Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Corruzione nel creat...
Il vuoto...
SIAMO PIRATI...
tic toc...
L'albero della vita...
Non è stata una vera...
La nuova Alba...
Una musa per noi...
Per amore...
Alienazione di un po...
Sciopero a singhiozz...
Notte...
Francesco Papa...
Questa sei te: Sp...
Poesia su Rita Levi ...
Vorrei che il genio ...
MAGIE...
Nel fremito di vita...
Il mondo è fatto di ...
Lo Spettro Del Nostr...
C'ERA UNA VOLTA UN B...
IL SORRISO Il sor...
Un infinito amore...
acqua...
Anche l'inferno ti s...
GOCCE...
Un breve istante, un...
vorrei sparire......
vorrei cadere...
La camicia a quadri...
Voglia di sale...
Sotto il faro spento...
'Na cosetta...
Il giorno non sempre...
Freddo(C)...
L'odore del mare...
L\'anima gemella...
LA VITA E' SOG...
Il puzzle...
Impotenza....
L'età: Il tempo la ...
SCHELETRI di Enio 2...
Il richiamo della ge...
eterno gelo...
Finchè avrà voglia d...
Il suono del vento...
Oltre ai giochi otti...
IL BOSCO...
La terra dei sogni...
S.Francesco....
Il desiderio inconsc...
Lultimo calzolaio...
Mimmo...
Un nuovo martire - G...
Io ti appartengo...
Non ci riesco....
La vita è come il ci...
Un giorno di notte...
lo ha riposto lì...
Consolazione...
Quel venticello...
Gli strani animali d...
Non servono parole...
Insonnia...
Purtroppo non è poss...
OGNUNO IL SUO MESTIE...
Ciò che voglio....
ciò trovo nel vagare...
Lettera ad Alex...
TU LE STAGIONI ...
che importa...
Il Perché...
Lacrima d'amore...
Profilo migliore...
UNA NOTTE FORSE......
IL COLORE DELLE FAVO...
Via vai...
Ho visto anni passar...
Tu sei la primavera...
Ricordi 2...
A volte... non lega...
Angelo della Notte....
Buongiorno...
La forza degli alber...
Non puoi generare su...
L'universo...
Appiglio...
Quell'attimo sublime...
ANIME IN VOLO...
Primavera sulle lame...
Fascino Veneficium...
Fragili promesse...
immigrato...
E poi…....
Fateve 'na risata !...
La frutta...
LA PORTA...
Come un fior di ninf...
Risoluzioni...
Pulcini...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



METTI UN SABATO POMERIGGIO A ROMA

Di ritorno da un appuntamento di lavoro, percorro tranquillamente V.le Palmiro Togliatti, all’incrocio dei pali tra il quartiere Centocelle e il quartiere Quarticciolo (come a dire alle frontiere del Far West metropolitano!!) in un tranquillo sabato pomeriggio alle tranquille ore 15.30....
Giunta all'altezza degli archi dell’antico acquedotto romano, mi trovo la strada sbarrata da un nastro giallo e rosso tipo quello di C.S.I. New York Crime Scene, che chiude l'accesso da un capo all'altro dell'isolato. E mi trovo circondata da 'gazzelle' e 'pantere', consapevolmente partecipe di non trovarmi allo zoo.... e camion dei pompieri con all'interno della cesta dell'elevatore due omìni portati in cima agli archi dell'acquedotto...e ancora pullmini dei pompieri, svariate auto della Municipale....
Sul momento penso a un imminente crollo degli archi quando scorgo un tizio, con la bandana sul volto, intento a raccogliere 'breccole' romaniche sulle mura, da tirare ai due omìni nella cesta che cercano di dissuaderlo da non si sa quale insano gesto....
Un passante di colore mi cammina di fianco e guardando in alto grida 'búttate!!!!' in afro-romanico...e io li' a pensare “Ma guarda che idiota! Quel poveraccio minaccia di buttarsi e lui, ci scherza sopra!”....
A questo punto, parcheggio l'auto dichiaratamente inutile e mi avvicino, sperando nel frattempo di vederlo scendere....la folla (in gran parte di zona) continua a invitarlo al salto:
“A’ bbello, daije búttate che fàmo ‘e costatine p'er gatto...!!”....
”’Nnamo che ‘mi moije deve calà ‘a pasta”....
”Ahó, pija ‘a mira che siffai centro so’ cento punti...!!!”....
“Devo essermi persa qualcosa....” penso. E nel pensarlo, vedo il tipo che continua a scoprirsi la pancia davanti agli omìni, che turbinano in un sali scendi della cesta sotto la costante minaccia di una 'breccolata paleolitica' in fronte!
E lí, proprio sotto le mura, un passante di zona al quale chiedo angelica “Ma cosa rivendica quel pover’uomo, mi perdoni?!” mi dice che il tizio sale e scende da quel rudere da tre giorni e aggiunge "ma che cacchio deve rivendicá! Lo abbiamo visto 'na vorta arivá co' a' sedia a rotelle, s'è arzato e ha gridato 'miracolo!"....e' un fijo de (madre ignota - ndr) che fa combatte li cani e siccome glieli sequestrano, so' tre vorte che fa' 'sta manfrina pe' riavelli !".............
!!!!



Share |


Racconto scritto il 10/01/2018 - 15:20
Da Alessandra E Basta
Letta n.154 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


EHHH BASTA....Se mi trovavo li una spinta gliela davo io....per il semplice fatto che il combattimento dei cani è vietato e dimostra quanto lui sia più malvagio di quelle povere bestie! I soccorsi li paghiamo noi gli uomini e le scale per farlo scendere, ma un uomo che specula sugli animali non ha il diritto di essere salvato. I presenti credo che lo conoscevano bene per esprimersi in quel modo. Succede anche questo a Roma!! 5***** per come è scritto il racconto.

mirella narducci 10/01/2018 - 19:01

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?