 - 16:37

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?