Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Pirchì scappi?...
Dentro a una parente...
Giulia...
AMOR CHE A NULLO AMA...
Il cantautore...
Spesso nelle risate ...
Terre in moto...
Oasi...
A volte il perdono r...
La mia dolce musa...
Fiammelle Autunnali...
SCOMMESSA CON IL DES...
Un mattino d'autunno...
Ch'io possa...
Il borgo...
Le vere gioie...
Non calpestate la po...
Piacere, sono IO....
RIMEDI PER CHI RU...
SOSPIRO...
Chissà se Chiara Dor...
DOLCE TRISTE AT...
baciata dalla luna...
Quel che rimane...
Ode a Trieste....
Ebbrezza marina...
Prime impressioni...
La luce negata...
Poche Luci...
Gelato a due gusti...
Alba...
RIFLESSO DI SGUARDO...
IL PRESENTE...
LE CAVERNE DEL CUORE...
Il dolore è come un ...
Campi di anime, per ...
Grigio di nebbia...
Un fiume rosso sangu...
Vola in alto Perché...
PENSIERO D'AUTUNNO...
a Charles Bukowski...
Le rapide dei sogni....
POLVERE D'AMORE...
Attimi...
Diniegato...
Al buio di una caver...
A Genti quannu tinta...
Sfumature d'indaco...
In città...
ECLISSI DI LUNA di E...
Quando va via la neb...
Problema...
adamo ed eva...
Giorni di paura...
Ho ucciso il mio Cuo...
DUBBI...
L'obeso...
ho visto Te...
la fine...
Il tuo amore per me...
Il Silenzio...
OSSERVARE ANCORA...
Ho perso il cielo st...
non camminare davant...
Il salvadanaio...
PER IL SITO...
Scivolano le ombre...
I PROBLEMI DEL ...
AUTOMA...
Dedicato da te a me...
Su questa mia terra...
Ti sento...
Er patto cor demogno...
La grotta nell’autob...
dal giorno alla nott...
LA POLLIVENDOLA...
Autunno per un amico...
Trapasso...
Le mille cose che no...
FIGLIO MIO...
Azzurro...
Il mare verde...
L'allegra triestina...
Spero...
Angeli...
la rifrazione illuso...
Dille ch'io la amo...
Scarmigliata...
A te...
Io e la vita...
Il mio amore non c'è...
ER POVETA E L'UCELLI...
Monotonia uccide poe...
Pensando...un addio!...
La vita è una meravi...
Come rami di uno ste...
TOMBINO...
Foglie morte...
Avida la mia bocca!...
Il farmacista...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPT PER UNA STORIA

Le istruzioni sono:

Da questo incipit inventa una storia:
Era un breve annuncio sul giornale del mattino, un paragrafo soltanto. Un amico mi telefonò e me lo lesse. Niente di speciale. Una cosa così avrebbe potuto scriverla un giornalista alle prime armi, appena uscito dall'università, giusto per esercitarsi un po'.
La data, il nome di una strada, un autista di camion, un pedone, una vittima, un'indagine per probabile omissione di soccorso.
Suonava come una di quelle poesie sulla carta dei cioc-colatini.
« Dov'è il funerale? » chiesi.
« Lo sapessi », rispose lui. « Ma qualche parente ce l'aveva, almeno? »


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Mi sento positiva

Sono ancora tra le lenzuola profumate che dolcemente mi coccolano.Fuori intravedo tra un piccolo spiraglio delle tende una giornata stupenda ,con un sole meraviglioso che mi fa sobbalzare e arricchire ogni mio attimo .
Mi sento positiva e ciò schizzare fà il mio cuore di gioia,pronta per iniziare la giornata colma di cose da fare ma speranzosa di idee grandiose.
Mentre sono intenta nei miei pensieri dolci e sereni squilla il telefono.Un amico mi legge un articolo letto su un giornale scritto in modo infantile dove si denota la semplicità di un giornalista alle prime armi appena uscito all'università giusto per esercitarsi un pò.La data , il nome di una strada un 'autista di camion un pedone ,una vittima un indagine per probabile omissione di soccorso. Ben poco per capire meglio la dinamica e quindi chiedo se la vittima avesse dei parenti per poter capire e seguire un percorso preciso,e dove fosse il funerale.Lui mi risponde che non lo sapeva e quindi era tutto un mistero. Certo la giornata sfavillante che mi ero proposta di affrontare ,il mio amico di certo me l'aveva distrutta dopo una notizia del genere. Mai pensai fare progetti in anticipo accade sempre poi qualcosa che distrugge il pensiero .Forse sarebbe stato meglio staccare il telefono lontano da notizie così struggenti ,ma ormai la giornata il mio amico in qualche modo l'aveva colmato di grigio ed io continuavo ad avere dinanzi l'immagine di quella povera vittima distesa sull'asfalto sola senza nessuno che piangesse sul suo corpo. Penso a colui che non l'aveva soccorso e quindi colpevole doppiamente, con quel dubbio se in caso contrario si sarebbe salvato. Quanti pensieri che ora offuscavano la mia mente ,e per un attimo quel sole che qualche attimo prima mi illuminava di positivo ora era come se fosse diventato scuro e cupo. una giornata ormai rovinata non più brillantosa. Penso e ripenso che fare per riuscire a uscirne fuori e allora in attimo di pensiero mi vesto affrettolosamente e via dal mio amico pronta a capire ,ad indagare per trovare un colpevole ,non era possibile lasciare che rimanesse il dubbio e forse chi sa' la mia giornata poteva anche diventare di nuovo stupenda .
Raggiungo in macchina il mio amico che abitudinario com'era se ne stava in un bar del centro tranquillo a gustarsi la sua colazione.Mi chiedo come fosse possibile dinanzi a notizie del genere. Dopo un saluto affrettato chiedo di rileggere di nuovo la notizia scritta da mediocre e insieme riuscire a capire tutto l'accaduto in quanto non vedevo l'ora di dare la notizia in prima pagina dell'arresto del colpevole ,si non vedevo l'ora ormai la mia giornata era stata in qualche modo rovinata e quindi il mio obiettivo era scrivere quel nome ,la vittima si meritava giustizia .



Share |


Scrittura creativa scritta il 09/04/2012 - 09:16
Da RITA ANGELINI
Letta n.643 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?