Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Italia mia (C)...
Parole disorientate...
NERONE er bullo ...
Poeta...
CERCAMI SOTTO LA PEL...
Ora ricordo...
UNA VOLONTARIA...
Terra di Sicilia...
Non aver fretta di m...
La partita di pallon...
Ci sei!...
IL PRESENTE...
Foglia frale Ness...
La comparsa...
LENTEZZA...
La Scatola Laccata, ...
Come soltanto nei so...
ACINO ACERBO...
Il dolce vento dell\...
Un'altra dimensione...
Ti amo e soffro...
...ISTANTE DI PURA F...
CON TE NELL/INFINITO...
Tra vortici di stell...
Un metro di neve bia...
Quell'alone cupo e f...
Poco a poco...
ER LIMONE PAZZO...
Portatore di pietre...
afferra quella nuvol...
D'azzurro e sale...
Rimorso...
il gigante nano. ...
la rosa...
In certi momenti la ...
È bello vivere da il...
la luna dall'alto.....
Non voglio sognare p...
le cose semprici...
DESTINI INCROCIATI (...
E la Luna parló al ...
Ho visto una stella...
Mi piace tutto di te...
Il nulla...
La tua assenza mi ha...
Il Pavone vanitoso...
Maria grazie di esis...
amo la pioggia...
Al cimitero dei carr...
Settembre...
MAROTTA: Family Beac...
Spesso ogni piccola ...
UCCELLI di MALO AUGU...
IL MISTERO DELL\\'EM...
Notturno n.4...
NOI LA VITA...
Agrigento e la Festa...
Piccola cosa...
Il Nero...
Gioventù...
IL MIO AVATAR...
E tacque attorno a n...
FIORI D'ARANCIO...
A ME STESSO...
LA PENDOLA...
Di notte...
Vorrei essere......
Io...
Brezza...
Svegliati è tardi......
Qualcosa che non va...
19 AGOSTO ER COMPLEA...
Non ti chiedere se ...
L’uomo dovrebbe fare...
Dolcezza...
il suo nome...
Falò di pensieri...
Italia mia...
RESILIENZA...
Gli alberi intorno...
Specchio spiatore...
Illusione o realtà?...
Le mie parole sono l...
Quando arriverà il m...
La Pecora nera...
Dove nel cosmo è bui...
Tristezza per la gen...
Ne ho baciate tante ...
Nei nostri sorrisi...
SAHEL...
Contro il destino...
Sandrone...
EVOLUZIONE DELL\'AN...
Non li merito gli oc...
STRAGI...
NOARE O STAR NEGÀ...
l'attesa di guardart...
LA RAGIONE...
Estati su\' di uno s...
LA NOSTRA PROMESSA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Annunciazione

ANNUNCIAZIONE
C’è ‘na casetta a Nazareth dove ‘na regazzina, buona, bella e brava de nome Maria, prega .E’ la promessa sposa de Giuseppe, omo onesto e falegname fino, che nun vede l’ora de sposarla.
Maria porta rispetto a la legge der Signore, a tutti vole bene. Conduce ‘na vita casta e pia.
Questo è ‘r segreto santo de’ Maria, che piena è di umiltà che piace tanto ar Dio Trinità.
Dentro la cappelletta der suo core prega tanto quer Dio che è solo Amore. Lo prega de sarvà l’umanità. Debbotto ‘n gran bajore, ‘na luciona, illumina la stanza. Come d’incanto ’n angelo che de’ sole pare vestito ai piedi de’ Maria inginocchiato, le dice co’na carma che nun c’è l’eguale.
Gabriele:“Ave Maria, di grazia piena. Il Signore è con te. Io so’ Gabriele, Arcangelo celeste e pezzo grosso der Paradiso.
De Dio so’ messaggero e Te vengo a da’ ‘na notizia bella.Tra tutte le donne sei la benedetta e benedetto è er frutto der tuo seno Gesù!”
Maria: “Angelo santo, che ma che me dici? Io nun conosco uomo! Co’ Giuseppe, mio sposo, me so’ accordata pe’ vive come frate e sora. Ner mio core c’è posto solo per Dio-Amore! “
De corpo tutto è Luce ne la stanza. L’arcangelo se alza ritto ‘n piedi! Quant’è bello! C’ha ‘n paio d’ali belle assai ,fatte de piume lucenti come perle. Il vestito di zaffiri e diamanti è intessuto,intarsiato di oro damascato, senza ‘na grinza.
Gabriele:“Mo te dico ‘n segreto: der Padre tu sei figlia diletta, dello Spirito Santo sei la sposa. L’Altissimo ti coprirà con la sua ombra e tu Madre der Salvatore, Fijo de Dio, diventerai!”
Maria:”Sia fatta la volontà der Signore che tra le donne m’ha prescelta. Nun se resiste ar richiamo de l’Amore ”.
Così rispose Maria benedetta all’arcangelo da Dio mannato, senza preoccuparsi de dove’ spiega’ a Giuseppe che er fijo che il suo grembo verginale aveva concepito era er Fijo unigenito de Dio. Isaia aveva profetizzato che da una Vergine il Messia sarebbe nato. Miracolo più grande nun ce n’è. Quanno Giuseppe s’accorse che Maria aspettava ‘n fijo , er core je se spezzò.
Giuseppe:“E mo’ che faccio ? Se lo dico all’altri,er core mio è perduto. La rimanno dar padre e dalla madre .Certo pe’ li genitori è ‘n dispiacere! Sempre mejo de lo strazio de’ vedella morta!”
Dall’imbarazzo lo levò Dio che ner core je leggeva e nun je sfuggiva niente.Giuseppe fece ‘n sogno, ma di quelli belli che solo a pensacce te vié la commozione. ‘N angelo der Signore je diceva: “ Giuse’, Giuse’ non ave’ paura de’ pia’ pe’ sposa Maria .Il fijo che ha concepito in seno è Fijo de’ Dio che puro te ha scelto. Alleverai er pupo con amore perché è er Fijo de Domine Iddio er Zignore!”
Così Giuseppe sposò Maria, Vergine Immacolata. Je pareva de’ sta’ ‘n Paradiso.



Share |


Racconto scritto il 25/03/2014 - 04:50
Da Antonella Marinucci
Letta n.511 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?