Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Tutto era sogno...
L'arte del sorriso...
alzando gli occhi...
Indulgo in tentazion...
Tutto...
Peccato di gola...
La notte...
Viaggio dentro me st...
Tutto scorre......
Io fuggo...
STUPORE...
INGANNEVOLI APPARENZ...
E' estate e sono vec...
Malattia...
Salve, sono Lupo...
Non è da uomini......
Il cielo in una ...
Il nobile Alejandro ...
L'amico del tramonto...
CON TE PER NOI...
QUELLO CHE VORREI DI...
DIARIO DELLA PRI...
Stare tra le tue bra...
ARTE di Enio 2...
Il destino, ordine e...
Di nero vestita...
troppa tecnologia ....
Le foglie smarrite...
Avere in dote un’ind...
Scorie di città....
Listen to you...
Aylan...
Ovunque vi sia un os...
Idolatria d'amore...
LA Piaggia tra le ro...
Sorrisi che illumina...
Non hanno nome i pen...
Il baratro del silen...
Ricomincio da me...
Pensa a me...
Mi manchi tu...
La volpe in vetrina...
Notte di insonnia...
Se hai un pezzettino...
RIVIVERE...
SULLE TRACCE...
ER CANARINO MIO d...
Satira...
Evoluzione...
Senza riposo...
L' attimo...
Coccinella...
Ci sono sempre stato...
Lacrime...
PASTA E CECI...
Nonostante tutto. .....
cento passi omaggio ...
Venere e Luna...
Kalòs e la Cerva...
Sempre che il bar si...
La poesia mi salva...
Era un sogno?...
Dialogo dell\'amor p...
Ad Elisa...
Il segreto della pio...
SEGNALIBRO...
Libertà...
La tua mancanza si s...
Mera poesia 4....
A spasso tra le stel...
Piccola stella...
The Bad Road...
Una favola antica...
Racconti della notte...
Anche se calmo, è ...
...a te...
Il primo amore di Fr...
L’ONESTA’ DE ZIO...
La ricorrenza...
FANGO...
Tu una parte di noi...
Vivi!...
Viaggiare...
La luna e il mare...
L'Esibizionista...
PORTAMI NEI TUOI SOG...
IL NOSTRO ADDIO...
La carezza del sole...
A bordo nel mistero...
Non Sono...
La verità è come il ...
Ribelli del cuore...
Nel prato...
Silenzio...
Bangkok...
Nessun applauso...
Poesia in Re...
E' tutto troppo!...
Temporale d'estate...
TARANTELLA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Appiglio

Forse doveste imparare ad amare la vostra solitudine,
Forse io,
Dovetti restare a pezzi come un puzzle,
Poiché,
Mi fui abituata,
A non cercare più delle risposte alle domande.
Ebbi dimenticato la speranza,
E non completai il quadro coi pezzi mancanti.
Forse tutti dovemmo ammettere di esseri incompleti e soli.
Non sono la vittima,
Né carnefice,
Sono un onda dell'oceano che travolge ed a volte,
Viene travolta.
Il mio conflitto è definibile eterno.
Eterno,
Come la vita,
Come la morte,
Senza il perché,
Senza un come.
Questo mio corpo maledetto,
Segnato nel profondo e preso per dare,
Risultante in una condizione traballante,
Di un solo affitto del sole.
Sono nata da sola,
E morirò da sola.
Nel mezzo di questi due poli opposti e distanti,
Che cosa voglio conquistare?
Ovvero,
Come posso conquistare il mondo,
Quando non so,
Come conquistare,
Me stessa?
Quante volte ho letto i miei pensieri lacerati nell’anima da un tarlo,
Che rode incessantemente.
Quante volte ho rivisto stralci della mia vita tradita,
Con cui ho voluto aprire il varco profondo della storia.
Quella storia,
Magari,
Forse,
Dove gli altri,
Non vogliono guardare,
Magari,
Forse,
Perché loro,
Vogliono costruire una vita decente con le scelte ponderate.
Con le loro certezze avanzano decisi in una realtà preconfezionata.
È ovvio che,
Non li può toccare una storia,
Di chi si accascia dentro sé stesso, 
Rimanendo sospeso in una dimensione ambivalente.
Anch'io costruirò il mio regno,
Sarà pieno di colori,
Come un grande arcobaleno.
Anch'io,
Avanzerò decisa in una realtà,
Ma,
Non nella vostra.
Due realtà,
Due linee parallele sullo stesso piano,
Ma che,
Non si incontreranno mai.
La mia dimensione non è omologa,
Non può esserla,
Poiché alla base della mia profondità,
C'è il dilemma,
Che pochi si pongono.
Essere sé stessi o non esserlo.
Io,
Dotata di un’acutezza olfattiva per le delusioni in agguato,
Di un udito affinato da anni di rumori molesti,
Che pungono addosso come ingiuste percosse.
In questo mondo inadeguato alle mie aspettative,
Dove nessuno osa più fidarsi,
Nel momento in cui si avanza nel fango,
E gli altri vedono una semplice foschia. 
Per questo,
A volte,
Possiamo sospendere ogni nostro intento,
E la vita stessa,
Ci porgerà una mano,
Quella mano,
Quell’appiglio,
Chiamato "La scrittura"


M. P.




Share |


Racconto scritto il 16/04/2018 - 15:42
Da Michaela Patricie Zaludova
Letta n.118 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Grazie

Michaela Patricie Zaludova 19/04/2018 - 07:29

--------------------------------------

Struggente e profonda. Piaciuta, tanto.

Atrebor Atrebor 17/04/2018 - 18:10

--------------------------------------

Molto sentita nel suo acuto seguitar...
*****

Rocco Michele LETTINI 17/04/2018 - 09:55

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?