Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ancora......
Emozioni...
I RICORDI RESTANO...
Nun so romano...
Mentre le mani...
LUCCIOLE IN TERRA ...
Ancora domani...
superbia...
tempesta dentro...
TEMPESTA DI FINE AUT...
ASPETTANDO IL T...
La farfalla...
...te ne vai, con la...
Io devo proseguire...
FRIZZI E LAZZI...
Sazio d'Amore...
Invincibile...
Sola cosa importante...
Nevica...
La notte mi prende p...
Odissea d'amore...
Verità Incompiuta...
Istantanee...
Ultima goccia di cer...
CHE FATICA AMARTI...
Tu che più di chiunq...
VENTUNO A RISPETTO D...
BASTA...
il ruolo del poeta...
QUESTO È IL MIO NATA...
Disperso in una nott...
È Natale che...
Un gelido tramonto...
Antonio...
Come è grande...
Fido...
La fioraia...
IO SONO CAMBIATA...
Cielo pirico...
E mi cruccio, a sera...
Un brano al vento...
Io volo...
Rimembranze...
Monologo del Tacchin...
Mia adorata Paky...
Scelgo le perle...
LA POESIA PIÙ BELLA...
Luci di Natale...
Lettera ad un amico...
Se mi ami...
bene e male...
La moje in vacanza (...
Riempimi di te...
Lacrime...
LUCCIOLE IN CIELO ...
milite armato d'amor...
Un solo colpo...
L'amore ricordato...
A Marta...
ultimi pensieri...
NATALE...
Il suo bastone assen...
Inedia...
Il barattolo...
esecrerò l'odio...
SOSPIRO D'AMORE...
IL SOGNO DI UN AMORE...
La sposa triste...
Dialogo di due innam...
LENTI A CONTATTO...
VISO DI LUNA...
AMORE...
Non sei tu(C)...
Danza...
LUPO AFFAMATO...
LA FESTA DEL LUPO...
Vivo......
Il fesso...
Francesco Forgione...
I miei occhi...
Furto di cocaina...
Un Abbraccio...
Fantasia...
Una delle tante...
Giornataccia!!!...
LA VITA TI HA SCELTO...
L'ODIATO LUPO...
Natale 2017...
Questo può diventare...
Non sprecare il tuo ...
Nuvole 2...
L'altra metà del cie...
E quando le creature...
Vorrei ma non posso...
Come arriva natale...
Fughe...
L'emicrania della no...
Ovunque tu sia...
DOLCI MELODIE...
L'ISTINTO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Annunciazione

ANNUNCIAZIONE
C’è ‘na casetta a Nazareth dove ‘na regazzina, buona, bella e brava de nome Maria, prega .E’ la promessa sposa de Giuseppe, omo onesto e falegname fino, che nun vede l’ora de sposarla.
Maria porta rispetto a la legge der Signore, a tutti vole bene. Conduce ‘na vita casta e pia.
Questo è ‘r segreto santo de’ Maria, che piena è di umiltà che piace tanto ar Dio Trinità.
Dentro la cappelletta der suo core prega tanto quer Dio che è solo Amore. Lo prega de sarvà l’umanità. Debbotto ‘n gran bajore, ‘na luciona, illumina la stanza. Come d’incanto ’n angelo che de’ sole pare vestito ai piedi de’ Maria inginocchiato, le dice co’na carma che nun c’è l’eguale.
Gabriele:“Ave Maria, di grazia piena. Il Signore è con te. Io so’ Gabriele, Arcangelo celeste e pezzo grosso der Paradiso.
De Dio so’ messaggero e Te vengo a da’ ‘na notizia bella.Tra tutte le donne sei la benedetta e benedetto è er frutto der tuo seno Gesù!”
Maria: “Angelo santo, che ma che me dici? Io nun conosco uomo! Co’ Giuseppe, mio sposo, me so’ accordata pe’ vive come frate e sora. Ner mio core c’è posto solo per Dio-Amore! “
De corpo tutto è Luce ne la stanza. L’arcangelo se alza ritto ‘n piedi! Quant’è bello! C’ha ‘n paio d’ali belle assai ,fatte de piume lucenti come perle. Il vestito di zaffiri e diamanti è intessuto,intarsiato di oro damascato, senza ‘na grinza.
Gabriele:“Mo te dico ‘n segreto: der Padre tu sei figlia diletta, dello Spirito Santo sei la sposa. L’Altissimo ti coprirà con la sua ombra e tu Madre der Salvatore, Fijo de Dio, diventerai!”
Maria:”Sia fatta la volontà der Signore che tra le donne m’ha prescelta. Nun se resiste ar richiamo de l’Amore ”.
Così rispose Maria benedetta all’arcangelo da Dio mannato, senza preoccuparsi de dove’ spiega’ a Giuseppe che er fijo che il suo grembo verginale aveva concepito era er Fijo unigenito de Dio. Isaia aveva profetizzato che da una Vergine il Messia sarebbe nato. Miracolo più grande nun ce n’è. Quanno Giuseppe s’accorse che Maria aspettava ‘n fijo , er core je se spezzò.
Giuseppe:“E mo’ che faccio ? Se lo dico all’altri,er core mio è perduto. La rimanno dar padre e dalla madre .Certo pe’ li genitori è ‘n dispiacere! Sempre mejo de lo strazio de’ vedella morta!”
Dall’imbarazzo lo levò Dio che ner core je leggeva e nun je sfuggiva niente.Giuseppe fece ‘n sogno, ma di quelli belli che solo a pensacce te vié la commozione. ‘N angelo der Signore je diceva: “ Giuse’, Giuse’ non ave’ paura de’ pia’ pe’ sposa Maria .Il fijo che ha concepito in seno è Fijo de’ Dio che puro te ha scelto. Alleverai er pupo con amore perché è er Fijo de Domine Iddio er Zignore!”
Così Giuseppe sposò Maria, Vergine Immacolata. Je pareva de’ sta’ ‘n Paradiso.



Share |


Racconto scritto il 25/03/2014 - 04:50
Da Antonella Marinucci
Letta n.554 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?