Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Baciami ancora...
IL TEMPO DEI RICORDI...
Pensieri...
L'istante...
L'uomo e il progress...
Riprendo la strada...
Sorrido...
Eventi...
Maschio …,Maschio???...
la divina arte di mi...
Sete di pace...
Ti porterò con me...
Ispirata dai salmi...
Ardente...
Sbagliare...
TU CHE NE SAI...
Momenti...
Naufragi...
inverno nel cuore...
Tempesta...
Lucida follia...
POMERIGGIO DI PULIZ...
Ritrovarsi...
COME CURVE DI SERPEN...
Per Leonie...
Impegnarsi ad odiare...
Se un giorno viagger...
Nei tuoi pensieri...
Non giudicarmi...
Riceverai mille vite...
AMARE PER POTER...
Il Supercomputer...
sorella lacrima...
A te!...
PREMORTEM di Enio 2...
Chi ti vuol bene no...
La memoria ferro...
COSTRUIRE...
L'album dei ricordi...
Sorbole!...
Numeri....
Sinfonia...
La casa del serpente...
LA FANCIULLA DEL VEZ...
Ritorno alla Bicicle...
TEMA DI SCRITTURA CR...
Dal figlio s’impara...
Venere in versi...
Sottinteso...
Frusciante...
Ermetico...
Naufraghi...
I GIORNI DELL'AMORE...
Ti ho visto piangere...
ISTANTI...
Una carezza della qu...
Autunno - cuore in l...
Afflato di luna...
Non ti lascerò...
Vulnerabile(C)...
addio......
Caffè a tempo indete...
C'est moi....
il canto delle stell...
Senza te...
Sensibilità...
In vino veritas...
NOSTALGICAMENTE AFRI...
PALESTRE di VITA (se...
È nelle questioni ev...
So che mi guardi...
Che ne sarà di noi?...
Se la primavera dell...
Breve racconto di vi...
Alla fine...
SONATA FOLLE AI MIEI...
Pace...
C'E' LA RIPRESA (per...
IL MIO METICCIO...
È lei, una rosa selv...
Chi sono io?...
Lumache...
Oceani...
Cascate d'armonia...
Breccia...
La poesia rotolante...
Divina...
ESCALATION DEL NON E...
Liberati donna...
Plié d'amore...
DOLCE RISVEGLIO...
Foglio bianco...
Credere a volte. E ...
Quello che avevo spe...
Colori d'autunno...
Laggiù...
Colora le stagioni...
EMOZIONI SENSAZIONI...
Nella terra di nessu...
Rinuncia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Il mare verde

Un ricordo in particolare è ancora vivo nella mia mente.
Ero seduto su un prato, era l’imbrunire e vedevo la luna piena pian piano apparire nel cielo sempre più scuro. Il sole stava calando e con lui ogni rumore pareva affievolirsi.
Tirava un vento leggero che dondolava appena le foglie degli alberi e ondulava tutto il prato che davanti a me si estendeva a perdita d’occhio. Era un immenso e scuro mare verde. Deve essere così il regno di pace e silenzio. Un benessere tutto interno che trova espressione nella danza del vento. I miei pensieri furono interrotti da un gruppo lontano di tre cani che correvano, abbaiavano e scodinzolavano guardando il cielo, in un movimento così unitario e armonioso che parevano anch’essi danzare. Come era bello. Molto tempo fa anche io guardavo il cielo. Aspettavo impaziente tutta la giornata per poter tornare a casa e parlare con lui. Il cielo notturno era mio amico. Con tutte quelle luci, la luna, le stelle, i satelliti e i pianeti. Un regno lontano pieno di vita.
Parlavo spesso con lui. Lo interrogavo, ma nonostante cercassi di portare la conversazione sempre sullo stesso argomento, la mia curiosità non trovava mai la risposta che cercava. Qualche volta intuivo qualcosa, un mormorio. Cercavo di pensare ma non riuscivo mai a capire, era come se sentissi soltanto l’eco della parola che aveva pronunciato. L’interrogatorio delle stelle, così lo chiamavo, andava avanti anche fino a notte tarda quando poi mi ritiravo per andare a dormire insoddisfatto e agitato nel profondo. Ormai avevo smesso di parlare alla notte, avevo capito che era inutile e quindi avevo cominciato a fare quelle domande a me stesso. Finalmente avevo capito che lei lassù aveva ragione e io quaggiù avevo torto. Come potevo pensare di fare domande alla notte? Lei esiste solo per regnare quando dormiamo, per illuminarci non per rispondere alle inutili domande di un uomo che ha poche risposte. Come ho detto accettai questa situazione e ancora oggi continuo a farmi domande. Mi chiedo se quei cani che stavano correndo sul prato, abbaiando e scodinzolando con il muso rivolto al cielo, avessero capito qualcosa che io ancora adesso non so.



Share |


Racconto scritto il 15/10/2017 - 17:29
Da Federico Torelli
Letta n.107 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Complimenti per questo breve racconto, molto bello e piaciuto..

Francesco Gentile 16/10/2017 - 10:21

--------------------------------------

E' bello questo racconto, un dialogo con la notte ma ancor di più con te stesso,
le risposte forse nella bellezza del mare verde.
Ciao

Grazia Giuliani 15/10/2017 - 22:37

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?