Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il mio mare...
Leggere è come aprir...
E' vita vera...
Piccole azioni corag...
IL MAESTRO...
Silenzio......
Valori...
Cicatrici...
An electric air from...
ER BACICCIA (la bann...
Tanka...
Il corpo racconta...
Non ricordo...
Amata mia...
Le Fiamme del Peccat...
Rivoluzione...
La mia odissea...
Con la forza dei ram...
SIMPATICA SORPRESA...
Deriva delle anime...
Vaso...
Dimenticarsi...
Naufrago...
Amore...
Odore di uno spettro...
IL GERME DELLA ...
Sceriffo...
Le note del tempo...
Il caro estinto...
La felicità...
L'assente...
ALLA GUIDA DELLA VIT...
ossuta resilienza...
Eppur sorridi...
Ridere...
Orme future...
Deluso...
Nel fruscio della vi...
Occhi chiusi...
Le mie gambe...
Miraggio di una infa...
UN RESPIRO....
ODE...
ALLE PORTE DEL SOGNO...
Notti magiche !...
D'inverno...
VENICE...
L'ultima gara....
Amantes...
Così poco...
l'armonia...
Il fischio del vento...
Mi hai cambiata...
TELEGRAMMA POETICO...
Tu, pallida Luna...
questi occhi...
Dove abita Amore...
la Givacchi...che st...
Gocce di pianto...
OGGI...
La carità non la con...
La croce...
Anatomia di un bacio...
Orme...
Fare breccia in un m...
Società:...
Canto di un appassio...
Lembo di blu...
Che sapore ha il mal...
Questo amore è come ...
PRATO D’ATTESA...
Sensi...
Scende la sera...
Fiume di ricordi...
Apoteosi della belle...
E HO VISTO TE...
Chiamalo tatto.....
POLPASTRELLO...
CARNE UMANA di Enio ...
MERAVIGLIOSO AMORE...
Le quattro stagioni...
CUPIDO...
CUCCAGNA...
Mi cerchi tu dici...
Il tesoro della Mont...
Nebbia dell'anima...
Tutto l'Universo...
CON RIGUARDO È SAN V...
Auguri, amore...
Le ali dell'amore...
Fiori...
MA LEI LO SA?...
aspettami...
CAP 2 La non-storia...
Reset...
Peggio della malinco...
L'esperimento...
Deserto...
CARONTE...
Aspettando le rondin...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

INCIPIT PER UN RACCONTO BREVE

Le istruzioni sono:

Partendo da questo dialogo inventa una storia:
“No!, no! e poi no!”
“Ma mamma?!”
“Quante volte te lo devo ripetere ancora?...non devi mettere piede in quel luogo…e, soprattutto non devi avere nessun contatto con lei!”
“Ma?, potrebbe essere la nostra unica…”
“Zitta! Non ne voglio più discutere, e mettitelo bene in testa…cosa fai?, non oserei uscire da quella porta, se fossi in te!”


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

TRAPPOLA MORTALE

TRAPPOLA MORTALE
La montagna mostra il suo cappuccio bianco
Come un gigante buono, protegge la valle
Dai refluii freddi venuti da lontano.
Il vecchio lupo affamato avanza allo scoperto,
Fra steli d’erba secca, diretto alla fitta faggeta
Che veste i fianchi di una meravigliosa valle
Facendo da cornice all’imponente montagna.
Il lupo annusa l’aria alla ricerca di quell’odore
Così familiare e temuto, che ha imparato a evitare,
Per sua esperienza diretta o per chi lo ha guidato
Quell’afrore di panni sudati, misto odore di tabacco,
Ne percepisce una lieve traccia che è nell’aria,
Teme il suo più terribile nemico
L’uomo!
Procede guardingo, ma con passo deciso,
Verso la faggeta, e poi ancora più su per i sentieri,
Seguendo il richiamo del suo branco nella valle
L’infallibile olfatto percepisce qualcosa di diverso
Il caratteristico odore della carne di pecora
Guardingo e sospettoso segue l’invito allettante
Proveniente da un sentiero interno, la vede.
Un boccone di carne penzolante da un albero,
Non lo aveva visto mai fino ad’ ora,
Alberi che gli offrissero la tanto agognata cena
C’è qualcosa di strano, le apparenze, lo agitano
La fame è tanta, e il boccone è senza dubbio appetitoso
Esita, ispeziona i dintorni, cerca qualcosa che giustifichi.
Non c’è nessuno, tranne il cinguettio degli uccelli
Cominciano a percepire l’avvicinarsi dell’alba
Un segnale anche per lui, di ritornare alla sua tana
Il grosso boccone attende, l’affamato predatore,
Saggia con la lingua e mordicchiandolo sui bordi,
Il pezzo si stacca dal ramo di faggio.
Con un poderoso morso agguanta la preda morta,
Come può l’onestà del lupo conosce la crudeltà dell’uomo
Così distanti dalla sua natura di selezionati predatori
Non immaginava che dentro quel boccone di carne
Si celasse l’inganno e la morte assassina.
Quel lancinante dolore gli trafigge il corpo
Quell’animale selvatico si dibatte disperato
Il suo istinto, quello che gli ha sempre concesso di vivere libero,
Non gli permette nessuna via di fuga che la morte
Si dimena con tutte le sue forze, è la sua fine.
Il lupo non farà mai più ritorno dalla sua famiglia
Ha capito che la morte è vicina,
L’istinto gli impone di ritirarsi in un luogo appartato,
Lontano dai propri simili, e lasciarsi andare
Solitario, nell’ultimo abbraccio della natura.


Tratto da un racconto di FRANCESCO GENTILE
Non è bella come il tuo racconto
Nel mio riassunto ho fatto del mio meglio grazie




Share |


Scrittura creativa scritta il 27/02/2016 - 00:42
Da GIANCARLO POETA DELL'AMORE
Letta n.263 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


E' senz'altro un bel racconto che mi ha commossa e coinvolta ...Bravo!!! un abbraccio ed un augurio per una bella e serena Domenica

Carla Davì 28/02/2016 - 08:45

--------------------------------------

Buongiorno Poeta dell'Amiata. Ho provato emozione nel leggere questa poesia, che ha amplificato le mie sensazioni a base del racconto. Un sentire condiviso, che mi ha commosso. Un saluto affettuoso di stima e amicizia. Bravissimo

Francesco Gentile 28/02/2016 - 08:09

--------------------------------------

ciao Nadia il racconto è fantastico e reale purtroppo io ho cercato di farne riassunto non accettato come poesia l'ho messo come racconto ciao

POETA DELL'AMIATA LUPO DELL'AM 27/02/2016 - 19:37

--------------------------------------

Bravo a te ed a Francesco Gentile che te l'ha ispirata, sarà contento credo
Bello il Racconto di Francesco e bella la tua poesia
Ciao
Nadia
5*

Nadia Sonzini 27/02/2016 - 19:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?