Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Quest\'amore...
ARTE INFINITISAMENTI...
comprenderesti quan...
Sconfessare sempre i...
Mirando le stelle....
Ho bisogno di parole...
Chi sei?...
CUORE NOMADE...
SABATO DIVERTENTE...
Primo binario...
Ogni giorno......
Tempo Antico...
DISTANZE (filo…sof...
Il silenzio è la vit...
Riflessi dimenticati...
NON HO MAI SEDOTTO L...
Melodia della malinc...
Più sento e più pens...
Niente e così sia...
Oggi...
Un pezzo di me....
LA BARCA DOPO UNA CE...
La libertà di scrive...
Stella Luminosa...
Il primo incontro...
Sarà neve...
Dille ch'è suo...
Scritture del cielo...
Bacio in Metrò...
Ghirlanda di mani...
La Furba Nana di Bre...
Sul cuore bianco...
Nuvole...
Isola amara...
IL SAPORE PERDUTO...
L' ECLISSI DI ...
FIGLI...
Il Caso di Gianni Is...
La tua pelle II...
Pioggia...
Un prete anarchico...
Gli occhi di una mad...
Sfida all'ultimo ban...
L'ispirazione...
senza aprire gli occ...
L\'intimità di picco...
La camicia rossa...
Corri tu...
Soliloquio d'inverno...
LA CIOCCOLATA...
Inno ad Afrodite...
Haiku 24...
Le mie mani...
L'indefinito...
AMICIZIA 2...
e tu...
Buon trapasso...
Solitudine...
Nuove fioriture...
Solitari casali....
Il privilegio di gua...
Febbraio...
e lei colse un'ultim...
RISVEGLIO...
D'improvviso...
É...
Lucchetti che nascon...
RIFUGIO E' IL VERSO...
S‘è fatta una certa....
Se si è amati si toc...
La pace dei sensi...
Flussi di coscienza...
Tempo al tempo...
L'amore vince...
È nel mai ©...
Neve...
Non leggo Racconti...
Haiku Emozione...
PROVERBI in RIMA e i...
E il treno arrivò...
nelle giornate di pi...
Solca i mari...
SCENA INVERNALE...
Disilluso...
POETI DELL' AMOR...
Quel rio argentato...
ETA' CHE VA...
Il dispiacere è al...
PICCOLO GRANDE BOSS...
Perdere niente...
Lacrime...
Una strana partita a...
Poesia, essenza linf...
Nel mondo c'è molto ...
La luce nei tuoi occ...
Il Papa nero....
A mia figlia...
Notte...
Eccentrico silenzio...
Domenica di pioggia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Perdindirindina

Paonazzo come un papavero della Patagonia, mi proposi di passare la Pasqua col mio pitone Pampurio in un pellegrinaggio patafisico sul monte Palomar, portandomi al seguito una Polaroid, come un paparazzo postfelliniano affetto da un potente protagonismo perfezionistico.
Mi preparai alla partenza con un pranzo piuttosto particolare a base di prosciutto di Praga, profiterol alla provola e prezzemolo, peperoni alla paprica e pangrattato, porchetta al pepe e prugne alla panna di latte di pecora e così, pasciuto come un pappatacio sul pelo di un procione,
presi la mia Panda color pervinca, un passamontagna col ponpon di pelle di paguro, un paio di pinne di plastica, 10 palline da ping pong, un portapipe e, per finire, un piffero in palissandro di una prozia peruviana particolarmente procace e con la propensione alla prolissita'.
Ma, porca padella!, salendo sul pendio inciampai in una pietra piroclastica del pregiurassico e, capitombolando, mi procurai una paurosa escoriazione al polpaccio
che , con il kit di pronto soccorso, tamponai perfettamente riprendendo il percorso prestabilito. Salendo pian pianino incontrai, per caso, un pantegana di palude che si era persa e gli proposi prontamente un selfie da postare su Pinterest e, perché no, anche su un sito porno!
A questo punto la pancia reclamo' e cosi estrassi dal mio portapane, in puro pecari pechinese, un plaid da pic nic e mi preparai un pranzo prelibato!
Paella di Pamplona, peperonata ai profumi di Provenza, pasticcio di pesce palla al pompelmo, popone in salsa di pesca e petali di peonia e infine un pezzo di panpepato di Pienza...tiè!
Profondamente appagato, mi
spaparanzai su un prato di petunie
e mi appisolai sognando procaci ragazze ponpon che si passavano la palla in una palestra della Pennsylvania, osservate da
petulanti peones messicani, emuli di Pecos Bill, particolarmente propensi alla pennichella pomeridiana.
Dopodiché ridiscesi al piano e mi imbattei in una fiera paesana dei pennuti dove, preso da pressanti paturnie comprai un pappagallo del Parana', due pernici di pianura; tre pulcini di poiana; un passero solitario ed infine una gallina padovana, pluripremiata per il suo particolare piumaggio ; il tutto con il sottofondo di un poutpourri di pezzi peruviani suonati con un piffero preincaico da un ex percussionista di Pernambuco con una pancia da primato!
Oh!, perbacco!
Perdindirindina!!



Share |


Racconto scritto il 12/09/2017 - 10:07
Da Ferruccio Frontini
Letta n.158 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?