Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mare verde...
Schizzi di luce (poe...
RICAMI DI LUNA...
Il prestigio di una ...
Nel mercato dell'int...
La mente e il cuore...
Cartagine...
A mio favore...
Un cielo troppo gran...
Alla mia Cri...
gli elementi...
Per tutta l'eternità...
Senza armonia...
Mia Madre...
A te e a me...
LA NINNA NANNA DELLA...
Il regno animali ...
Ostetrica(C)...
PIUMA AL VENTO...
PAURA DEL SILENZI...
STELLA...
L'ignoto...blu...
Sentimenti...
Davanti a noi...
Pace a ferragosto...
SENTO LE TUE CAREZZE...
Evanescente...
Lontano...
...IL SAPORE DEL CAO...
Polvere...
La Ragazza Dai Capel...
E RITORNO AL PASS...
Stupido amore...
Le mie teorie...
La poesia non dev'es...
SENZA AMORE...
ALMENO...
BUGIARDO SORRISO...
Sorriso amaro...
Forse,ti amo....
Bang… Bang… Bang…...
Credevo. E poi......
L'aquilone...
Vien la pioggia d'ag...
L'amicizia I veri...
Cara mamma.......
IL PIANTO DELLA...
Cadice...
ARBRE MAGIQUE...
Ti ho lasciata indie...
Quieto e silenzioso...
Inutili verba...
Vivere...
Quel battito in più...
epoche...
Il punto...
L'odore della Notte...
La MIA STELLA...
Il nodo dell'anima...
La Colonia...
Corro da lei...
SOGNO O ILLUSIONE?...
L'attore...
La missione...
Arijane....
ROMA, CHE T’HANNO FA...
IL RESPIRO DEL MARE...
L'amore che non vive...
Stai con me...
Anna Sorridi...
HAIKU nr. 18...
Bimbo bello...
...QUESTA BELLA ROVI...
Nessuna notizia da D...
Ridere...
La felicità è un'ill...
Nel nuovo sereno...
IL QUARTO ANNIVERSAR...
Vola... Aquila Reale...
Non siamo niente...
Pensieri d\'estate...
La rosa...
Una notte in aeropor...
Vorrei tu fossi qui...
celate in uno scrign...
NONNO RACCONTAMI...
Tediosa....
Diceva mio Padre ......
La tremenda profezia...
voglia in cerca di l...
Datemi una stella...
Le tue lunghissime c...
ESTATE BRUCIANTE...
L 'isola...
Filastrocca d'amore...
Chi sei?...
Diamante...
Il lamento dei poeti...
Troppe-D 2...
amor sofferto...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

SENTIMENTO

Le istruzioni sono:

Pensare a uno di questi sentimenti: odio, rabbia, invidia, gelosia, indifferenza, noia, orgoglio, vergogna, amarezza, tristezza e rimorso. Scrivere quindi un racconto ispirato a tale sentimento senza mai dirlo. Alla fine, tra parentesi, precisare il sentimento al quale ci si è ispirati.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Oggi

Resto ferma immobile a guardare la luce che entra dalla finestra fino a lasciare il posto alle morbide ombre della sera. Rifletto. Vorrei dormire, scomparire, dimenticare ma non è vero.
“Non posso negare che ogni volta che ti vedo mi turbi alquanto”: INVIO.
“A chi lo dici”: INVIO.
Un tuffo nel passato. Votazioni al liceo. Occupazione sì occupazione no.
Ai miei compagni: “Ragazzi ma siete matti? Io voto assolutamente no. Non possiamo perdere giorni di scuola. Non possiamo occupare. È sbagliato.”
Cabina per votare: “Sì”.
Ecco com’è iniziata. A sedici anni. E non lo sapevo.
Innamorata persa, ma soprattutto era andare contro, contro i miei genitori, controcorrente. Lui più piccolo. Ma che importa, lo amo. Sarà l’uomo della mia vita. E se non lo sarà, almeno adesso lo è.
Farò l’amore con lui.
Sarà il primo.
Sarà bellissimo.
Ma Dio non vuole. Mi vede. È peccato.
Ma io vado controcorrente.
Decido di me e della mia vita. Scrivo il mio destino.
Si avvicina Natale.
Non devi stare con lui, lascialo. Si parte per le vacanze sulla neve. Lontano. Mille chilometri. A sciare.
Non voglio partire, non voglio separarmi da te. Ma sì dai, che saranno 15 giorni!!! Ci sono le cabine telefoniche per sentirci. Ti penserò. Ti manderò una cartolina.
Bella la neve. Bianca. Luminosa. Accecante.
Pattiniamo insieme. Di dove sei? Di Napoli. Quanti anni hai? 28. Non li dimostri per niente.
Dammi la mano, ti guido io. Rivedo il video. Era il 1990.
Nulla di più. Una mano. Un cappotto spigato. I capelli lisci col ciuffo. Un sorriso.
Torno a casa dal mio amore.
Continuo a lottare.
È bello lottare per qualcosa di veramente importante. E vincere.
Ma sono sempre io.
Il tempo scorre, io cresco, vivo.
Ti ho dato la mia verginità. Può bastare.
Mi dici che se un giorno dovessimo lasciarci prima o poi diventeremo amanti. E io voglio crederci. Perché quando le strade si dividono forse prima o poi si rincontrano.
Sento ancora il dolore alla bocca dello stomaco, la sensazione di vomito, le lacrime calde che mi solcano il viso, la sensazione di fine per sempre. Mangiare mi dava la nausea. Volevo solo dormire e dimenticare. E svegliarmi come se nulla fosse successo.
Ma il tempo aggiusta tutto, forse.
Era stato solo un bacio ma avevo omesso di dirtelo.
Pensavo di essere stata brava a nascondertelo.
Pensavo non ci fosse nulla di male. Un bacio innocente. Senza proseguo.
E, poi, quella maledetta lettera: “Il tuo ragazzo è fortunato ad averti. Grazie per il bacio che mi hai dato. Ho capito che tu sei innamorata di lui e per me non c’è nessuna speranza”.
Neanche per me c’è stata più speranza, di restare insieme, di vederti ancora innamorato, di baciarti, di guardare le stelle insieme, di accarezzarci nell’acqua salata, di ridere e sussurrarci all’orecchio.
Buono il Batik che mi hai comprato al bar della spiaggia. Ci ho creduto.
Di nuovo a lottare per stare con te, ma contro di te stavolta.
E vinco anche stavolta. Ma non sei più tu. Non sono più io. Il tempo ci plasma a suo piacimento. Nulla ci appartiene per sempre, neanche la nostra stessa vita.
Il vestito carino. Corro da te. Di nascosto dai tuoi coinquilini. Come una ladra. Nella tua stanza. Facciamo l’amore. È bellissimo. Ma non ci apparteniamo più. È un addio.
L’addio più bello della mia vita. Resteremo legati per sempre. Lo sai. Ogni volta che ci incontriamo. Ogni volta che parliamo. Ogni volta che ci raccontiamo le nostre vite. E nessuno potrà mai togliercelo.
Questa sono io.
Non riesco a tagliare il filo che mi lega a chi ho amato.
Forse spero che questi fili mi tengano qui, in questa vita e non mi facciano andare via, mai.
 
Capitolo secondo…me.
Rieccomi, voglia di lavorare zero. Forse zero virgola qualcosa ma qualcosa già ho fatto, quindi per oggi basta.
“Ho di nuovo voglia che facciamo”
“Ah dimenticavo stamattina poi ti ho….. ripensato”
E io leggo e rileggo 100 volte, prima di cancellarlo, per sempre, purtroppo.
La memoria inizia a farmi brutti scherzi e non ricordo tante cose che vorrei ricordare, le frasi che mi scrivi… a volte…
Ma tu ci sei e questo per me è importante.
Mi perdo nei miei pensieri e navigo nei ricordi, nel presente.
Brutta bastarda, falsa, ipocrita, bugiarda. Porti la fede al dito e tradisci. Coscientemente. Costantemente. Totalmente. Ma fedelmente con una persona sola.
Ma è la mia vita. Non appartengo a nessuno. Sono mia.
Nessun dolore. Vivo. Felice di vivere.



OGGI
Ecco un giorno nuovo. Quella foto mi mostra un’altra vita, una vita che non mi appartiene, una dimensione diversa.
Sorrido. Tanto in quest’ultimo periodo. Sembro diversa.
Eccomi a ritagliare momenti e ricordi.
Sensi di colpa e ansia.
E sogno te. Te e me. Mai.
Ad occhi chiusi: parmigiana di melanzane.
Questi siamo noi… ad occhi chiusi.
Se li riapro vedo i binari. Lunghi dritti all’infinito.
Ho preso il treno della vita e ho lasciato andare quello dei desideri.
La razionalità non fa parte della mia vita.
Perché non riesco a capire quando sbaglio, se sbaglio e dove sbaglio?
Sogno ad occhi aperti. Gioia, felicità, tristezza, noia.
Ho il cervello in pappa.
Devo reagire, ma non so come. Sarebbe troppo difficile dimenticare ma è troppo facile decidere di non farlo.
Cataclisma, apocalisse, terremoto.
Sbagliato. Sbagliato. Sbagliato.
Perché è sbagliato?
Perché non ci sono gli interruttori on e off?
C’è solo il tasto rosso dell’autodistruzione.
Sono venuta a vivere dentro di te e adesso mi giro e mi rigiro senza avere pace.
Devo fare pace con me stessa.
Ho il sole dentro, ma non può splendere anche fuori se non apro gli occhi e te li faccio vedere.
Oggi preparerò la crostata.
Buona. Con la marmellata di zucchine.
Per domani. Per stare con gli amici.
Anche dopodomani.
Tu sarai al mare.
Un mare trasparente. E ti bagnerai i piedi. E guarderai l’orizzonte. E riderai. E fumerai il tuo ciucciotto.
E io ti vedrò da lontano. Famiglia felice.
Io con la mia famiglia felice.
Io felice.
Tu felice.
Oggi.
(Rimorso)




Share |


Scrittura creativa scritta il 01/07/2016 - 09:50
Da jlenia cantavenera
Letta n.248 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Letto il racconto e letta la sua presentazione nel profilo. Sicura di accettare di buon animo le critiche?...su questo sito non si usa, lo dice anche il direttore in un comunicato. Certo che ha ragione lei, se si vuol crescere ci si deve confrontare...io avrei qualcosa da dire, oltre le cos positive che ha notato pure Francesco gentile... buona giornata.

Quattro Stagioni 02/07/2016 - 06:01

--------------------------------------

Il racconto mi è piaciuto. La narrazione è avvincente. In quanto al rimorso... lo vedrei esagerato, non dico che non sia pertinente, ma si tratta di un sentimento buio, forse anche irreversibile... mentre dalle pulsioni iuntrospettive seppur contrastanti del racconto, evinco tanto slancio, vitalità... e amore per la vita. Comunque molto apprezzato

Francesco Gentile 01/07/2016 - 16:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?