Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Leggiadre emozioni...
RIME ALLO SPECCHIO...
Adele...
come nasce un fiore...
OTTOBRE INVERNALE ??...
UN DOLORE...
SFUMATURE DI MARY...
Proprio come te...
Il nichilista...
Inutilità...
'Lascia stare la mia...
Mima...
Salvezza...
Più di mille stelle...
Assai infinito...
L'immaginazione cos'...
Ascolta...
Pensieri ancestrali...
Haiku: Ricci...
RICORDI DI UN ALTRA ...
I Grilli duettanti...
Ros Maris - rugiada ...
NUVOLE...
SOLO FUMO...
Verso l'erba d'autun...
Er Bijettaro...
Campanili antichi...
La conoscenza umana ...
Il tempo che passa...
dove nasce il vento...
La mia roccia...
Vampiro errante...
Ferro...
Nella città...
Pensate.....
BACIAMI ANCORA...
GRAZIE MAMMA...
Portami con te...
Rachele...
IL MARE TRA DI NOI...
Sipario sulla notte...
Fame...
A Guido...
A volte capita che n...
UN VIAGGIO CHE NON F...
Accarezzo il mio cuo...
per pudore, per inco...
Le foglie...
I ricordi che ti han...
Marinuzza a muggheri...
Un sano egoismo...
Oh, dolcezza...
BANANE di Enio2 sati...
La mia mamma...
L'insonnia...
Spremute di coraggio...
Sulla cima dell'abis...
Gli eroi di Erice...
La cernia...
E poi tu...
Condannata...
La poesia che non...
il sentiero sul tuo ...
VOLARE...
LONTANANZA...
La Sedia...
Rilancia i dadi...
Mi sentii amato...
Odio e amore...
Le lacrime...
Quannu vegnu o me pa...
NOCTUA PRONUBA...
Una tiepida scia di ...
Se decidi di donarmi...
LE CANZONI...
C'era una volta la m...
DUE NOVEMBRE...
Il tramonto...
Musa...
IL CUORE E L' ...
Parlami ancora!...
Storia di una vita c...
Quegli occhi...
Relax emotivo...
Terra bagnata...
Madreluna...
Nella vita non smarr...
Penzeno pe' noi...
Oro bianco...
Forse ti amo... fors...
Di là della siepe...
Grazie...
Tascapane...
Il borgo incantato...
Occhi verde Amazzoni...
L'anima si spezza so...
Per essere davvero f...
L'incudine...
Nell'ebrezza dell'az...
Nelle sere...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La Bestia, dentro

Arrivava. Lo sentiva. Lei era lì. Non era mai andata via. La ragazza aveva imparato a riconoscerla. Giungeva strisciando la bestia. Di volta in volta, con fattezze diverse,a volte umane, a disorientarla, a rubarle istanti di vita.
Una bimba che giocava con la sua mente, come fosse una palla. Gliela faceva rimbalzare dentro la testa, prendendosi gioco di lei.E quando,per qualche breve istante, riusciva ad afferrarla, ecco che la palla le sfuggiva di mano. Dispettosa, riprendeva in modo disordinato a rimbalzare. Un tam, tam che dalla testa, arrivava al cuore, e dal cuore, ad attanagliare la bocca dello stomaco, che prigioniero di tale morsa; sussultava. Così, durante questo gioco famelico, persistente e crudele, la ragazza veniva risucchiata in una vorticosa spirale, dove ogni energia si indeboliva, rimandandola sempre più in fondo; negli abissi,dove la bestia albergava.
Qui, spenta la luce, disorientata, un po’ si perdeva. Rimaneva silenziosa, guardinga, ad aspettare. Poi, quando la bestia con i suoi adunchi artigli cercava di sopraffarla, ecco che lei, velocemente la distraeva, scompigliando i pensieri, nutrendola di domande, donandole risposte, regalandole emozioni per tenerla occupata; affinché impegnata non la divorasse.
Così, dopo essersi saziata e rappacificata la bestia per un po’, si assopiva.
Per pochi, brevi attimi, la ragazza si beava del silenzio del nulla. Trovava conforto, fra le braccia dell’anima, che generosa la cullava, consapevole, che sarebbe stato facile lasciarsi andare a quel dolce languore. Poi, una voce,<<Tesoro! >> Una debole fiammella lontana, giungeva a ridestarla dall’oblio in cui galleggiava. Allora annaspando, nuotando, seguiva quella pallida luce e il richiamo morbido, dolce e persistente che la spronava al ritorno, le indicava la via.
Risalita la corrente di quel liquido amniotico che rischiava di farla annegare, la ragazza emergeva, risorgeva, rinasceva a nuova vita.
Agli inizi un po’ incerta, man mano più sicura, poi ferma sulle gambe: come una stella, si ergeva, abbracciava la vita: ritornava a splendere, di luce propria. La bestia non aveva vinto, e lei non aveva vinto la bestia: non del tutto.
Una guerra, la loro, che perdurava nel tempo. Una battaglia senza vincitori ne vinti. Perché ognuno lasciava in pegno qualcosa di sé, che rafforzava o indeboliva l’altro. Uno scambio, che manteneva entrambe in vita. La ragazza aveva imparato a non farsi sopraffare, a tenere a bada la bestia, a convivervi. Ad accettare la parte più oscura di sé: sapendo che avrebbe avuto sempre; dove, e per chi ritornare.



Share |


Racconto scritto il 19/09/2013 - 10:37
Da Claretta Frau
Letta n.534 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Grazie Irene mi fa piacere che tu abbia recepito il senso del mio racconto.ciao

Claretta Frau 25/09/2013 - 19:28

--------------------------------------

saper dove, e per chi ritornare, e un motivo sufficiente a spingersi verso qualunque viaggio, perfino quello contro la bestia. Chi conosce l'inquietudine capisce la ragazza, e sa della bestia, di questo tuo coinvolgente racconto.

Irene Fiume 24/09/2013 - 16:12

--------------------------------------

Mi piace molto

Bard Rofrear 20/09/2013 - 23:14

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?